AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


L.C.A. della Progress (e della NOVIT S.p.A.): Richiesta risarcimento e modello citazione (Francesco Annunziata)

E-mail Stampa PDF

L' ipotesi di risarcimento danni promossa dopo il provvedimento di liquidazione coatta amministrativa è disciplinata dall'art. 287 del D.Lgs. 209/2005. Tale articolo stabilisce che, nell'ipotesi prevista dall'articolo 283, comma 1, lettera c), l'azione per il risarcimento dei danni può essere proposta solo dopo che siano decorsi sei mesi dal giorno in cui il danneggiato ha richiesto il risarcimento del danno.

L'art. 283, comma 1, lett. c) stabilisce "1.Il Fondo di garanzia per le vittime della strada, costituito presso la CONSAP, risarcisce i danni causati dalla circolazione dei veicoli e dei natanti, per i quali vi è obbligo di assicurazione, nei casi in cui: (...) c) il veicolo o natante risulti assicurato presso una impresa operante nel territorio della Repubblica, in regime di stabilimento o di libertà di prestazione di servizi, e che al momento del sinistro si trovi in stato di liquidazione coatta o vi venga posta successivamente".

Condizione di proponibilità per l'esercizio dell'azione nei confronti della impresa designata è il preventivo invio della richiesta di risarcimento danni a mezzo raccomandata ed il passaggio del termine di sei mesi, sia in caso di danni a cose che di lesioni personali.

La raccomandata  va inviata alla impresa posta in liquidazione coatta amministrativa, in persona del commissario liquidatore, alla impresa designata dalla Isvap, ex art. 286 D.Lgs.209/2005, alla gestione dei sinistri a carico del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada ed al Fondo di Garanzia Vittime della Strada presso Consap Via Yser, 14 - Roma.

L'impresa designata assume, in questo caso, la veste di legittimata passiva mentre il commissario liquidatore dell'impresa in liquidazione coatta deve essere citato unicamente in quanto litisconsorte necessario anche se alcuna sentenza di condanna può essere emessa nei confronti dello stesso. La Consap - FGVS - può, invece, intervenire in giudizio, anche in grado di appello.

Esempio atto di citazione

Giudice di Pace di Ottaviano (NA)

ATTO DI CITAZIONE

Il sig. M.F. - nato il 00/00/1934 a San Giuseppe Vesuviano, Cod. Fisc. MMM FFF 00R00 H931Z, residente ivi alla Via C. R., 97 - rapp.to e difeso dall'avv. F.A. (Cod. Fisc.FFF AAA 51A24 L142O) presso il quale è elett.te dom.to in Terzigno alla via ,20, giusta procura a margine del presente atto

PREMESSO

1) che l'istante è proprietario dell'auto Fiat Punto tg. XX 000 XX;

2) che, in data 06/07/2009, alle ore 12.30 circa, in Terzigno, incrocio Via Diaz - Via Einaudi, la predetta autovettura, scoperta di assicurazione, veniva danneggiata dalla moto Honda tg.YY 00000 di proprietà di V. D.;

3) che, il sinistro si verificava in quanto la Honda, proveniente da via Diaz - strada gravata da segnale di Stop - si immetteva nel flusso della circolazione della indicata via Einaudi senza concedere la dovuta precedenza al veicolo dello istante, che procedeva a velocità moderata su strada favorita e proveniva, peraltro, da destra;

4) che, a seguito del sinistro, l'autovettura Fiat Punto tg. XX 000 XX riportava danni al lato anteriore sinistro (faro, paraurti...) meglio specificati nel preventivo di spesa che si esibisce e deposita, per le cui riparazioni occorre la somma di Euro 1.800,00;

5) che, all'epoca del sinistro, il motoveicolo investitore risultava assicurato, per la RC, con la società "PROGRESS S.p.A.";

6) che rimaneva senza riscontro la formale richiesta di risarcimento danni formulata - ai sensi e per gli effetti degli artt. 145 e 148 del D.Lgs. 209-2005 - alla predetta compagnia di assicurazione;

7) che, con decreto del ministro delle attività produttive pubblicato sulla G.U. n. 91 del 20.04.2010 la Progress Ass.ni S.p.A., veniva posta in Liquidazione Coatta Amministrativa (per la Novit decreto del Ministero dello Sviluppo Economico pubblicato sulla G.U. n. 99 del 30.04.2011);

8) che con racc.te ar nn. lo istante richiedeva, infruttuosamente, ai sensi e per gli effetti degli artt. 283 e 287 del D.Lgs. 209/2005 citato, il risarcimento dei danni dovuti, rispettivamente, alla società "Progress S.p.A." in L.C.A. in persona del commissario liquidatore, prof.avv. Andrea Gemma, con sede in Palermo alla Piazza Alberico Gentili, 3, alla società "GENERALI S.p.A.", nella qualità di impresa designata per la Campania dalla Isvap, ex art. 286 D.Lgs.209/2005, alla gestione dei sinistri a carico del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada, in persona del legale rapp.te p.t., con sede in TRIESTE alla P.zza Duca Degli Abruzzi,2, ed al Fondo di Garanzia Vittime della Strada presso Consap, Via Yser, 14 - Roma

9) che sono trascorsi i termini previsti dall'art. 287 (sei mesi) senza che l'esponente abbia conseguito il richiesto risarcimento.

Tanto premesso, l'istante, come innanzi, dom.to e difeso, con salvezza di ogni altra azione

CITA

  • V. D. (Cod. Fisc. VVV DDD 56R24 L789U), dom.to in Piedimonte Matese, al Viale ....,7

  • la società GENERALI Ass.ni S.p.A." (P.Iva 00079760328), nella qualità di impresa designata per la Campania dalla Isvap, ex art. 286 D.Lgs.209/2005, alla gestione dei sinistri a carico del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada, in persona del legale rapp.te p.t., con sede in TRIESTE alla P.zza Duca Degli Abruzzi,2

  • la società "Progress S.p.A." in L.C.A (C.F./P. IVA: 00675700827). in persona del commissario liquidatore, prof.avv. Andrea Gemma, con sede in Palermo alla Piazza Alberico Gentili, 3

a comparire innanzi al GIUDICE DI PACE di OTTAVIANO per l'udienza del , nei locali di solite udienze ed all'ora del regolamento col prosieguo, con invito a costituirsi nei modi e termini di legge e, con avvertenza che, in mancanza, si procederà in loro contumacia, per ivi sentire accogliere le seguenti

CONCLUSIONI

a) respinta ogni contraria domanda, eccezione e difesa, riconoscere e dichiarare la esclusiva responsabilità del convenuto V.D. in ordine alla causazione dell'evento dannoso;

b) per lo effetto, condannare, ex artt. 283 e 287 D.Lgs.209/2005, (con il vincolo solidale) V.D. e la società "GENERALI S.p.A.", nella spiegata qualità di Impresa designata per la Campania, in persona del legale rapp.te p.t., al risarcimento, in favore dell'istante, della somma di euro 1.800,00, quale ammontare dei danni subiti, oltre interessi e svalutazione monetaria, come per legge, il tutto come sarà meglio specificato e documentato in corso di causa ma, comunque, da contenersi entro i limiti della competenza per valore del giudice adito;

c) condannare, inoltre, i medesimi convenuti, al pagamento delle spese, diritti ed onorari del presente giudizio, con attribuzione al sottoscritto difensore per averne fatto anticipo.

In via istruttoria si chiede, sin da questo momento, nella ipotesi di esito negativo del tentativo di conciliazione, di essere ammessi a provare con testi le circostanze di fatto di cui ai capi 1), 2), 3), 4) e 5) della premessa che qui abbiansi come integralmente riportate e trascritte precedute dalla locuzione di rito "E' vero". Si indica a teste: M.A.Via C.R. 97 San Giuseppe Vesuviano

Sentenza munita di clausola.

Offre in comunicazione, mediante deposito in Cancelleria, i seguenti documenti:

Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 14, comma 2, del D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 dichiara che il valore della presente controversia è compreso nello scaglione di cui alla lettera della allegata tabella (>).

Terzigno

Avv ............

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» L.C.A. Art. 289 D.Lgs. 209/2005: il termine di sei mesi (M.Cuomo)

L’art. 289 2 comma del D. Lgs. 209/2005 intitolato “Effetti della liquidazione coatta sulle sentenze passate in giudicato e sui giudizi pendenti” e per il quale  “Se il decreto di liquidazione coatta interviene prima della...

» L.C.A.: prosecuzione del giudizio senza interruzione (A.Ventimiglia)

Il Giudice di Pace, nella sentenza in esame (causa contro la Progress, posta, in corso di giudizio, in LCA), ha autorizzato l'attore all’integrazione del contraddittorio nei confronti dei soggetti legittimati (Progress in LCA e Generali –...

» Liquidazione coatta amministrativa e indennizzo diretto: applicabilità (M.Cuomo)

Nella sentenza che segue, il Giudice di Pace ha ribadito la applicabilità dell'indennizzo diretto, ex art. 149 D.Lgs. 209/2005, anche alla ipotesi in cui la compagnia del responsabile civile sia stata posta in liquidazione coatta amministrativa...

» GdP Castellammare di Stabia: L.C.A. Inammissibilità indennizzo diretto. Mutamento procedura.

Liquidazione Coatta Amministrativa: inoperatività dell'indennizzo diretto. Mutamento della procedura ed ordine all'attore di comunicare la pendenza del giudizio al commissario liquidatore della impresa posta in liquidazione coatta amministrativa ed...

» L.C.A.- Interruzione e riassunzione del giudizio: sussiste improponibilità della domanda ex art. 287 CdA ? (Francesco Annunziata)

Interruzione e successiva riassunzione del giudizio a seguito di messa in liquidazione della compagnia convenuta; sussiste improponibilità della domanda per violazione dell'art. 287 del D.Lgs.209/2005 (mancato invio della richiesta di risarcimento...

» Tribunale Nola - L.C.A.- Interruzione e riassunzione del giudizio: improponibilità della domanda per violazione dell'art. 287 CdA.

Liquidazione coatta amministrativa. Improponibilità della domanda per violazione dell'art. 287 CdA: la riassunzione del giudizio, dopo la interruzione, scaturita dalla messa in liquidazione coatta amministrativa della Progress in LCA, doveva essere...

» GdP Nocera Inferiore. LCA: riassunzione della causa - Improponibilità della domanda nei confronti della Impresa Designata per violazione dell'art. 287 CdA.

l Giudice di Pace di Nocera Inferiore, con la sentenza in esame, ha ritenuto la improponibilità della domanda nei confronti della Impresa designata, atteso che, dopo la interruzione del giudizio (iniziato contro la Progress in bonis) e la...

» L.C.A.: applicabilità indennizzo diretto (M.Cuomo).

Il Giudice di Pace, con la sentenza in esame, ha ribadito l'applicabilità della procedura prevista dall'art. 149 del CdA (c.d. indennizzo diretto), anche nei confronti della compagnia posta, in corso di giudizio, in LCA. Ha disposto, poi, la...

» L.C.A.: riassunzione e mancato rispetto del termine di sei mesi (M.Cuomo)

Con l'ordinanza che segue, emessa in udienza, il Giudice di Pace di Ottaviano, atteso che l'attore, a seguito di riassunzione del giudizio interrotto per la messa in liquidazione della Progress,  non aveva rispettato il termine di sei mesi di cui...

» L.C.A.: richiesta di interruzione del giudizio: inammissibilità (M. Cuomo)

Nel caso in esame, l'attore ha citato, ex artt. 145 e 149 D.Lgs.209/2005,  la propria compagnia di assicurazione la quale, costituitasi  ritualmente in giudizio, ne ha chiesto la interruzione, atteso che il veicolo di proprietà del responsabile...

» Sentenza contro la Progress in bonis: è opponibile alla impresa designata. (Francesco Annunziata)

Sentenza ottenuta dal danneggiato contro la Progress S.p.A. in bonis. Comunicazione della Impresa Designata: presunta inapplicabilità degli artt. 141 e 149 D.Lgs.209/2005. Erronea interpretazione della Circolare Ania del 01 aprile 2010, protocollo...

» L.C.A.: costituzione della liquidazione e richiesta interruzione del giudizio: inammissibilità (A.Ventimiglia)

La Progress S.p.A. in liquidazione Coatta Amministrativa, costituitasi in giudizio ne ha richiesto la interruzione. II Giudice di Pace, con l'ordinanza che segue, emessa fuori udienza, in applicazione dell'art. 299 c.p.c., ha rigettato tale...

» L.C.A.:decreto di fissazione udienza a seguito di interruzione (A.Esposito)

Decreto di fissazione di udienza per la prosecuzione di giudizio interrotto a seguito della Liquidazione Coatta Amministrativa della società Progress S.p.A., dichiarata in udienza dal procuratore costituito (Giudice di Pace di Ottaviano - Decreto...

» Liquidazione Coatta Amm.va: applicabilità indennizzo diretto (A.Esposito)

Nel caso in esame, l'attore aveva proposto azione diretta, ex art 149 D.lgs. 209/2005, nei confronti della propria compagnia di assicurazione. Quest'ultima, atteso che il veicolo del responsabile civile era, all'epoca del sinistro, assicurato per la...

» Liquidazione Coatta Amm.va: applicabilità dell'indennizzo diretto (A.Fuscellaro)

Il Giudice di Pace di Ottaviano, con la ordinanza che segue, ha ritenuto la applicabilità dell'indennizzo diretto di cui all'art. 149 del d. lgs.209/2005 anche nel caso in cui uno dei veicoli antagonisti sia assicurato con impresa posta in...

» L.C.A. della Progress (e della NOVIT S.p.A.): esempio atto riassuntivo (Francesco Annunziata)

Esempio di atto riassuntivo di giudizio interrotto a seguito della messa in Liquidazione Coatta Amministrativa della società Progress S.p.A. (G.U. n. 91 del 20.04.2010)

» Liquidazione Coatta Amm.va: interruzione del processo (A.Fuscellaro)

Nel caso in esame, il decreto di liquidazione coatta amministrativa è intervenuto tra la notifica dell'atto di citazione e la udienza di comparizione. Il Giudice di Pace con ordinanza pronunciata fuori udienza ha dichiarato la interruzione del...

» Liquidazione Coatta Amministrativa: la tutela del danneggiato (Francesco Annunziata)

Liquidazione Coatta Amministrativa: la tutela del danneggiato (Francesco Annunziata).

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Apr 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Un brocardo al giorno...

Servitus oneris ferendi.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image
logo.png