AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 10588/2018 Contrassegno falso o mancanza di copertura: risarcisce sempre il FGVS?

E-mail Stampa PDF

In tema di assicurazione della responsabilità civile per la circolazione di veicoli, nell’ipotesi in cui non sussista una valida o efficace polizza RCA e tuttavia l’affidamento sulla sua sussistenza sia stato ingenerato dal rilascio di un certificato o di un contrassegno assicurativo, il danneggiato può scegliere se esperire l’azione diretta ex art. 144 D.Lgs. n. 209 del 2005, nei confronti dell’assicuratore del responsabile, facendo valere la situazione di apparenza indotta dal rilascio del certificato o del contrassegno, oppure l’azione risarcitoria,ex art. 283 D.Lgs. n. 209 del 2005, nei confronti dell’impresa designata dal Fondo di garanzia per le vittime della strada, facendo valere la situazione reale in ordine alla mancanza di copertura assicurativa”; il tutto rilevando che “la situazione di apparenza non può che ridondare ad esclusivo vantaggio della vittima e non può, invece, essere intesa come ostacolo al perseguimento dell’interesse proprio del danneggiato venendo ad essere opposta come eccezione di merito fatta valere dalla impresa designata dal FGVS per sottrarsi alla azione risarcitoria fondata sulla – accertata – mancanza di una copertura assicurativa per il veicolo danneggiante”  (Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza del 04.05.2018, n. 10588)


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

TERZA  SEZIONE CIVILE

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

<...>

FATTI DI CAUSA

H.S., in proprio e in nome e per conto dei figli minori H.E. e K., agì nei confronti di P.M. e della RAS Assicurazioni s.p.a., quale impresa designata dal F.G.V.S., per il risarcimento dei danni conseguiti alla morte di H.R. (rispettivamente, coniuge e padre degli attori) che era deceduto a seguito dell’urto fra il veicolo in cui era trasportato, di proprietà del P., e un autocarro in sosta.

Il Tribunale accolse la domanda, condannando entrambi i convenuti, in solido, al risarcimento dei danni patiti dagli attori.

Pronunciando sul gravame proposto dalla Allianz s.p.a. (già RAS), la Corte di Appello di Napoli ha parzialmente riformato la sentenza, escludendo la legittimazione passiva dell’impresa designata dal F.G.V.S.; ha rilevato che gli attori non avevano provato la falsità del contrassegno assicurativo riferito alla Uni One Ass.ni (della cui presenza aveva dato atto il rapporto della Polizia Stradale intervenuta sul luogo del sinistro) e, quindi, della inesistenza di una valida copertura assicurativa del veicolo del P..

Hanno proposto ricorso per cassazione H.S., K. ed E., affidandosi a due motivi; ha resistito la Allianz s.p.a. con controricorso.

Il PM ha depositato conclusioni scritte, chiedendo l’accoglimento del ricorso.

Entrambe le parti hanno depositato memoria.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo denuncia la violazione e la falsa applicazione del D.Lgs. n. 209 del 2005, art. 127 (sostitutivo della L. n. 990 del 1969, art. 10) e dell’art. 1901 c.c., nonchè “motivazione insufficiente su circostanza decisiva della controversia”: i ricorrenti contestano la pertinenza del richiamo effettuato dalla Corte all’indirizzo di legittimità che riconosce rilevanza all’apparenza della validità del contrassegno a tutela della posizione del soggetto danneggiato, al quale la situazione di copertura assicurativa sia apparsa – senza sua colpa – esistente; rilevano che la compagnia Uni One – che era stata inizialmente richiesta del risarcimento ed era stata citata in giudizio-aveva negato l’esistenza della copertura assicurativa ed aveva corroborato la propria posizione di estraneità presentando anche una denuncia in merito alla falsità del contrassegno; aggiungono che l’ANIA aveva rilasciato certificazione attestante l’inesistenza, nell’archivio elettronico delle targhe assicurate, di coperture assicurative riferite al veicolo del P..

2. Col secondo motivo (che denuncia l’omesso esame di un fatto decisivo e la violazione della L. n. 990 del 1969, art. 9 e dell’art. 2727 c.c.), i ricorrenti lamentano che la Corte non ha considerato che “la non copertura assicurativa si ha sia nel caso di falsificazione (inesistenza) che di mancata copertura” e che la prova “negativa” della mancanza di copertura era stata fornita dagli attori mediante “indizi plurimi e precisi”.

3. I motivi – da esaminare congiuntamente – sono fondati per quanto di ragione.

La Corte ha errato nel riconoscere rilevanza decisiva alla autenticità o meno del contrassegno o all’apparenza della sua autenticità, svolgendo considerazioni che ben si attagliano all’ipotesi in cui la domanda venga proposta dal danneggiato nei confronti dell’assicuratore che abbia rilasciato (o appaia aver rilasciato) il contrassegno; non ha considerato, invero, che ciò che rileva, in relazione alla diversa azione promossa nei confronti dell’impresa designata dal F.G.V.S. è unicamente la circostanza della mancanza della copertura, L. n. 990 del 1969, ex art. 19, comma 1, lett. b) e successivamente – D.Lgs. n. 209 del 2005, ex art. 283,comma 1, lett. b).

Ha errato, conseguentemente, quando ha affermato che è “l’autenticità del contrassegno che pertanto dev’essere sconfessata in giudizio con prove adeguate” e quando ha svolto le ulteriori considerazioni sulla inidoneità della prova della falsificazione del contrassegno; l’accertamento doveva attenere unicamente all’esistenza o meno della copertura e, in funzione di tale oggetto, avrebbe dovuto essere valutata l’idoneità degli elementi offerti dai ricorrenti a sostegno dell’operatività della copertura del F.G.V.S..

Va richiamata, al riguardo, una recente pronuncia di questa Corte che ha opportunamente rimarcato la distinzione fra la posizione del danneggiato che faccia valere la situazione di apparenza del contrassegno assicurativo e quella del danneggiato che agisca nei confronti del F.G.V.S. facendo valere un difetto di copertura assicurativa, affermando il principio secondo cui “in tema di assicurazione della responsabilità civile per la circolazione di veicoli, nell’ipotesi in cui non sussista una valida o efficace polizza RCA e tuttavia l’affidamento sulla sua sussistenza sia stato ingenerato dal rilascio di un certificato o di un contrassegno assicurativo, il danneggiato può scegliere se esperire l’azione diretta, L. n. 990 del 1969, ex art. 18 (ora D.Lgs. n. 209 del 2005, art. 144), nei confronti dell’assicuratore del responsabile, facendo valere la situazione di apparenza indotta dal rilascio del certificato o del contrassegno, oppure l’azione risarcitoria, L. n. 990 del 1969, ex art. 19 (ora D.Lgs. n. 209 del 2005, art. 283), nei confronti dell’impresa designata dal Fondo di garanzia per le vittime della strada, facendo valere la situazione reale in ordine alla mancanza di copertura assicurativa” (Cass. n. 24069/2017); il tutto rilevando che “la situazione di apparenza non può che ridondare ad esclusivo vantaggio della vittima e non può, invece, essere intesa come ostacolo al perseguimento dell’interesse proprio del danneggiato venendo ad essere opposta come eccezione di merito fatta valere dalla impresa designata dal FGVS per sottrarsi alla azione risarcitoria fondata sulla – accertata – mancanza di una copertura assicurativa per il veicolo danneggiante”.

La sentenza impugnata è dunque viziata – in radice – da un errore di impostazione giuridica che ha orientato la Corte a considerare rilevante una condizione di apparenza circa l’esistenza di una valida polizza assicurativa, che sarebbe stata dirimente nell’ambito di una domanda proposta nei confronti della assicuratrice “apparente” del responsabile, ma è invece priva di rilevanza in relazione alla domanda proposta nei confronti dell’impresa designata dal F.G.V.S. sul presupposto della carenza della copertura: rispetto a quest’ultima, dovrà dunque accertarsi se gli elementi emersi dall’istruttoria siano idonei a dimostrare il difetto di copertura assicurativa quale presupposto per l’operatività della garanzia del Fondo.

La sentenza va pertanto cassata con rinvio alla Corte territoriale che, in diversa composizione, dovrà rivalutare la vicenda alla luce dei principi e criteri sopra indicati.

4. La Corte di rinvio provvederà anche sulle spese del presente giudizio.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa e rinvia, anche per le spese di lite, alla Corte di Appello di Napoli, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 31 gennaio 2018.

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 10545/2018. Veicolo non identificato. Indicazione dei testimoni nella denuncia-querela: irrilevanza

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale in tema di sinistri stradali causati da veicoli non identificati, la presentazione di una denuncia o di una querela contro ignoti non è condizione di...

» Cass. 274/2015. Il pirata non si allontana subito dal luogo del sinistro. Nelle cause contro il FGVS la prova deve essere valutata con maggior rigore rispetto ai casi ordinari? Risponde la Corte di Cassazione.

Viene esaminato, dalla Corte di Cassazione, il caso del pirata della strada che non si allontana subito dal luogo del sinistro.  In ordine alla deposizione del teste, la Corte di Appello  afferma che essa andrebbe valutata con "attento ...

» Cass.5892/2016. FGVS: la mancata indicazione dei testi nella denuncia querela non è di per sè motivo di rigetto della domanda.

La Corte di Cassazione, nella sentenza in esame, dopo aver riaffermato il principio secondo il quale, nel caso di azione proposta contro l'impresa designata alla gestione dei sinistri posti a carico del FGVS e diretta ad ottenere il risarcimento dei...

» Cass. 3019/2016. Veicolo pirata: la mancanza di querela non esclude il risarcimento.

L'accertamento che deve compiere il giudice non deve concernere il profilo della diligenza della vittima nel consentire l'individuazione del responsabile, ma esclusivamente la circostanza che il sinistro sia stato effettivamente provocato da un...

» Marocchino residente in Italia, investito in Spagna, da autocarro Irlandese non identificato:paga la Consap (A. Ventimiglia)

L'attore, un marocchino residente in Italia, ha convenuto in giudizio, ai sensi degli artt. 296 e segg. del D.Lgs.209/2005, la Consap - Gestione del FGVS, quale Organismo di Indennizzo Italiano - al fine di ottenere il risarcimento dei danni per le...

» Cass. 18308/2015. Se il danneggiato, per negligenza, non annota la targa del veicolo danneggiante, non può richiedere il risarcimento al FGVS.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione, ha ribadito il principio secondo il quale il presupposto che giustifica l'intervento dell'impresa designata dal F.G.V.S. è che i danni alle persone siano stati causati da veicolo rimasto non...

» Cass. 23432/2014. FGVS: il danneggiato non ha alcun onere di diligenza nella identificazione del veicolo.

La Corte di Cassazione dopo aver ribadito che "la vittima di un sinistro stradale causato da un veicolo non identificato non ha alcun obbligo, per ottenere il risarcimento da parte dell'impresa designata per conto del Fondo di Garanzia Vittime...

» Tribunale di Nola. Veicolo pirata. Mancata indicazione dei testi nella denuncia: irrilevanza.

Con la sentenza che segue il Tribunale ha ritenuto che non può attribuirsi alcuna rilevanza alla circostanza che, nella denuncia, non sono stati indicati  i nominativi dei soggetti presenti al momento del fatto, in quanto il teste escusso - come...

» Cass. 12060/2014. Azione contro il FGVS: la mancata identificazione del veicolo deve dipendere da impossibilità incolpevole del danneggiato.

In tema di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli o dei natanti, incombe sul danneggiato, che promuova richiesta di risarcimento dei danni nei confronti del Fondo di Garanzia, l’onere di...

» Cass. 17093/2014 - Efficacia riflessa del giudicato nei confronti del FGVS: casi di inammissibilità

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione, dopo aver premesso che è pacifico il principio dell'efficacia riflessa -nei confronti dell'assicuratore- del giudicato di condanna intervenuto nella controversia promossa dal danneggiato nei...

» FGVS. Scopertura assicurativa. Attestazione Ania (M. Cuomo)

Il conducente di veicolo coinvolto in un sinistro stradale, dopo che il proprietario ha ottenuto il risarcimento per i danni a cose ex art. 149 CdA, agisce, ex art. 283 e segg., per ottenere il risarcimento delle lesioni riportate, nei confronti...

» Corte Costituzionale 180/2014. Art. 287 CdA e lettera alla Consap.

L'art. 287 CdA prevede che l'azione contro l'impresa designata (nei casi previsti dall'art. 283) può essere proposta solo dopo che siano decorsi sessanta giorni (o sei mesi nel caso di L.C.A.) da quello in cui il danneggiato abbia richiesto il...

» F.G.V.S. Errata vocatio in ius dell'impresa designata (M.Cuomo)

Nel giudizio promosso contro la società  Progress  S.p.A. in L.C.A. e diretto ad ottenere il risarcimento dei danni subiti in conseguenza di incidente stradale, l'attore ha citato la soc. Generali in proprio anzichè  nella qualità di impresa...

» FGVS. Il danneggiato ha l'onere di fare tutto il possibile per individuare il responsabile del sinistro (M.Marchese)

Nella sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che, in caso di incidente causato da veicolo pirata, la presentazione della denunzia querela non assurge a condizione dell'azione o a presupposto del diritto ma a modalità di assolvimento ...

» Cass. 20066/2013.Veicolo non identificato: dichiarazioni rese dalla vittima in ospedale, mancata immediata indicazione dei testi e omessa denuncia

La Suprema Corte, con la sentenza in commento, torna sulla questione della mancanza di  efficacia probatoria della denuncia o omessa denuncia in caso di investimento ad opera di veicolo non identificato, affermando, inoltre, che non possono...

» Corte Costituzionale 157/2013. Azione contro l'Impresa Designata: proponibilità della domanda

Danni da sinistro stradale. Giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale. Art. 287, comma 1, del Decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle Assicurazioni Private).  Azione giudiziale nei confronti dell'impresa...

» Cass. 4784/2013. FGVS. Denunzia o omessa denunzia: non hanno efficacia probatoria

L'omessa od incompleta denuncia all'autorità, non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; così come l'intervenuta denuncia o querela contro ignoti non vale, di per se stessa,...

» FGVS. Mancanza di querela e/o decreto archiviazione: irrilevanza (M.Cuomo)

Conformemente a quanto, costantemente, sostenuto dalla Corte di Cassazione, con la sentenza in esame il Giudice di Pace ha ribadito che da un lato l’onere di denuncia all’autorità giudiziaria non può essere considerata condizione per...

» FGVS - Art. 283 lett.b) CdA: prova della scopertura assicurativa (M. Marchese)

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. Azione ex art. 283 lett.b)  D. Lgs. 209/2005. Necessità di provare, anche a mezzo testimoni, che il veicolo del responsabile civile, coinvolto nel sinistro, non risulta coperto di assicurazione....

» Tentativo di scippo - Risarcimento danni FGVS : inammissibilità (F.Bravaccio) .

Nella caso in esame - azione contro il FGVS diretta ad ottenere il risarcimento danni per le lesioni subite a seguito di scippo - il Giudice di Pace ha ritenuto che, in linea di principio, il danno cagionato in sede di responsabilità per la r.c....

» Cass. 14681/2012. Furto auto scoperta di assicurazione. Azione di regresso contro il proprietario: inammissibilità.

L'impresa designata dal "fondo di garanzia per le vittime della strada" assume la stessa posizione giuridica, del comune assicuratore; conseguentemente, se la circolazione è avvenuta in situazione da escludere la responsabilità del...

» Impresa Designata e Consap: legittimazione passiva e vocatio in ius (M.Cuomo)

Risarcimento danni ex art. 283 CdA lett.b). Presunta erronea vocatio in ius della GENERALI Ass.ni Impresa designata per la Campania ("andava evocata quale Impresa designata per la gestione dei sinistri in nome della CONSAP spa che gestisce...

» Cass. 9939/2012. FGVS: denuncia mancante o incompleta: irrilevanza.

Ritenere che la mancanza di una denunzia completa di tutti i suoi elementi (come nella fattispecie quanto all'indicazione dei testi) comporti di per sé il rigetto della domanda significa introdurre una vera e propria condizione per...

» Cass. 7270/2012. FGVS: la omessa denuncia all'autorità non esclude il danno.

L’omessa denuncia all’autorità non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; così come l’intervenuta denuncia o querela contro ignoti non vale, in se stessa, a dimostrare che...

» FGVS - Danni a cose: inapplicabilità art. 283 lett. a) D.Lgs. 209/2005 (A.Esposito)

La mancata indicazione del paese di immatricolazione del veicolo estero, presunto danneggiante, equivale alla mancata identificazione del veicolo. Richiesta risarcimento di danni a cose: inapplicabilità dell'art. 283 lettera a) del D. Lgs....

» Cass. 4360/2012: Azione contro il FGVS: la querela non è condizione di procedibilità.

La Corte di Cassazione, con la ordinanza che segue ha ribadito il principio già enunciato con la e, successivamente, con la sentenza 4480/11, secondo il quale la preventiva denuncia alle autorità inquirenti non costituisce una condizione di...

» Circolazione prohibente domino: risarcimento danni del FGVS (A. Esposito)

Alla luce della nuova normativa, sino al momento della presentazione della denuncia e per il giorno in cui la stessa viene presentata, è operante la copertura assicurativa stipulata per il veicolo, così come nel caso in cui il proprietario non...

» Auto immatricolata all'estero, scoperta di assicurazione e risultata rubata: legittimazione della impresa designata (A. Fuscellaro)

Sinistro causato da auto immatricolata all'estero, in Stato che non rientra nella Cee o negli altri Stati equiparati, scoperta di assicurazione e risultata, in corso di giudizio rubata. Legittimazione passiva della (sola) società Generali nella...

» Cass. n° 18532/07 F.G.V.S. – La omessa denuncia all'autorità è irrilevante.

L'omessa denuncia all'autorità non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; cosi' come l'intervenuta denuncia o querela contro ignoti non è , in se stessa, idonea a dimostrare che...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Ago 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Un brocardo al giorno...

Gradus adfinitatis nulli sunt.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png