AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. n. 12899/2010: Multa pagata, ricorso negato.

E-mail Stampa PDF

In materia di violazioni al codice della strada, il c.d. pagamento in misura ridotta di cui all'art. 202 C.d.S., corrispondente al minimo della sanzione comminata dalla legge, da parte di colui che è indicato nel processo verbale di contestazione come autore della violazione, implica necessariamente l'accettazione della sanzione e, quindi, il riconoscimento, da parte dello stesso, della propria responsabilità (Sentenza 26 maggio 2010, n. 12899).

 

Sentenza tratta da Altalex.com

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II CIVILE

Sentenza 26 maggio 2010, n. 12899

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

1. - Il Comune di Torre Annunziata impugna la sentenza n. 150 del 2006 del Giudice di Pace di Torre Annunziata, pubblicata il 20 gennaio 2006 e mai notificata, con la quale veniva accolta la domanda di risarcimento danni avanzata dall'odierno intimato, C.F., nei suoi confronti in relazione ad una contravvenzione al Codice della Strada ritenuta illegittima, ma regolarmente pagata. Al riguardo l'odierno intimato osservava che solo successivamente al pagamento dell'oblazione aveva avuto notizie della irregolarità dell'apparecchiatura utilizzata dal Comune per accertare la violazione (FhotoRed F17A senza omologazione utilizzato per presidiare un impianto semaforico non assistito da personale).

2. - Il Giudice di Pace accoglieva la domanda, ritenendo, da un lato che il pagamento della somma portata dall'ordinanza ingiunzione non comportava di per sè l'acquiescenza allo stesso (citando all'uopo Cass. 2004 n. 3735) e, dall'altro, che il provvedimento sanzionatorio risultava illegittimo, poichè l'apparecchiatura in questione non poteva essere utilizzata senza operatore prima della sua omologazione avvenuta soltanto il 18 marzo 2004. Esaminato l'atto sanzionatorio, il Giudice di Pace riteneva che sussistevano tutti i requisiti richiesti per configurare la responsabilità dell'amministrazione per aver utilizzato in modo anomalo l'apparecchiatura. Riconosceva così il danno richiesto nell'importo versato per la sanzione, oltre interessi e spese.

2. - L'amministrazione ricorrente formula due motivi di ricorso.

3. - Nessuna attività in questa sede ha svolto l'intimato.

4. - Attivata procedura ex art. 375 c.p.c., il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale conclude con richiesta di accoglimento del ricorso per manifesta fondatezza.

5. I motivi del ricorso.

5.1 - Con il primo motivo di ricorso si deduce: "violazione delle norme procedimentali di cui agli articoli 22 e 23 della legge 1981 n. 689 e agli artt. 203, 204 e 204 bis C.d.S.. Omessa motivazione circa un punto decisivo della controversia". Lamenta l'Amministrazione che il Giudice di Pace non ha tenuto conto che la scelta dell'odierno intimato di non impugnare il provvedimento sanzionatorio, pagando la relativa sanzione, escludeva ogni altra possibilità d'impugnazione del provvedimento in questione, stante la specificità della disciplina d'impugnazione dei provvedimenti in questione dettata dalla L. n. 689 del 1981, artt. 22 e 23. Il verbale era quindi ormai divenuto inoppugnabile.

5.2 - Col secondo motivo di ricorso viene dedotta: "pretesa disapplicazione dell'atto amministrativo con l'effetto concreto della disapplicazione della legge processuale e sostanziale. Falsa applicazione di norme di diritto (artt. 4 e 5, della legge 1865 n. 2248, allegato E). Insufficiente, erronea e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia". 5.3 - Con il terzo motivo di ricorso viene dedotto: "effetto preclusivo del pagamento della sanzione. Insufficiente motivazione in relazione ad un punto decisivo della controversia. Violazione e falsa applicazione di norme di diritto". 5.4 - Col quarto motivo infine si deduce: "insufficiente, contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia. Travisamento del thema decidendi". 5.5 - Col quinto motivo di ricorso si lamenta la disposta condanna alle spese in un procedimento che ha avuto inizio in conseguenza delle infrazioni commesse dall'intimato.

6. Il ricorso è fondato e va accolto.

6.1 - Occorre osservare in primo luogo che la sentenza impugnata è stata resa dal Giudice di Pace ai sensi dell'art. 113 c.p.c., e, come tale, è impugnabile con ricorso per cassazione, oltre che per le violazioni e i motivi previsti dall'art. 360 c.p.c., nn. 1 e 2, solo - con riferimento al n. 3 dello stesso articolo - per violazioni della Costituzione, delle norme di diritto comunitario sovranazionali, della legge processuale, nonchè, a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 206 del 2004, dei principi informatori della materia, restando pertanto escluse, anche dopo tale pronuncia, le altre violazioni di legge; tale pronuncia inoltre è soggetta a ricorso per cassazione - in relazione allo stesso art. 360 c.p.c., n. 4 - per nullità attinente alla motivazione, solo ove questa sia assolutamente mancante o apparente, ovvero fondata su affermazioni contrastanti o perplesse o, comunque, inidonee ad evidenziare la "ratio decidendi". Nel caso in questione, come del resto già affermato in un caso identico (Cass. 2007 n. 6382), vengono dedotte violazione delle norme processuali e dei principi informatori della materia. Si tratta, infatti, di controversia originata da una domanda di risarcimento danni ex art. 2043 c.c., proposta da un privato nei confronti di un Comune per l'assunta illegittimità di un verbale di accertamento elevato a suo carico per un'infrazione stradale, rispetto al quale aveva già provveduto al pagamento in misura ridotta.

6.2 - Il ricorso è fondato e va accolto. I motivi proposti possono essere trattati congiuntamente. Questa Corte, sempre al riguardo di identica fattispecie, ha già avuto occasione di affermare che: "In materia di violazioni al codice della strada, il c.d. pagamento in misura ridotta di cui all'art. 202 C.d.S., corrispondente al minimo della sanzione comminata dalla legge, da parte di colui che è indicato nel processo verbale di contestazione come autore della violazione, implica necessariamente l'accettazione della sanzione e, quindi, il riconoscimento, da parte dello stesso, della propria responsabilità e, conseguentemente, nel sistema delineato dal legislatore anche ai fini di deflazione dei processi, la rinuncia ad esercitare il proprio diritto alla tutela amministrativa o giurisdizionale, quest'ultima esperibile immediatamente anche avverso il suddetto verbale ai sensi dell'art. 204 bis C.d.S., qualora non sia stato, effettuato il suddetto pagamento. L'intervenuta acquiescenza da parte del contravventore conseguente a tale sopravvenuto rituale pagamento preclude, inoltre, allo stesso l'esercizio di eventuali pretese civilistiche, quali la condictio indebiti e l'actio damni riconducibili all'avvenuta contestazione delle violazioni al C.d.S. per le quali si sia proceduto a siffatto pagamento con effetto estintivo della correlata pretesa sanzionatoria amministrativa" (Cass. 2007 n. 6382).

Il Giudice di Pace non si è attenuto agli indicati principi.

Il ricorso va accolto e il provvedimento impugnato cassato.

Sussistendone i presupposti, ai sensi dell'art. 384 c.p.c., questa Corte può pronunciare sul merito, rigettando l'opposizione originariamente proposta.

7. - Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa senza rinvio il provvedimento impugnato e, decidendo nel merito, rigetta l'opposizione originariamente proposta dalla parte intimata.

Condanna la parte intimata alle spese di giudizio, liquidate in 250,00 Euro per onorari e 50,00 Euro per spese per il giudizio di merito, nonchè in 400,00 Euro per onorari e 200,00 Euro per le spese del giudizio di legittimità, oltre accessori di legge.

'automobilista che paga la sanzione non può più opporsi al verbale, neanche quando se ne accerti successivamente l’illegittimità dello stesso, in quanto il pagamento dell’oblazione equivale ad ammissione di colpa del trasgressore che preclude qualsiasi rimborso, anche derivato da attività illegittima dell’amministrazione.

Questo è quanto è stato affermato dalla Corte di Cassazione, Sezione II, sentenza 26 maggio 2010, n. 12899.

La vicenda ha visto coinvolto un automobilista a cui era stata comminata una contravvenzione per aver passato col semaforo rosso, che dapprima aveva regolarmente pagato ma, successivamente, avendo avuto notizie della irregolarità dell'apparecchiatura utilizzata dal Comune per accertare la violazione, lo stesso aveva proposto ricorso per l’annullamento della sanzione illegittima, accolto dal Giudice di Pace.

L’amministrazione ricorreva dunque per Cassazione, adducendo, tra l’altro, che l’avvenuto pagamento dell’oblazione comportava l’inoppugnabilità del relativo verbale e, dunque, escludeva ogni altra possibilità d'opposizione al provvedimento in questione, stante la specificità della disciplina d'impugnazione di tali provvedimenti dettata dalla legge n. 689 del 1981, artt. 22 e 23.

La Corte ha condiviso le motivazioni dell’Ente, accogliendo il ricorso e, nel richiamare conforme giurisprudenza (Cass. n. 6382/2007) ha precisato che il pagamento in misura ridotta, previsto dall’art. 202 del Codice della Strada “implica necessariamente l'accettazione della sanzione e, quindi, il riconoscimento, da parte dello stesso, della propria responsabilità e, conseguentemente, nel sistema delineato dal legislatore anche ai fini di deflazione dei processi, la rinuncia ad esercitare il proprio diritto alla tutela amministrativa o giurisdizionale, quest'ultima esperibile immediatamente anche avverso il suddetto verbale ai sensi dell'art. 204 bis C.d.S., qualora non sia stato, effettuato il suddetto pagamento. L'intervenuta acquiescenza da parte del contravventore conseguente a tale sopravvenuto rituale pagamento preclude, inoltre, allo stesso l'esercizio di eventuali pretese civilistiche, quali la condictio indebiti e l'actio damni riconducibili all'avvenuta contestazione delle violazioni al C.d.S. per le quali si sia proceduto a siffatto pagamento con effetto estintivo della correlata pretesa sanzionatoria amministrativa".

L'automobilista che paga la sanzione non può più opporsi al verbale, neanche quando se ne accerti successivamente l’illegittimità dello stesso, in quanto il pagamento dell’oblazione equivale ad ammissione di colpa del trasgressore che preclude qualsiasi rimborso, anche derivato da attività illegittima dell’amministrazione.

 

 

Questo è quanto è stato affermato dalla Corte di Cassazione, Sezione II, sentenza 26 maggio 2010, n. 12899.

 

 

La vicenda ha visto coinvolto un automobilista a cui era stata comminata una contravvenzione per aver passato col semaforo rosso, che dapprima aveva regolarmente pagato ma, successivamente, avendo avuto notizie della irregolarità dell'apparecchiatura utilizzata dal Comune per accertare la violazione, lo stesso aveva proposto ricorso per l’annullamento della sanzione illegittima, accolto dal Giudice di Pace.

 

 

L’amministrazione ricorreva dunque per Cassazione, adducendo, tra l’altro, che l’avvenuto pagamento dell’oblazione comportava l’inoppugnabilità del relativo verbale e, dunque, escludeva ogni altra possibilità d'opposizione al provvedimento in questione, stante la specificità della disciplina d'impugnazione di tali provvedimenti dettata dalla legge n. 689 del 1981, artt. 22 e 23.

 

 

La Corte ha condiviso le motivazioni dell’Ente, accogliendo il ricorso e, nel richiamare conforme giurisprudenza (Cass. n. 6382/2007) ha precisato che il pagamento in misura ridotta, previsto dall’art. 202 del Codice della Strada “implica necessariamente l'accettazione della sanzione e, quindi, il riconoscimento, da parte dello stesso, della propria responsabilità e, conseguentemente, nel sistema delineato dal legislatore anche ai fini di deflazione dei processi, la rinuncia ad esercitare il proprio diritto alla tutela amministrativa o giurisdizionale, quest'ultima esperibile immediatamente anche avverso il suddetto verbale ai sensi dell'art. 204 bis C.d.S., qualora non sia stato, effettuato il suddetto pagamento. L'intervenuta acquiescenza da parte del contravventore conseguente a tale sopravvenuto rituale pagamento preclude, inoltre, allo stesso l'esercizio di eventuali pretese civilistiche, quali la condictio indebiti e l'actio damni riconducibili all'avvenuta contestazione delle violazioni al C.d.S. per le quali si sia proceduto a siffatto pagamento con effetto estintivo della correlata pretesa sanzionatoria amministrativa".

 

 

Commenti

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Inserisci l'e-mail per la verifica
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
 
Articoli collegati :

» Cass. n. 22220/2009:O.S.A.:il sindacato del giudice di merito si estende alla validità sostanziale del provvedimento impugnato.

Nel procedimento di opposizione a sanzione amministrativa pecuniaria, ex art. 204 C.d.S., che si svolge avverso l'ordinanza ingiunzione prefettizia, il sindacato del giudice di merito si estende alla validità sostanziale del provvedimento...

» Sosta veicoli al servizio degli invalidi (M.Cuomo)

In riferimento alla sosta dei veicoli al servizio degli invalidi l’indirizzo interpretativo è favorevole alla sosta gratuita dei detentori del contrassegno invalidi nelle aree a tariffazione, anche fuori dagli stalli di sosta loro riservati. ...

» Come si presenta il ricorso al Giudice di Pace?

Per presentare ricorso davanti al Giudice di Pace competente, secondo le norme del codice di procedura civile,  non è necessaria l’assistenza di un avvocato.Il ricorso deve essere presentato entro termini  perentori che sono i...

Giudice di Pace

Eventi Formativi

<<  Nov 2014  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Un brocardo al giorno...

Capitis minutio est status permutatio (in peius) (Gaio)

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione