AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 20374/2015 Indennizzo diretto - Premio pagato dopo la scadenza del termine dei 15 giorni: danno risarcibile?

E-mail Stampa PDF

Nella sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che il principio secondo il quale  il terzo danneggiato non è tenuto ad effettuare accertamenti se sia stato pagato il premio assicurativo o rilasciato solo il certificato ed il contrassegno, potendo fare ragionevole affidamento sull'apparenza della situazione, è applicabile anche nel caso in cui la domanda di risarcimento sia stata rivolta — come nella specie — nei confronti della propria assicurazione, ai sensi dell'art. 149 del decreto n. 209 del 2005  perché l'azione diretta che tale disposizione accorda al danneggiato, nei confronti del proprio assicuratore, non è altro che la medesima azione prevista dall'art. 144 cod. ass. per le ipotesi ordinarie (e della quale, pertanto, mutua l'intera disciplina), con l'unica particolarità che destinatario ne è l'assicuratore della vittima anziché quello del responsabile, in una sorta di accollo liberatorio ex lege del debito di quest'ultimo. Pertanto, cosi come l'assicuratore del responsabile non può opporre al terzo danneggiato il mancato pagamento del premio, là dove i suoi agenti abbiano comunque rilasciato illecitamente il contrassegno, la medesima eccezione non potrà essere sollevata nemmeno dall'assicuratore della vittima, se convenuto ai sensi dell'art. 149 sopra richiamato (Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza 09 ottobre 2015, n. 20374).


 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SESTA SEZIONE CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

<...>

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

È stata depositata la seguente relazione.

«1. Antonio TTT convenne in giudizio, dinanzi al Giudice di pace di San Donà di Piave, la compagnia assicuratrice UGF Assicurazioni e VVV Ccc PPP, chiedendo che, previo riconoscimento in capo al PPP dell'esclusiva responsabilità nella determinazione dell'incidente stradale, la prima fosse condannata al pagamento della somma di euro 3.905 a titolo di risarcimento danni.

Si costituì in giudizio la UGF Assicurazioni s.p.a., eccependo la propria mancanza di legittimazione passiva, mentre il PPP rimase contumace.

Il Giudice di pace rigettò la domanda per carenza di legittimazione passiva in capo alla convenuta compagnia assicuratrice, e condannò parte attrice al pagamento delle spese processuali.

2. La sentenza è stata impugnata dal TTT e il Tribunale di Venezia, Sezione distaccata di San Donà di Piave, con sentenza del 5 novembre 2013, ha rigettato il gravame, confermando la sentenza di primo grado e condannando l'appellante al pagamento delle ulteriori spese del grado.

3.Contro la sentenza di appello propone ricorso Antonio TTT, con atto affidato a tre motivi.

Gli intimati non hanno svolto attività difensiva in questa sede.

4.Osserva il relatore che il ricorso può essere trattato in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 375, 376 e 380-bis cod. proc. civ., in quanto appare fondato.

5. Il primo motivo di ricorso denuncia, in riferimento all'art. 360,primo comma 3) cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione delle norme di diritto in relazione all'applicazione dell'indennizzo diretto. Lamenta il ricorrente, in particolare, che, per pacifica giurisprudenza della Corte di cassazione, il rilascio, da parte dell'assicuratore, del contrassegno di assicurazione rende comunque operativa la garanzia, anche se — com'è avvenuto nella specie — il premio risulta pagato dopo la scadenza del termine di quindici giorni di cui all'art. 1901, secondo comma, del codice civile.

5.1. Il motivo è fondato.

La giurisprudenza costante di questa Corte è concorde nel ritenere che il rilascio del contrassegno assicurativo da parte dell'assicuratore della responsabilità civile autoveicoli vincola quest'ultimo a risarcire i danni causati dalla circolazione del veicolo, quand'anche il premio assicurativo non sia stato pagato, ovvero il contratto di assicurazione non sia efficace, giacché, nei confronti del danneggiato, ai fini della promovibilità dell'azione diretta nei confronti dell'assicuratore del responsabile, rileva l'autenticità del contrassegno e non la validità del rapporto assicurativo (sentenze 13 dicembre 2010, n. 25130, e 27agosto 2014, n. 18307).

È stato altresì affermato (sentenza 27 giugno 2014, n. 14636) che il terzo danneggiato non è tenuto ad effettuare accertamenti se sia stato pagato il premio assicurativo o rilasciato solo il certificato ed il contrassegno, potendo fare ragionevole affidamento sull'apparenza della situazione, come gli consente l'art. 7 della legge 24 dicembre 1969, n. 990 (e ora l'art. 127 del dig - s. 7 settembre 2005, n. 209). Né può giungersi a diversa  conclusione nel caso in cui la domanda di risarcimento sia stata rivolta — come nella specie — nei confronti della propria assicurazione, ai sensi dell'art. 149 del citato decreto n. 209 del 2005.

5.2. Ora il Tribunale di Venezia ha dato atto che la società di assicurazione del TTT aveva «allegato e convenientemente provato» che il premio di assicurazione del veicolo condotto dal PPP, relativo al periodo che era cominciato il 1° febbraio 2010, era stato pagato solo il 26 febbraio 2010, cioè oltre il termine di quindici giorni, mentre l'incidente era avvenuto il 19 febbraio 2010; ed ha aggiunto che <l'esistenza di un contrassegno che copre il periodo dal 1° al 28 febbraio 2010 non basta a confutare tale risultanza», pervenendo così al rigetto della domanda sul rilievo che il contratto di assicurazione non fosse operativo alla data del sinistro. In tal modo, però, il Tribunale risulta non aver fatto buon governo dei principi più volte ribaditi da questa Corte.

6. L'accoglimento del primo motivo comporta l'assorbimento degli altri.

7. Si ritiene, pertanto, che il ricorso vada trattato in camera di consiglio,con accoglimento del primo motivo e assorbimento degli altri due».

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Non sono state depositate memorie alla precedente relazione.

A seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella camera di consiglio, ritiene il Collegio di condividere i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione medesima e di doverne fare proprie le conclusioni, con le seguenti precisazioni.

1.1. Va innanzitutto rilevato che il Tribunale non ha affermato, né in alcun modo ipotizzato, che il contrassegno esposto sulla vettura della parte convenuta fosse falso, circostanza che avrebbe potuto avere una sua indubbia influenza.

Nel caso in esame, il TTT ha rivolto la domanda di risarcimento nei confronti della propria società di assicurazione, ossia la UGF, oggi UNIPOL Assicurazioni; ciò in conformità alla previsione dell'art. 149 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, il cui comma 1 prevede che, in caso di procedura di risarcimento diretto, la relativa domanda debba essere rivolta «all'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato».

Ciò, peraltro, non ha alcuna influenza ai fini del problema della validità del contrassegno di assicurazione; infatti i principi affermati da questa Corte con le pronunce di cui alla trascritta relazione non mutano nel caso in cui il terzo danneggiato abbia rivolto la sua pretesa risarcitoria nei confronti del proprio assicuratore della r.c.a. secondo la procedura di cui all'art. 149 cit., perché l'azione diretta che tale disposizione accorda al danneggiato, nei confronti del proprio assicuratore, non è altro che la medesima azione prevista dall'art. 144 cod. ass. per le ipotesi ordinarie (e della quale, pertanto, mutua l'intera disciplina), con l'unica particolarità che destinatario ne è l'assicuratore della vittima anziché quello del responsabile, in una sorta di accollo liberatorio ex lege del debito di quest'ultimo (non a caso l'art. 149, comrna 4, cit. attribuisce al pagamento compiuto dall'assicuratore del danneggiato effetti liberatori anche nei confronti del responsabile del sinistro e del suo assicuratore). Pertanto, cosi come l'assicuratore del responsabile non può opporre al terzo danneggiato il mancato pagamento del premio, là dove i suoi agenti abbiano comunque rilasciato illecitamente il contrassegno, la medesima eccezione non potrà essere sollevata nemmeno dall'assicuratore della vittima, se convenuto ai sensi dell'art. 149 sopra richiamato.

2. In conclusione, è accolto il primo motivo di ricorso, con assorbimento degli altri.

La sentenza impugnata è cassata e il giudizio rinviato al Tribunale di Venezia, in persona di un diverso Magistrato, il quale deciderà attenendosi al principio di cui alla presente decisione.

Al giudice di rinvio è demandato anche il compito di liquidare le spese del presente giudizio di cassazione.

Per questi motivi

La Corte

accoglie il primo motivo di ricorso, assorbiti gli altri, cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Venezia, in persona di un diverso Magistrato, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di cassazione.

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
Ultimo aggiornamento Sabato 15 Ottobre 2016 10:28  
Articoli collegati :

» Cass.9188/2018. Indennizzo diretto. Litisconsorzio necessario del responsabile civile

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale in caso di azione diretta del danneggiato, in un sinistro stradate, nei confronti della propria compagnia di assicurazione, ex art. 149 D. Lgs. 209/2005,...

» Cass. 21896/2017. Indennizzo diretto: sussiste litisconsorzio necessario nei confronti del danneggiante responsabile

In materia di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile per la circolazione dei veicoli, nella procedura di risarcimento diretto di cui all'art. 149 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, promossa dal danneggiato nei...

» Cass. 9276/2017 - Art. 149 D.Lgs. 209/2005: ma il responsabile civile va citato in giudizio?

Nella ordinanza che segue, la Corte di Cassazione sfiora ma non tocca e, quindi, non risolve il problema relativo alla necessità  di evocare o meno in giudizio anche il responsabile del danno, nel caso di azione promossa dal danneggiato ai sensi...

» Cass. 5008/2017. Indennizzo diretto.Premio pagato in ritardo: la compagnia è tenuta al risarcimento del danno.

Il rilascio del contrassegno assicurativo da parte dell'assicuratore della responsabilità civile di autoveicoli vincola quest'ultimo a risarcire i danni causati dalla circolazione del veicolo, quand'anche il premio assicurativo non sia stato...

» Cass. 3146/2017. Quando l'indennizzo diretto è applicabile anche in caso di collisione tra più di due veicoli.

Con la ordinanza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che la procedura di indennizzo diretto prevista dall'art. 149 del codice delle assicurazioni private (decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209) è ammissibile anche in caso di...

» Cass. 26098/2016. Modello Cid a firma congiunta: riduce a 30 giorni il termine dilatorio per la proposizione dell'azione risarcitoria?

Nel sistema ex art. 149 Cod. Ass. del c.d. indennizzo diretto - in base al quale il danneggiato che, in conseguenza di un sinistro stradale  intenda proporre l'azione diretta nei confronti dell'assicuratore del veicolo  responsabile, ha l'onere...

» Indennizzo diretto: il responsabile civile non è parte processuale (R. Iorio)

L’uso della locuzione “azione diretta” nell’art. 149 co.6 cod.ass. è stata interpretata, dai fautori del necessario intervento del responsabile civile nell’indennizzo diretto, come un richiamo all’art. 144 che al comma 3, ...

» Cass. 4754/2016. Indennizzo diretto: la domanda è improponibile se la richiesta di risarcimento non contiene tutti i requisiti di cui all'art. 148 Cod.Ass.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che nel sistema del c.d. indennizzo diretto (art. 149 cod. ass.), l’azione proposta dal danneggiato nei confronti del proprio assicuratore è improponibile se non è stata preceduta...

» La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del D.Lgs. 209/2005

 La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del d.lgs.209/2005(avv. Maria Cuomo - Giudice di Pace di Nola)   

» Indennizzo diretto: va citato anche il responsabile civile (A. Esposito).

Nella sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che una lettura costituzionalmente orientata dell' 149, 6° comma, impone di ritenere che, nel proporre l'azione diretta nei confronti della propria società assicuratrice, il danneggiato ...

» Indennizzo diretto: requisiti per l'applicabilità dell'art. 149 CdA (Luigi Scognamiglio)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che perchè  il danneggiato possa invocare il meccanismo del c.d. indennizzo diretto disciplinato dall'art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private è necessario che nella richiesta di...

» Indennizzo diretto: necessaria la presenza del responsabile civile solo se richiesto l'accertamento della responsabilità - Principio di non contestazione (M.Cuomo)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che, nel caso di azione ex artt. 145 e 149 del D.Lgs.209/2005,  la presenza del responsabile civile è necessaria unicamente nel caso in cui  venga richiesto l'accertamento della sua...

» Indennizzo diretto: il responsabile civile non va citato (M.Cuomo)

Con la sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che l'attore che intenda agire ex art. 149 D. Lgs. 209/2005  deve evocare in giudizio unicamente la propria compagnia di assicurazione e non anche il responsabile civile, diversamente dalla...

» Sinistro senza collisione: inapplicabilità indennizzo diretto (A. Esposito)

Mentre l'art. articolo 149 del D.Lgs. 209 del 7 settembre 2005, nel disciplinare la procedura di risarcimento diretto, si riferisce genericamente ai sinistri tra due veicoli, inducendo a ritenere che la suddetta procedura sia applicabile a...

» Tribunale Torino. Indennizzo diretto: l'azione va proposta nei soli confronti della propria compagnia di assicurazione.

Ai sensi dell'art. 149 del Digs. n. 209 del 2005, nel caso di procedura di risarcimento diretto il danneggiato deve rivolgere la richiesta di risarcimento all'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato. In...

» Indennizzo diretto. Foro del consumatore: applicabilità (M. Cuomo)

Nel caso di richiesta di risarcimento con le forme dell’indennizzo diretto, il rapporto che sorge tra l'assicurato e l'assicuratore non è un rapporto extracontrattuale bensì un rapporto contrattuale, tanto è vero che, gli adempimenti...

» Indennizzo diretto e successiva domanda riconvenzionale ex art. 148: improponibilità. Electa una via...(M.Cuomo).

In tema di indennizzo diretto, il brocardo "electa una via non datur recursus ad alteram" vale anche per il convenuto che propone domanda riconvenzionale. Nel giudizio conclusosi con la sentenza in esame l'attrice, al fine di ottenere il...

» Indennizzo diretto: electa una via non datur recursus ad alteram (F.Bravaccio)

Nella sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che, l'aver scelto la procedura di cui all'art. 149 del D.Lgs.209/2005 (procedura di risarcimento diretto) con il regolare adempimento degli obblighi da essa previsti (invio lettere raccomandate...

» Scoppio pneumatico. Risarcimento danni - Indennizzo diretto: applicabilità (F. Bravaccio)

Nel caso conclusosi con la sentenza in esame, a seguito dello scoppio dello pneumatico destro dell'autocarro che la precedeva, l'autovettura dell'attrice veniva danneggiata da frammenti dello stesso. Il Giudice di Pace ha ritenuto l'applicabilità...

» Liquidazione coatta amministrativa e indennizzo diretto: applicabilità (M.Cuomo)

Nella sentenza che segue, il Giudice di Pace ha ribadito la applicabilità dell'indennizzo diretto, ex art. 149 D.Lgs. 209/2005, anche alla ipotesi in cui la compagnia del responsabile civile sia stata posta in liquidazione coatta amministrativa...

» Eccezione di litispendenza e improponibilità della domanda ex artt 145 e 148 CdA : infondatezza (A.Esposito)

L'istituto della litispendenza, ossia della contemporanea pendenza della stessa causa, presuppone la pendenza effettiva sul ruolo, avvertendosi che le cause non riassunte si trovano in uno stato di quiescenza, cioè non sono in corso di...

» Indennizzo diretto: necessità di citare anche il responsabile civile (M.Marchese)

Indennizzo diretto: necessità di evocare in giudizio, oltre alla propria impresa di assicurazione, anche il responsabile del sinistro stradale, al fine di rendere opponibile anche a quest'ultimo l'accertamento della sua responsabilità in vista dei...

» Indennizzo diretto: Improponibilità della domanda (M.Cuomo)

Indennizzo diretto: 1) Improponibilità della domanda ex art. 149 D.Lgs.209/2005 se la richiesta di risarcimento danni è stata erroneamente inoltrata, per conoscenza, a società diversa da quella che garantiva il veicolo del responsabile civile; 2)...

» Indennizzo diretto e macchine agricole

Si applica l'indennizzo diretto nel caso di scontro tra autovettura e macchina agricola? (Marco da San Vitaliano)Per le macchine agricole, così come definite dall'art. 57 del Codice della Strada, l’indennizzo diretto è applicabile, ma solo per i...

» Indennizzo Diretto (Anna Esposito)

PROCEDURA DI RISARCIMENTO DIRETTO - Avv. Anna Esposito - Giudice di Pace di OttavianoL’articolo 149 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre 2005, ribattezzato Codice delle Assicurazioni Private, ed il D.P.R. n. 254 del 18 luglio 2006 ...

» Che cos'è l'Indennizzo Diretto?

L'indennizzo diretto è la procedura introdotta dall'art.149 del D.Lgs.209/2005 (c.d. Codice Assicurazioni), secondo la  quale "in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal...

» Corte Cost. 19.06.2009 n. 180 - Indennizzo Diretto:facoltatività

Sentenza Corte Costituzionale 19.06.2009 n. 180"Sulla base proprio delle parole, secondo la loro connessione (art. 12 disp. attuazione), l'azione diretta contro il proprio assicuratore è configurabile come una facoltà, e quindi un'alternativa...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Gen 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Un brocardo al giorno...

Dies coeptus pro completo habetur.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png