AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Quattro sul ciclomotore: responsabilità esclusiva del conducente il veicolo antagonista (A.Fuscellaro)

E-mail Stampa PDF

Il Giudice di Pace, in questa sentenza, ha ritenuto che il trasporto irregolare (4 persone sul ciclomotore: genitori e due minori), di per sè, non può escludere o limitare la responsabilità del conducente il veicolo antagonista se dalla istruttoria non è emersa una condotta irregolare del danneggiato che abbia avuto una efficienza causale nella determinazione del sinistro (Giudice di Pace di Ottaviano - sentenza  21/02/2011).

Sentenza inviata dall'avv. Ciro Annunziata


REPUBBLICA ITALIANA

NEL NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL GIUDICE DI PACE D'OTTAVIANO

dott.Antonio Fuscellaro -

ha reso la seguente

SENTENZA

nella causa civile iscritta al n. 2187/2009 del ruolo generale degli affari civili, decisa nell'udienza del 21 febbraio 2011, con la lettura contestuale del dispositivo riprodotto in calce e con riserva del successivo deposito della motivazione,

TRA

- FFF MARIA, nata a San Giuseppe Vesuviano (NA) il 00 XXX 000, redente a Terzigno (NA), al n. 19 della via Zzz, ed elettivamente domiciliata ad OTTAVIANO (NA), al n. 000 del Vvv Rrr Eee, nello studio dell'Avv. Ccc Aaa, che la rappresenta e la difende, giusta la relativa procura speciale ad litem conferitagli a margine del ricorso introduttivo,

- ricorrente -

E

1) "Assicurazione" S. p. A., nella/e persona/e del/dei suo/suoi legale/i rappresentante/i , pro tempore (nel caso specifico, l'Avv.Mmm Mmm, ex rogito del notaio Mmm Sss di Ccc, RM, del 18 febbraio 2009, sub n. 21xx del repertorio e sub n. 56xx della raccolta), con sede a Roma (RM, al n. xx della via Lll Bbb, ed elettivamente domiciliata a Nocera Inferiore (SA), al n. 00 della via Ggg Mmm, nello studio dell'Avv. Aaa Ccc, che la rappresenta e la difende, giusta la relativa procura speciale ad litem conferitagli in calce della copia notificata del ricorso introduttivo e del pedissequo decreto di fissazione dell'udienza,

- resistente -

2) D'Aaa Massimo, nato a Sss (NA) il 00 yyy 000 e residente a Scafati (SA), al n. 00 della via Ggg Mmm,

- resistente, contumace -

Oggetto: risarcimento di danni (per lesioni personali) da circolazione di veicolo obbligatoriamente assicurando, giusta il c. d. "'meccanismo tradizionale", eslusivamente applicabile nella fattispecie ratione temporis, con riferimento alla data d'accadimento del sinistro, (causa per la quale è stato seguito il c.d. "rito del lavoro", ai sensi dell'art. 3 della legge 21 febbraio 2006, n.102).

Conclusioni: come dagli atti processuali tutti e dai verbali tutti d'udienza, in quanto utilizzabili all'uopo.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

- Omesso, ex art. art. 132, 1° comma, n. 4 del c.p.c., nel testo sostituito dall'art, 45, 17° c. della legge 18 giugno 2009, n. 69, con decorrenza dal 4 luglio 2009, applicabile anche ai giudizi ancora pendenti in primo grado alla data d'entrata in vigore della legge stessa, ex art. 58, 2° e. della medesima.

MOTIVI DELLA DECISIONE

(di fatto e di diritto)

- Preliminarmente, verificata la regolarità dei contraddittorio sotto ogni possibile profilo conferente (nel caso specifico, la validità del ricorso introduttivo, la validità della costituzione del ricorrente, la validità e la tempestività della notificazione del ricorso stesso e del pedissequo provvedimento di fissazione dell'udienza relativa a chi di dovere e la validità e la tempestività della costituzione della resistente compagnia assicuratrice, si dichiara la contumacia di Massimo D'Aaa, con ogni conseguenza del caso iuxta legem, non essendosi il resistente responsabile civile, pur ritualmente evocato in giudizio, mai. costituito.

- Quoad cetera, si rileva che la domanda di Maria FFF sì delinea pienamente provata quanto alla sua proponibilità, quanto alla sussistenza delle varie legittimazioni del caso (attiva e passive) e quanto alla sua fondatezza sotto il profilo dell'an debeatur, con quel che ne consegue sotto il profilo del quantum debeatur, all'esito della più compiuta ed oculata valutazione congiunta delle risultanze tutte della cospicua documentazione prodotta (con precipuo riferimento alla sua proponibilità ed sussistenza delle varie legittimazioni del caso, attiva e passive), delle risultanze tutte della pregnante prova testimoniale raccolta (con precipuo riferimento alla sua fondatezza sotto il profilo dell'an debeatur) e delle risultanze tutte dell'espletata consulenza tecnica d'ufficio medico/legale (con precipuo riferimento a quel che ne consegue sotto il profilo del quantum debeatur) e, massimamente, alla stregua del relativo riscontro incrociato tra le stesse tutte.

§§§§§§§§§§§§

- Segnatamente, per quanto inerisce il profilo o dell'an debeatur, si rileva che la prova testimoniale raccolta (congruamente chiara, precisa e puntuale) ha suffragato sia l'oggettiva realtà ontologica dell'incidente stradale di cui trattasi (id est, il suo accadimento, nelle specifiche circostanze di tempo e di luogo dì cui al ricorso introduttivo e con il coinvolgimento nel medesimo dei veicoli menzionativi), sia la ragionevole sussistenza della piena, totale ed esclusiva responsabilità del conducente del ciclomotore APRILIA "Scarabeo" (di Massimo D'Aaa e garantito per la r.c. dalla società "Assicurazione" S. p. A.) nella sua verificazione, atteso che egli - vuoi per imprudenza, vuoi per negligenza, vuoi per imperizia, vuoi, com'é più probabile, per un micidiale mix da tutto ciò - violava cogenti regole di guida specificamente prescritte dal Codice della Strada e non s'atteneva a comuni regole di cautela intuitivamente ispirande dal più elementare buon senso, finendo così per porre inevitabilmente in essere l'antecedente causale contemporaneamente necessario, sufficiente ed unico della collisione tra il predetto veicolo ed il ciclomotore PIAGGIO "Vespa" (sul quale viaggiava Maria FFF, come passeggera), a carico del conducente del quale, per contro, non è risultato ascrivibile alcunchè di minimamente censurabile (ben vero, con una condotta uno tempore improvvida, inopinata ed aleatoria, tale da risultare semplicemente proditoria nella sua più completa, assoluta ed imprevedibile repentinità, il ciclomotore APRILIA "Scarabeo" procedeva a velocità inadeguata e vicino alla linea di mezzeria, per il che invadeva l'opposta semicarreggiata, inesorabilmente attingendovi il ciclomotore PIAGGIO "Vespa", che stava sopraggiungendo, a velocità moderata e strettamente sulla propria destra).

- All'uopo, poi, si sottolinea che risulta superata la circostanza che sul ciclomotore PIAGGIO "Vespa" viaggiassero ben quattro persone (oltre la ricorrente stessa, suo marito ed i loro due figli), perché non è emerso che tale condotta irregolare avesse concreta efficienza causale nell'accadimento dei sinistro: altrimenti detto, data la dinamica precedentemente descritta, questo si sarebbe verificato ugualmente per colpa piena, totale ed esclusiva del conducente dei ciclomotore APRILIA "Scarabeo", anche se sul ciclomotore PIAGGIO "Vespa" sii fosse trovato il solo conducente.

§§§§§§§§§§§

Altresì, relativamente al profilo del quantum debeatur, si possono recepire aequo animo le conclusioni del consulente tecnico d'ufficio dott. Sss Mmm (2,5% d'invalidità definitiva, 15 giorni d'inabilità temporanea totale e 20 giorni d`inabilità temporanea parziale al 50%), atteso che l'elaborato peritale del predetto risulta connotato da un'ampia e puntuale raccolta dei dati anamnestici tutti del caso, prossimi e remoti, e da una corretta valutazione medico/legale degli stessi,immune da vizi logici e giuridici.

Rebus sic stantibus, applicando per le varie voci del danno biologico i valori previsti ratione temporis dall'art. 5 della legge 5 marzo 2001, n. 57 (che sono, poi, quei di cui al decreto ministeriale d'adeguamento del 30 luglio 2002, pubblicato nella G.U. n. 186 del 9 agosto 2002, in quanto validi dall'1 aprile 2003 al 31 marzo 2003, essendo il fatto successo il 12 maggio 2002), alla stregua dell'età della ricorrente al momento dell'incidente (23 anni compiuti, essendo ella nata il 00 xxx 1978), liquidando il danno morale nella misura di 1/3 del danno biologico tutto, (per invalidità definitiva e per inabilità temporanea, totale e parziale) e tenendo conto, per il danno patrimoniale, sia delle spese effettivamente sostenute, in quanto documentate, sia delle spese presumibilmente sostenende, secondo un criterio di prudente ragionevolezza, si riconoscono a Maria FFF € 4.024,36 (di cui € 1.720,27 per il danno biologico per invalidità definitiva, E 555,30 per il danno biologico per inabilità temporanea totale, € 370,20 per il danno biologico per inabilità temporanea parziale al 50%, € 882,09 per il danno morale ed € 500,00 per il danno patrimoniale) ovvero, per arrotondamento semplificativo all'intero inferiore, in quanto più vicino, € 4.024,00 netti.

- Alla somma così riconosciuta (id est ad E 4.024,00) poi, trattandosi di credito di valore andrà aggiunta la rivalutazione monetaria, giusta l'indice o gli indici dei prezzi correnti al consumo per le famiglie d'impiegati e d'operai, quale/i rilevato/i dall'ISTAT, applicabile/i ratione temporis vel temporum, dalla data del fatto (id est, dal 12 maggio 2002) alla data del deposito della presente sentenza; altresì andranno aggiunti gli interessi, giusta il/i tasso/i legale/í vigente/i ratione temporis vel temporum, sulla somma medesima (id est, su E 4.024,00), quale annualmente rivalutata, secondo l'insegnamento sul punto del Supremo Collegio che questo magistrato ritiene più condivisibile, sempre dalla data del fatto (id est, sempre dal 12 maggio 2002) alla data del deposito della. presente sentenza; ancora, andranno aggiunti gli interessi, (sempre) giusta il/i tasso/ii legale/i vigente/i ratione temporis vel temporum sulla somma rivalutata alla data del deposito della presente sentenza, dalla data di questo alla data dell'effettivo pagamento.

§§§§§§§§§§

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano nella misura che risulterà dal dispositivo, con il beneficio della distrazione in favore dell'Avv. Ccc Annn, sussistendone i presupposti, ex art. 93, 1° c. del c. p. c.

PQM

Il Giudice di Pace d'Ottaviano dott. Antonio Fuscellaro, definitivamente pronunciando nella causa civile compiutamente indicata nell'epigrafe, disattesa ogni altra istanza, casi provvede:

1) dichiara la contumacia di Massimo D'Aaa;

2) condanna la società "Assicurazione" S. p. A., nella/e persona/e del/dei suo/suoi legale/i rappresentante/i pro tempore, e Massimo D'Aaa,solidalmente inter se, a pagare a Maria FFF la somma risarcitoria di € 4.024,00 (quattromilaventiquattro/00) con il duplice favore della rivalutazione monetaria e degli interessi legali, come dettagliatamente precisato nella motivazione;

3) condanna la società "Assicurazione" S. p. A., nella/e persona/e del/dei suo/suoi legale/i rappresentante/i pro tempore, e Massimo D'Aaa, solidalmente inter se, a pagare le spese processuali, distratte in favore dell' Avv. Ccc Aaa e liquidate nella misura di € 3.500,00 (tremilacinquecento/00), dì cui 900,00 (novecento/O0) per spese vive (incluso l'esborso per la consulenza tecnica d'ufficio medico/legale), 1.200,00 (milleduecento/00) per diritti di procuratore ed € 1.400,00 (millequattrocento/00) per onorari d'avvocato, da maggiorare del rimborso delle spese generali (nella misura vigente ratione temporis) e, ma solo se documentati da regolare fattura ad emettersi, anche degli importi del contributo previdenziale (nella misura vigente ratione temporis) e dell' i. v. a. (nella misura vigente ratione temporis);

4) dichiara la sentenza provvisoriamente esecutiva ope legis.

Così deciso ad Ottaviano (NA) il 21 febbraio 2011.

Il Giudice di Pace

Dott. Antonio Fuscellaro

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 16477/2017. L'art. 141 CdA si applica anche se il veicolo antagonista è sconosciuto o scoperto di assicurazione.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che, sulla base sia del dato testuale che delle finalità della norma, che sono quelle di tutelare il terzo trasportato, in caso di scontro, per fargli avere nel modo più semplice e...

» Cass. 20654/2016 - Art. 141 d.lgs.209/2005: il trasportato deve provare non solo il danno, ma anche l'effettivo accadimento del sinistro ed il nesso di causalità tra incidente e danni da risarcire.

Il Tribunale, confermando la sentenza del Giudice di Pace, rigetta l'appello esprimendo un giudizio di inattendibilità del teste e ritenendo, conseguentemente, che l'incidente non sia stato provato. La Corte di Cassazione, nella sentenza in...

» Cass. 19986/2016. Coniuge comproprietario-trasportato del veicolo: ha diritto al risarcimento danni.

Alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea (sentenza 1 dicembre 2011, Churchill Insurance/Wilkinson), giusta il principio solidaristico vulneratus ante omnia reficiendus,  il proprietario trasportato ha diritto,...

» Corte Appello di L'Aquila. Art. 141 CdA: si applica anche senza coinvolgimento di altri veicoli

La Corte d'Appello di L'Aquila, con la sentenza che segue, ha ritenuto che,  ai fini della invocabilità della previsione ex art. 141 d.lgs. 209/2005 non sono previste preclusioni a seconda che il sinistro sia avvenuto o meno a seguito della...

» La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del D.Lgs. 209/2005

 La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del d.lgs.209/2005(avv. Maria Cuomo - Giudice di Pace di Nola)   

» Cass. 25345/2015. Scontro tra veicolo e motorino. Corresponsabilità dei conducenti. Trasportata illegittimamente sul motorino esente da responsabilità.

Se la presenza illegittima di due persone sul ciclomotore non ha avuto alcuna effi­cienza causale nella produzione del sinistro, allora nessuna responsabilità puó essere attribuita al trasportato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la...

» Cass. 16181/2015. Il trasportato non deve provare le modalità del sinistro. Il caso del trasportato proprietario del veicolo

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha affermato che il terzo trasportato per essere risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo del quale era a bordo al momento del sinistro deve fornire la prova di aver subito un danno a...

» Cass. 7704/2015. Trasportato proprietario del veicolo: quale azione per ottenere il risarcimento integrale?

"Il diritto del trasportato all'integrale risarcimento del danno costituisce una pacifica acquisizione della giurisprudenza di questa Corte,  a condizione che questi non sia anche proprietario del mezzo. È necessario, però, che tale risarcimento...

» Tribunale di Siena. Trasportato: il conducente del veicolo non è litisconsorte necessario

Anche il Tribunale di Siena ha ritenuto che se il trasportato invoca l'art. 141 del D.Lgs.209/2005 deve convenire in giudizio unicamente la compagnia di assicurazione del veicolo del quale viaggava a bordo, non sussistendo, nella fattispecie, una...

» Cass. 5795/14. E' onere del danneggiante provare che il trasportato non indossava la cintura di sicurezza.

Il conducente del veicolo, in prossimità di una curva, perde il controllo della propria auto la quale, finita fuori dalla sede stradale, si ribalta in una scarpata. A seguito di tale caduta, il trasportato è sbalzato fuori dalla vettura,...

» Art. 141 CdA: inapplicabile se uno dei veicoli coinvolti nel sinistro non è assicurato (A. Esposito)

Gli attori hanno agito, in via principale, ai sensi dell'art. 141 del D. Lgs. 209/2005, nei confronti della S.p.A. UGF Assicurazioni, assuntrice del rischio derivante dalla circolazione del motociclo Honda a bordo del quale era trasportato il...

» Cass. 26239/2013. Trasporto illegittimo di passeggero su ciclomotore: esclusa la responsabilità del conducente se non vi è collegamento con l'evento dannoso.

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale l'inosservanza di una norma di circolazione stradale, pur comportando responsabilità sotto altro titolo per l'infrazione commessa, non è di per sè...

» Cass. 19963/2013. Il trasportato anche se proprietario del veicolo e contraente ha diritto al risarcimento

La vittima trasportata ha sempre e comunque diritto al risarcimento integrale del danno, quale che ne sia la veste e la qualità. Tale principio, che, nel caso sottoposto al vaglio della Corte Regolatrice, è stato dichiarato operante anche per il...

» Art. 141 CdA. Trasportato: legittimata passiva è la sola compagnia di assicurazione del vettore (A. Ventimiglia)

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace ha ritenuto che, in caso di lesioni subite dal terzo trasportato, legittimato passivo è unicamente l'istituto assicuratore del veicolo del vettore. Infatti, ha ritenuto il giudicante, in base all'art....

» Art. 141 del D. Lgs. 209/2005. Il terzo trasportato: applicabilità della norma e legittimazione passiva (Margherita e Francesco Annunziata)

 Art. 141 del D. Lgs. 209/2005. Il terzo trasportato: applicabilità della norma e legittimazione passiva (Margherita e Francesco Annunziata) 

» Tribunale di Nola. Art. 141 CdA: l'azione va proposta nei confronti del solo assicuratore del vettore (C.Costabile)

Il terzo trasportato può scegliere se citare in giudizio il solo responsabile del danno, se esercitare l'azione diretta ex art. 144 d.lg. n. 209 del 2005, coinvolgendo anche la compagnia assicuratrice di quest'ultimo, ovvero invocare l'art. 141...

» Trasportato. Mancanza di scontro con altro veicolo: inapplicabilità dell'art. 141 CdA (M. Cuomo).

Nel  caso conclusosi con la sentenza in esame (domanda proposta dal trasportato per le lesioni subite a seguito di sinistro senza coinvolgimento di altro veicolo) il Giudice di Pace ha ritenuto la inapplicabilità dell'art. 141 del D. Lgs. 209/2005...

» Sinistro causato dal solo vettore senza coinvolgimento di altro veicolo: inapplicabilità dell'art. 141 CdA (A.Ventimiglia)

Con la sentenza in esame, il Giudice di Pace ha ritenuto che, alla luce del costante riferimento alla necessaria compresenza di almeno due istituti assicuratori, l'art. 141 del D.Lgs. 209/2005 non è applicabile alle ipotesi di sinistro verificatosi...

» Quattro sul ciclomotore: responsabilità esclusiva del conducente veicolo antagonista e corresponsabilità genitori ex art. 1227 c.c.(M. Cuomo)

Il Giudice di Pace, in questa sentenza, ha ritenuto che il trasporto irregolare (4 persone sul ciclomotore: genitori e due minori), di per sè, non può escludere o limitare la responsabilità del conducente il veicolo antagonista se dalla...

» Cass. 25218/2011: Due sul ciclomotore: responsabilità dei genitori.

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha ritenuto che costituisce massima d'esperienza comune la circostanza che l'impianto frenante di un ciclomotore, progettato per una sola persona, abbia un'efficacia ben minore, quando il mezzo...

» Cass. 10526/2011: Tre su ciclomotore: concorso di colpa del trasportato.

Quando la circolazione di un ciclomotore con a bordo tre persone (di cui uno minore) è ricollegabile all’azione o omissione sia del conducente che del trasportato, emerge una fattispecie caratterizzata dal reciproco consenso dei medesimi alla...

» Azione ex art. 141 C.d.A. e modalità richiesta di risarcimento (A.Ferrara)

Il Giudice di Pace con la sentenza che segue ha dichiarato la improponibilità della domanda proposta ex art. 141 D. Lgs. 209/2005 in quanto l'attore, disattendendo il dettato della legge, ha provveduto all'invio della richiesta di risarcimento...

» Conflitto di interessi tra madre corresponsabile del sinistro e minore (M.Cuomo).

Con l'ordinanza che segue il Giudice ha Pace ha ritenuto 1) la mancanza di titolarità ad agire - per conflitto di interessi - della madre corresponsabile delle lesioni subite dal minore trasportato unitamente alla stessa su un ciclomotore, senza...

» La tutela del trasportato (Anna Esposito)

IL RISARCIMENTO DEL DANNO SUBITO DAL TERZO TRASPORTATO ( Avv. Anna Esposito - Giudice di Pace di Ottaviano)Il risarcimento del danno subito dal terzo trasportato è disciplinato dall’articolo 141 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre...

» Corte Cost. 205/2008 - Ordinanza - Trasportato

"I giudici rimettenti non hanno adempiuto l'obbligo di ricercare un'interpretazione costituzionalmente orientata delle norme impugnate, nel senso cioè che esse si limitino a rafforzare la posizione del trasportato, considerato soggetto debole,...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Set 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Un brocardo al giorno...

Novissima voluntas servatur.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png