AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 21633/2011: Deroga ai minimi tariffari: inammissibile se non motivata.

E-mail Stampa PDF

Con questa sentenza la Cassazione ha statuito il principio secondo il quale "in materia di liquidazione degli onorari agli avvocati, il giudice d'appello non può limitarsi ad una apodittica fissazione del compenso spettante al professionista, ma deve determinare, soprattutto in presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, l'ammontare del compenso dovuto al professionista, specificando il sistema di liquidazione adottato e la tariffa professionale applicabile alla controversia, distinguendo ciascuno dei gradi di giudizio di merito, onde consentire l’accertamento della conformità della liquidazione a quanto risulta dagli atti e dalle tariffe, anche in relazione all'inderogabilità dei minimi tariffari" (Cass., sez. II, sentenza 19.10.2011 n° 21633).

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II CIVILE

Sentenza 20 maggio – 19 ottobre 2011, n. 21633

(Presidente Settimj – Relatore D’Ascola)

Fatto e diritto

Con sentenza 28 novembre 2008 il tribunale di Roma accoglieva l'appello proposto dall'odierna ricorrente B.M. in ordine alla compensazione delle spese di lite sancita dal giudice di pace nell'accogliere l'opposizione avverso una cartella esattoriale.

Il tribunale rilevava che la compensazione delle spese non era stata motivata e provvedeva lla loro determinazione, in favore del difensore antistatario, liquidandole unitariamente per il doppio grado di giudizio in Euro 230.

B.M. ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 28 settembre 2009 formulando i quesiti a conclusione dei due motivi di doglianza.

Il Comune di Roma ha resistito con controricorso.

Ha eccepito che: il giudice ha compensato in parte le spese di lite e che i minimi tariffari non hanno carattere inderogabile. Parte ricorrente ha depositato memoria. Il Collegio ha raccomandato una motivazione semplificata.

Il tribunale ha affermato in motivazione di voler liquidare le spese "avuto riguardo alla natura del procedimento". Ma poi liquidato in 230,00 Euro complessive, "oltre oneri", le spese "del doppio grado di lite".

Il primo motivo di ricorso fondatamente censura questa liquidazione perché contraria al disposto dell'art. 4 Cap. 1 delle tariffe allegate al d.m. 127/2004, in quanto inferiore ai minimi degli onorari ed ai diritti fissi ivi stabiliti.

Il secondo motivo lamenta l'ulteriore vizio della motivazione, costituito dalla mancata indicazione delle ragioni della riduzione adottata rispetto ai minimi tariffari.

Invano il controricorso oppone che il giudice di appello avrebbe compensato in parte le spese di lite.

Ciò non risulta affatto dalla motivazione, che era anzi, quanto al primo grado, espressamente tesa ad accogliere le doglianze della M. in ordine alla compensazione delle spese immotivatamente disposta dal primo giudice.

Quanto al secondo grado è chiaramente enunciato in sentenza il principio che le spese sarebbero state liquidate secondo soccombenza.

Le censure sono entrambe fondate, poiché la normativa sui minimi tariffari è ancora in vigore, non essendo stata abrogata dalle disposizioni dell'art. 2 della L. 24 8/06, che consentono un accordo derogatorio tra le parti, nella specie non sussistente.

Il Tribunale non poteva quindi ridurre il compenso oltre i minimi o avrebbe dovuto almeno offrire motivazione di detta riduzione, misurandosi con la notula prodotta dal difensore, per consentire il controllo in sede di impugnazione.

La decisione è invece del tutto apodittica, non essendosi soffermata sulle ragioni né della entità delle speso liquidate, né dei la congiunta liquidazione per i due gradi di giudizio, in contrasto con il dovere di rapportarsi ai singoli gradi in cui si è svolto il giudizio di merito (v Cass. 17059/07).

Discende da quanto esposto l'accoglimento del ricorso.

La sentenza va cassata e la cognizione rimessa ad altro giudice del tribunale di Roma, che si atterrà al seguente principio di diritto:

In materia di liquidazione degli onorari agli avvocati, il giudice d'appello non può limitarsi ad una apodittica fissazione dei compenso spettante ai professionista, ma deve determinare, soprattutto in presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, l'ammontare del compenso dovuto al professionista, specificando il sistema di liquidazione adottato e la tariffa professionale applicabile alla controversia, distinguendo ciascuno dei gradi di giudizio di merito, onde consentire l’accertamento della conformità' della liquidazione a quanto risulta dagli atti e dalle tariffe, anche in relazione all'inderogabilità dei minimi tariffari.

Provvederà altresì alla liquidazione delle spese di questo giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, ad altro giudice del tribunale di Roma.

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 3266/2016. Indennizzo diretto - Fase stragiudiziale e compensi professionali

In tema di risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, l'art. 9, comma 2, del d.P.R. 18 luglio 2006, n. 254, emanato in attuazione dell'art. 150, comma l, del d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209, il quale, per l'ipotesi di...

» Cass.11615/2015. Riduzione dei compensi professionali: deve essere motivata.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che, in tema di liquidazione delle spese processuali, il giudice, in presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, non può limitarsi ad una globale determinazione dei...

» Cass. 8806/2015. Davanti al GdP le spese processuali non possono superare il valore della domanda solo per le causa decise secondo equità

La previsione di una limitazione alla liquidazione delle spese nel caso di giurisdizione equitativa del giudice di pace appare rispondente alla possibilità, riconosciuta alle parti dall'art. 82, primo comma, c p. c., di stare in giudizio di...

» Cass. 8918/2015. La compenzazione delle spese non può essere basata sulla peculiarità della fattispecie

“L’art. 92 c.p.c., comma 2, nel testo introdotto dalla L. 28 dicembre 2005, n. 263, art. 2, comma 1, lett. a), dispone che il giudice può compensare le spese, in tutto o in parte, se vi è soccombenza reciproca o concorrono altri giusti...

» Cass. 7385/2015. Campensazione delle spese: è il giudice che stabilisce se il motivo è giusto

L’art. 92, comma 2, c.p.c., riferendosi ai giusti motivi (prima della modifica della l. n. 69/2009, che ha limitato la compensazioni alle gravi ed eccezionali ragioni), assume il connotato di norma “elastica”, che può essere adeguata al...

» Tribunale di Nola. Quando la compagnia comunica alla parte che la somma spettante all'avvocato è inferiore a quella effettivamente concordata.

L'attore-avvocato ha convenuto in giudizio la compagnia di assicurazione in quanto quest'ultima, agendo con negligenza e colpa grave, erroneamente aveva comunicato alla assistita che il professionista, a seguito dell'intercorsa transazione,...

» Quando la compagnia di assicurazione erroneamente comunica al danneggiato che la somma ricevuta non è comprensiva di compensi legali (M. Cuomo)

Spedito l'assegno - a seguito di sentenza ed invio conteggi - con successiva missiva, la compagnia di assicurazione comunicava che, della somma ricevuta, nulla era dovuto al legale. Poichè anche il Call Center confermava tale circostanza, l'attore...

» Cass. 23677/2012: Compensi avvocato. Minimi e massimi: potere discrezionale del giudice

In tema di compensi per lo svolgimento di attività professionale, anche in materia stragiudiziale, la determinazione degli onorari di avvocato costituisce esercizio di un potere discrezionale del giudice, che, se contenuto tra il minimo ed il...

» Cass.26987/2011. Compensazione delle spese senza giustificazione: illegittimità.

Il giudice può compensare le spese, in tutto o in parte, se vi è soccombenza reciproca o concorrono altre ”gravi ed eccezionali ragioni ”, esplicitamente indicate nella motivazione. A tal fine, non è sufficiente che il giudicante fornisca...

» Cass.n. 2170/2011: Le spese generali spettano all'avvocato in via automatica.

Il rimborso delle spese generali spetta all'avvocato in via automatica e con determinazione "ex lege", dovendosi, pertanto, ritenere compreso nella liquidazione degli onorari e diritti di procuratore nella misura del 10%, anche senza espressa...

» Cass.n. 9192/2010: le spese generali sono dovute anche in assenza di richiesta

Le spese generali (12,5%) di cui all'art. 14 della L.P. (D.M. n. 127 del 2004) spettano all'avvocato, indipendentemente da una esplicita domanda dovendosi, quest'ultima, ritenere implicita nella domanda di condanna al pagamento degli onorari...

Giudice di Pace di Nola

Eventi Formativi

<<  Feb 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728   

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png