AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass.n. 9192/2010: le spese generali sono dovute anche in assenza di richiesta

E-mail Stampa PDF

Le spese generali (12,5%) di cui all'art. 14 della L.P. (D.M. n. 127 del 2004) spettano all'avvocato, indipendentemente da una esplicita domanda dovendosi, quest'ultima, ritenere implicita nella domanda di condanna al pagamento degli onorari (Cassazione, Sez. III, 19 aprile 2010, n. 9192).

Art. 14 Rimborso spese generali.

All'avvocato e al praticante autorizzato al patrocinio è dovuto un rimborso forfettario delle spese generali in ragione 12,5% sull'importo degli onorari e dei diritti ripetibile dal soccombente.

Cassazione, Sez. III, 19 aprile 2010, n. 9192

(Pres. Finocchiaro – Rel. Massera)

Osserva

È stata depositata la seguente relazione:

1 - Con ricorso notificato il 15 maggio 2009 G. S. ha chiesto la cassazione della sentenza, non notificata, depositata in data 2 luglio 2008 dal Tribunale di Roma che, in riforma della sentenza del Giudice di Pace, aveva condannato il Comune di a risarcirle i danni conseguenti ad una caduta cagionata da insidia esistente nel terreno ma l’aveva condannata a rimborsare alla Company le spese del giudizio di primo grado.

Quest’ultima ha proposto ricorso incidentale per contestare la responsabilità del proprio assicurato.

Il Comune di s non ha svolto attività difensiva.

Preliminarmente i due ricorsi vanno riuniti ai sensi dell’art. 335 c.p.c.

2 - Ragioni di carattere logico inducono ad esaminare per primo il ricorso incidentale. Con esso la Company lamenta erronea contraddittoria e illogica valutazione delle risultanze istruttorie e nell’applicazione delle norme di diritto ex art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c.

La formulazione dell’unico motivo di ricorso non soddisfa i requisiti stabiliti dall’art. 366-bis c.p.c.

Occorre rilevare sul piano generale che, considerata la sua funzione, la norma indicata (art. 366 bis c.p.c.) va interpretata nel senso che per ciascun punto della decisione e in relazione a ciascuno dei vizi, corrispondenti a quelli indicati dall’art. 360, per cui la parte chiede che la decisione sia cassata, va formulato un distinto motivo di ricorso.

Per quanto riguarda, in particolare, il quesito di diritto, è ormai jus receptum (Cass. n. 19892 del 2007) che è inammissibile, per violazione dell’art. 366 bis c.p.c., introdotto dall’art. 6 del d.lgs. n. 40 del 2006, il ricorso per cassazione nel quale esso si risolva in una generica istanza di decisione sull’esistenza della violazione di legge denunziata nel motivo. Infatti la novella del 2006 ha lo scopo di innestare un circolo selettivo e “virtuoso” nella preparazione delle impugnazioni in sede di legittimità, imponendo al patrocinante in cassazione l’obbligo di sottoporre alla Corte la propria finale, conclusiva, valutazione della avvenuta violazione della legge processuale o sostanziale, riconducendo ad una sintesi logico-giuridica le precedenti affermazioni della lamentata violazione.

In altri termini, la formulazione corretta del quesito di diritto esige che il ricorrente dapprima indichi in esso la fattispecie concreta, poi la rapporti ad uno schema normativo tipico, infine formuli il principio giuridico di cui chiede l’affermazione.

Quanto al vizio di motivazione, l’illustrazione di ciascun motivo deve contenere, a pena di inammissibilità, la chiara indicazione del fatto controverso in relazione al quale la motivazione si assume omessa o contraddittoria, ovvero le ragioni per le quali la dedotta insufficienza della motivazione la renda inidonea a giustificare la decisione; la relativa censura deve contenere un momento di sintesi (omologo del quesito di diritto), che ne circoscriva puntualmente i limiti, in maniera da non ingenerare incertezze in sede di formulazione del ricorso e di valutazione della sua ammissibilità (Cass. Sez. Unite, n. 20603 del 2007).

La censura della S., che si sviluppa per cinque pagine, risulta priva del momento di sintesi formulato secondo il criterio sopra enunciato e necessario per circoscrivere il fatto controverso e per specificare quali capi della sentenza e per quali ragioni presentino una motivazione rispettivamente erronea, contraddittoria e illogica. Viene formulato un quesito di diritto con riferimento all’art. 2043 c.c., ma con esso non viene postulata l’enunciazione di un principio di diritto, ma piuttosto chiesta una valutazione di merito e della congruità della motivazione addotta dal giudice d’appello.

3. - Con il primo motivo del ricorso principale la S. denuncia violazione e falsa applicazione del combinato disposto degli artt. 91 c.p.c., 15 D.M. 585 del 1994, 14 D.m. n. 127 del 2004. Formula un quesito mediante il quale chiede alla Corte di stabilire se il giudice, anche in assenza di esplicita richiesta, nel liquidare le spese di lite debba disporre anche il rimborso delle spese generali.

Questa stessa sezione (Cass. Sez. III, n. 20321 del 2005) ha già stabilito che il rimborso (cosiddetto forfettario) delle spese generali, nella misura del dieci per cento degli importi liquidati a titolo di onorari e diritti procuratori, spetta all’avvocato a norma dell’art. 15 della tariffa professionale forense, approvata con D.M. 5 ottobre 1994, n. 585 (attualmente 12,5% in virtù del D.M. n. 127 del 2004), ed è quindi un credito che consegue e la cui misura è determinata per legge, sicché spetta automaticamente al professionista, anche in assenza di allegazione specifica e di domanda, dovendosi, quest’ultima, ritenere implicita nella domanda di condanna al pagamento degli onorari giudiziali.

Con il secondo motivo la ricorrente principale lamenta omessa, ovvero insufficiente e contraddittoria motivazione in ordine all’accoglimento dell’appello incidentale della Company.

La censura è priva del momento di sintesi formulato secondo il criterio sopra enunciato ed è, quindi, inammissibile.

Con il terzo motivo la S. denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 91, comma 1 e 92 c.p.c. Formula un quesito assolutamente astratto in quanto privo degli indispensabili riferimenti al caso concreto e, in particolare, alla motivazione della sentenza impugnata.

4. - La relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata ai difensori delle parti;

La ricorrente ha presentato memoria ed ha chiesto d’essere ascoltata in camera di consiglio;

Le argomentazioni addotte dalla ricorrente con la memoria non sono in armonia con l’insegnamento giurisprudenziale e non inducono a statuizione diversa.

5. - Ritenuto:

che, a seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella camera di consiglio, il collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione; che il ricorso incidentale deve perciò essere dichiarato inammissibile, mentre il ricorso principale va accolto limitatamente al primo motivo; non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la Corte può decidere nel merito ai sensi dell’art. 384 c.p.c. condannando il Comune di omissis corrispondere alla S. le spese generali nella misura del 12,50% sulle spese liquidate dal Tribunale per i due giudizi di merito; spese compensate tra i ricorrenti principale e incidentale; le spese seguono la soccombenza per il Comune di ;

visti gli artt. 380-bis, 384 e 385 cod. proc. civ.,

P.Q.M.

Riunisce i ricorsi. Dichiara il ricorso incidentale inammissibile. Accoglie il ricorso principale limitatamente al primo motivo, lo rigetta nel resto e, decidendo nel merito, condanna il Comune di a corrispondere alla S. le spese generali nella misura del 12,50% sulle spese liquidate dal Tribunale per i due giudizi di merito e al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in complessivi euro 1.200,00, di cui euro 1.000,00 per onorari, oltre spese generali e accessori di legge. Spese del giudizio di cassazione compensate tra ricorrente principale e ricorrente incidentale

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 3266/2016. Indennizzo diretto - Fase stragiudiziale e compensi professionali

In tema di risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, l'art. 9, comma 2, del d.P.R. 18 luglio 2006, n. 254, emanato in attuazione dell'art. 150, comma l, del d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209, il quale, per l'ipotesi di...

» Cass.11615/2015. Riduzione dei compensi professionali: deve essere motivata.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che, in tema di liquidazione delle spese processuali, il giudice, in presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, non può limitarsi ad una globale determinazione dei...

» Cass. 8806/2015. Davanti al GdP le spese processuali non possono superare il valore della domanda solo per le causa decise secondo equità

La previsione di una limitazione alla liquidazione delle spese nel caso di giurisdizione equitativa del giudice di pace appare rispondente alla possibilità, riconosciuta alle parti dall'art. 82, primo comma, c p. c., di stare in giudizio di...

» Cass. 8918/2015. La compenzazione delle spese non può essere basata sulla peculiarità della fattispecie

“L’art. 92 c.p.c., comma 2, nel testo introdotto dalla L. 28 dicembre 2005, n. 263, art. 2, comma 1, lett. a), dispone che il giudice può compensare le spese, in tutto o in parte, se vi è soccombenza reciproca o concorrono altri giusti...

» Cass. 7385/2015. Campensazione delle spese: è il giudice che stabilisce se il motivo è giusto

L’art. 92, comma 2, c.p.c., riferendosi ai giusti motivi (prima della modifica della l. n. 69/2009, che ha limitato la compensazioni alle gravi ed eccezionali ragioni), assume il connotato di norma “elastica”, che può essere adeguata al...

» Tribunale di Nola. Quando la compagnia comunica alla parte che la somma spettante all'avvocato è inferiore a quella effettivamente concordata.

L'attore-avvocato ha convenuto in giudizio la compagnia di assicurazione in quanto quest'ultima, agendo con negligenza e colpa grave, erroneamente aveva comunicato alla assistita che il professionista, a seguito dell'intercorsa transazione,...

» Quando la compagnia di assicurazione erroneamente comunica al danneggiato che la somma ricevuta non è comprensiva di compensi legali (M. Cuomo)

Spedito l'assegno - a seguito di sentenza ed invio conteggi - con successiva missiva, la compagnia di assicurazione comunicava che, della somma ricevuta, nulla era dovuto al legale. Poichè anche il Call Center confermava tale circostanza, l'attore...

» Cass. 23677/2012: Compensi avvocato. Minimi e massimi: potere discrezionale del giudice

In tema di compensi per lo svolgimento di attività professionale, anche in materia stragiudiziale, la determinazione degli onorari di avvocato costituisce esercizio di un potere discrezionale del giudice, che, se contenuto tra il minimo ed il...

» Cass.26987/2011. Compensazione delle spese senza giustificazione: illegittimità.

Il giudice può compensare le spese, in tutto o in parte, se vi è soccombenza reciproca o concorrono altre ”gravi ed eccezionali ragioni ”, esplicitamente indicate nella motivazione. A tal fine, non è sufficiente che il giudicante fornisca...

» Cass. 21633/2011: Deroga ai minimi tariffari: inammissibile se non motivata.

Con questa sentenza la Cassazione ha statuito il principio secondo il quale "in materia di liquidazione degli onorari agli avvocati, il giudice d'appello non può limitarsi ad una apodittica fissazione del compenso spettante al professionista, ma...

» Cass.n. 2170/2011: Le spese generali spettano all'avvocato in via automatica.

Il rimborso delle spese generali spetta all'avvocato in via automatica e con determinazione "ex lege", dovendosi, pertanto, ritenere compreso nella liquidazione degli onorari e diritti di procuratore nella misura del 10%, anche senza espressa...

Giudice di Pace di Nola

Eventi Formativi

<<  Set 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png