AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 7826/2016. La notifica si perfeziona, per il notificante, con la consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario.

E-mail Stampa PDF

La notifica di un atto processuale si intende perfezionata, per il notificante, al momento della consegna del medesimo all'ufficiale giudiziario. La tempestività della notificazione esige che la consegna della copia dell'atto per la notifica venga effettuata nel termine perentorio assegnato dalla legge o dal giudice e che l'eventuale tardività della notifica possa essere addebitata esclusivamente a errori o all'inerzia dell'ufficiale giudiziario o dei suoi ausiliari, e non a responsabilità del notificante; pertanto, in tale eventualità, la data di ricezione dell'atto da parte del destinatario non rileva al fine di escludere la tempestività dell'adempimento, ma soltanto, in caso di mancato compimento del procedimento notificatorio, al fine di richiederne la rinnovazione, provvedendovi con sollecita diligenza, da valutarsi secondo un principio di ragionevolezza (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 3, sentenza 20 aprile 2016, n. 7826)


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SESTA SEZIONE CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

<...>

ha pronunciato la seguente:

sentenza

Fatto e diritto

1: Era depositata in Cancelleria ai sensi dell'art. 380 bis cod. proc. civ. la seguente relazione:

«1.-Con la sentenza impugnata la Corte d'Appello di Roma ha dichiarato inammissibile l'appello interposto da SIREC srl avverso la sentenza del Tribunale di Roma, depositata il 23 marzo 2004 notificata il 5 ottobre 2004, per avere tardivamente notificato (soltanto in data 17 novembre 2004) l'atto di appello nei confronti di REXX s.r.l., ritenuta unico contraddittore necessario dell'appellante, non avendo questa proposto domanda alcuna nei confronti dell'Impresa M., pur presente in primo grado e regolarmente citata in appello.

Il ricorso per cassazione è proposto con cinque motivi. Gli intimati non si sono difesi.

2.- Preliminare ed assorbente risulta l'esame del secondo motivo, col quale si deduce violazione e falsa applicazione degli arti. 325, e 149 cod. proc. civ., perché la Corte d'Appello ha considerato irrilevante ai fini della valutazione della tempestività della notifica dell'atto di appello il momento della sua consegna all 'Ufficiale Giudiziario per la notificazione in data 4 novembre 2004, quindi prima della scadenza del termine breve per impugnare. Invece, la Corte ha considerato rilevante il momento dell 'effettiva ricezione dello stesso da parte del destinatario, pur non essendo il ritardo imputabile al notificante.

2.1.- Il motivo risulta manifestamente fondato. A seguito della sentenza n. 477 del 2002 della Corte costituzionale, su cui è per intero basata l'illustrazione del motivo in esame - secondo cui la notifica di un atto processuale si intende perfezionata, per il notificante, al momento della consegna del medesimo all'ufficiale giudiziario - la tempestività della notificazione esige che la consegna della copia dell'atto per la notifica venga effettuata nel termine perentorio assegnato dalla legge o dal giudice e che l'eventuale tardività della notifica possa essere addebitata esclusivamente a errori o all'inerzia dell'ufficiale giudiziario o dei suoi ausiliari, e non a responsabilità del notificante (cfr, già Cass. n. 21409/04 e tutta la successiva giurisprudenza di legittimità); pertanto, in tale eventualità, la data di ricezione dell'atto da parte del destinatario non rileva al fine di escludere la tempestività dell'adempimento, ma soltanto, in caso di mancato compimento del procedimento notificatorio, al fine di richiederne la rinnovazione, provvedendovi con sollecita diligenza, da valutarsi secondo un principio di ragionevolezza (cfr. Cass. S. U. n. 17352/09, Cass. n. 19986/11 ed altre).

2.2.- Pertanto, ha errato la Corte d'Appello nel prendere in considerazione esclusivamente la data del 17 novembre 2004, che è quella della ricezione dell'atto di appello, notificato a mezzo posta da parte dell'Ufficiale Giudiziario.

Alfine di verificare la tempestività dell'appello ai sensi dell'art. 325 cod. proc. civ., la Corte territoriale, alla stregua dei principi di cui sopra, avrebbe dovuto delibare la data di consegna del plico all'ufficiale giudiziario da parte del notificante, e, risultando con certezza tale consegna effettuata prima della scadenza del termine assegnato per l'integrazione del contraddittorio, avrebbe dovuto verificare se il procedimento notificatorio si fosse o meno concluso, valutando, soltanto in caso di mancata conclusione dello stesso, se la causa fosse o meno imputabile al notificante e se questi si fosse o meno adoperato tempestivamente per porvi rimedio.

Risulta perciò errata la statuizione di inammissibilità dell'appello formulata a prescindere dalle verifiche di cui si è appena detto, senza tenere conto del fatto che l'atto di appello venne consegnato all'Ufficiale Giudiziario per la notificazione il 4 novembre 2004, quindi entro il trentesimo giorno dalla notificazione della sentenza (5 ottobre 2004), e che la notificazione non andò a buon f ne perché fu lo stesso Ufficiale Giudiziario a mal indirizzare la stessa a mezzo posta, ponendovi rimedio con la consegna a mani il 17 novembre 2004 (entro il successivo dodicesimo giorno).

In conclusione, si propone che il secondo motivo di ricorso sia accolto, la sentenza impugnata sia cassata e le parti siano rinviate alla Corte d'Appello di Roma, in diversa composizione. Restano

assorbiti i restanti quattro motivi.».

La relazione era comunicata al difensore della parte ricorrente.

1.1: Tenuta la camera di consiglio del 16 aprile 2015, il collegio riscontrava che non era stato depositato l'avviso di ricevimento relativo alla notificazione del ricorso per cassazione effettuata a mezzo posta nei confronti della società ReXX s.r.l., elettivamente domiciliata presso il procuratore costituito in grado di appello. Con ordinanza depositata il 12 maggio 2015, ordinava perciò la rinnovazione della notificazione del ricorso nei confronti di questa intimata nel termine di giorni trenta dalla comunicazione del provvedimento. La cancelleria comunicava il provvedimento in data 4 giugno 2015. 1.2: Con nota di deposito del 26 giugno 2015 il procuratore della ricorrente depositava l'avviso di ricevimento della prima notificazione del ricorso pervenuto al destinatario, avv. N.N., procuratore della società ReXX s.r.1., in data 29 maggio 2013, nonché atto di rinnovazione notificato allo stesso destinatario in data 9 giugno 2015. Parte ricorrente depositava altresì visura della camera di commercio industria e artigianato di Roma dalla quale risultava la cancellazione della società ReXX s.r.l. in data 10 settembre 2007.

A seguito di notifica dell'atto di rinnovazione anche nei loro confronti, notificavano distinti controricorsi H.A. e T.M., in qualità di soci della ReXX s.r.l.

Non svolgeva attività difensiva l'originaria intimata Costruzioni edili M.E.G., ditta individuale.

Fissata la pubblica udienza per il giorno 9 marzo 2016, sia la ricorrente Sirec s.r.l. che i resistenti A. e M. depositavano memorie ai sensi dell'art. 378 cod. proc. civ.

2.- Va dato atto che, come esposto riepilogando le vicende processuali, la cancellazione della società ReXX s.r.l. dal registro delle imprese non è stata comunicata dal suo difensore nel grado di merito.

Va dato atto altresì che il ricorso per cassazione -proposto avverso la sentenza della Corte d'Appello pubblicata il 19 aprile 2012 e non notificata- è stato spedito per le notificazioni a mezzo posta, ai sensi della legge 21 gennaio 1994 n. 53, il 28 maggio 2013, quindi tempestivamente.

Va infine dato atto che la notificazione di cui si è appena detto si è perfezionata con la ricezione del ricorso da parte del procuratore dell'Impresa M., in data 29 maggio 2013, e da parte del procuratore della ReXX  s.r.l., in data 29 maggio 2013.

Quest'ultima ricezione risulta dall'avviso di ricevimento depositato il 26 giugno 2015.

2.1.- Il Collegio ritiene che il ricorso sia stato validamente notificato al procuratore della società intimata, non rilevando che questa sia stata cancellata dal registro delle imprese nella pendenza del giudizio di merito. Infatti, le Sezioni Unite di questa Corte con sentenza del 4 luglio 2014 n. 15295, dichiaratamente modificando l'orientamento precedente (ribadito, con riferimento alla fattispecie della cancellazione delle società dal registro delle imprese, da Cass. S.U. 13 marzo 2013 n. 6070) e riproponendo la teoria della c.d. ultrattività del mandato, hanno affermato il seguente principio di diritto: «In caso di morte o perdita di capacità della parte costituita a mezzo di procuratore, l'omessa dichiarazione o notificazione del relativo evento ad opera di quest'ultimo comporta, giusta la regola dell'ultrattività del mandato alla lite, che il difensore continui a rappresentare la parte come se l'evento stesso non si fosse verificato, risultando così stabilizzata la posizione giuridica della parte rappresentata (rispetto alle altre parti ed al giudice) nella fase attiva del rapporto processuale, nonché in quelle successive di sua quiescenza od eventuale riattivazione dovuta alla proposizione dell'impugnazione. Tale posizione è suscettibile di modificazione qualora, nella fase di impugnazione, si costituiscano gli eredi della parte defunta o il rappresentante legale di quella divenuta incapace, ovvero se il suo procuratore, già munito di procura alla lite valida anche per gli ulteriori gradi del processo, dichiari in udienza, o notifichi alle altre parti, l'evento, o se, rimasta la medesima parte contumace, esso sia documentato dall'altra parte o notificato o certificato dall'ufficiale giudiziario ex art. 300, quarto comma, cod. proc. civ.».

Il principio va esteso anche alla situazione della perdita della capacità di stare in giudizio che si determini a seguito della cancellazione della società di capitali dal registro delle imprese, alla stregua di quanto affermato da altre numerose sentenze di questa Corte che, ponendosi in linea di continuità con la decisione a Sezioni Unite, hanno affermato il seguente principio di diritto: « La cancellazione della società dal registro delle imprese priva la stessa, a partire dal momento in cui si verifica l'estinzione della società cancellata, della capacità di stare in giudizio. Tuttavia, ove l'evento estintivo si verifichi nel corso del giudizio di secondo grado, prima che la causa sia trattenuta per la decisione e senza che lo stesso sia stato dichiarato, né notificato, dal procuratore della società medesima, ai sensi dell'art. 300 cod. proc. civ., per il principio dell’"ultrattività del mandato", il suddetto difensore continua a rappresentare la parte come se l'evento non si fosse verificato, sicché il ricorso per cassazione notificato alla (pur estinta) società ..., presso il difensore costituito nei gradi di merito, risulta ritualmente proposto.» (così Cass. n. 26495/14; nello stesso senso anche Cass. n. 23141/14, n. 5855/15 e n. 15724/15, risultando isolato il contrario precedente di cui a Cass. n. 23574114, che va disatteso perchè non coerente con la soluzione prescelta dalle Sezioni Unite).

2.2.- Nel presente giudizio di legittimità si sono difesi i soci della società estinta, con controricorsi e memorie.

La loro difesa in sede di legittimità comporta la modificazione della situazione processuale ma questa modificazione è sopravvenuta alla proposizione del ricorso. Pertanto, potrà rilevare ai fini della riassunzione della causa davanti al giudice di rinvio, ma non rileva ai fini della regolarità dell'impugnazione dinanzi a questa Corte.

Avuto riguardo ai principi di cui sopra, il ricorso è ammissibile.

3.- Quanto ai motivi di impugnazione, il Collegio condivide la proposta e le argomentazioni in fatto ed in diritto espressi nella relazione depositata ai sensi dell'art. 380 bis cod. proc. civ..

Giova precisare che -contrariamente a quanto si assume con le memorie depositate dai resistenti- gli atti processuali prodotti unitamente al ricorso documentano, punto per punto, le vicende esposte nello stesso ricorso, come d'altronde constatato già con la relazione di cui sopra: vi è in atti la prova sia della consegna dell'atto di appello all'ufficiale giudiziario in data 3 novembre 2004 con richiesta di notificazione all'appellata ReXX srl, in persona dei legale rappresentante pro tempore, nel domicilio eletto presso il difensore in primo grado; sia della spedizione a mezzo posta dello stesso atto di citazione in appello da parte dell'ufficiale giudiziario in data 4 novembre 2004 (con l'errata indicazione del destinatario sulla busta contenente il ricorso, in quanto era omesso il nominativo dell'avvocato); sia, infine, del completamento del procedimento notificatorio dopo che la prima notificazione era risultata ineseguita per essere stata effettuata a "destinatario sconosciuto all'indirizzo" . Alla stregua di questo dato documentale -riscontrato sia al momento del deposito della relazione di cui sopra che dal collegio mediante l'accesso agli atti consentito dalla denuncia dell'error in procedendo ai sensi dell'art. 360 n. 4 cod. proc. civ.- risultano incomprensibili (a tacer d'altro) le considerazioni svolte dai resistenti in merito alla asserita mancanza di qualsivoglia riscontro documentale a sostegno del secondo motivo di ricorso ed alla asserita mancata verifica degli atti processuali che sarebbe stata a base della ricostruzione delle vicende processuali contenuta nella relazione depositata ai sensi dell'art. 380 bis cod. proc. civ.

Il secondo motivo di ricorso è perciò fondato per le ragioni già richiamate.

3.1.- Ogni altra questione posta dai resistenti attiene al merito del gravame e dovrà essere fatta oggetto di esame da parte del giudice del rinvio.

Dato tutto quanto sopra, va accolto il secondo motivo di ricorso e la sentenza impugnata va cassata, con assorbimento dei motivi restanti. Le parti vanno rimesse alla Corte d'Appello di Roma, in diversa composizione, per il giudizio di rinvio e la decisione sulle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, assorbiti i restanti. Cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d'Appello di Roma, in diversa composizione, anche per la decisione sulle spese del giudizio di legittimità.

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Abrogazione dell'art. 7 Legge 890/1982: illegittima, ma non sempre, l'emissione della C.A.N. (M.Cuomo)

Con la sentenza in commento il Giudice di Pace ha ritenuto che, a seguito della abrogazione dell'art. 7 della Legge 890/1982 ("Se il piego non viene consegnato personalmente al destinatario dell’atto, l’agente postale dà notizia al...

» Cass. 12451/2018. Casella piena: la notifica PEC è valida

Il titolare dell' "account" di posta elettronica certificata ha il dovere di assicurarsi il corretto funzionamento della propria casella postale e di utilizzare dispositivi di vigilanza e di controllo, dotati di misure anti intrusione, oltre che...

» Indirizzo PEC tratto dall'elenco IPA: nullità della notifica (M.Cuomo)

Nella sentenza che segue, il Giudice di Pace ha ritenuto la nullità della notifica  all'indirizzo PEC tratto dall'elenco IPA. Invero, ha ritenuto il giudicante, il Registro IndicePA, istituito dall’art. 16, co. 8 del D.L. 185/2008,  reca gli...

» C.A.N. Illegittima l'emissione se l'atto giudiziario è diretto a persona giuridica. Prescrizione del diritto e risarcimento danni (G. Ciampa).

Con la sentenza in commento il Giudice di Pace ha confermato il principio secondo il quale l'emissione della C.A.N. non deve essere eseguita quando l'atto giudiziario risulti indirizzato a persona giuridica e la relativa consegna dell'atto sia...

» Cass. 4891/2015. E' la data sull'avviso di ricevimento della raccomandata che perfeziona la notifica

Con la sentenza in commento, la Corte di Cassazione ha stabilito che in tema di notificazioni a mezzo posta, quando debba accertarsi il perfezionamento della notificazione nei confronti del destinatario, posto che la data del timbro postale sulla...

» Atto notificato a persona giuridica: illegittima la emissione della CAN (A. Turco)

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace ha ritenuto che se l'atto giudiziario è diretto ad una persona giuridica non è necessaria l'emissione della C.A.N. Pur se è vero, infatti, che l'art.7 della L.890/82 stabilisce che se il piego...

» La C.A.D. e la C.A.N. (Francesco Annunziata)

 La C.A.D. (Comunicazione di Avvenuto Deposito) e la C.A.N. (Comunicazione di Avvenuta Notifica)(di Francesco Annunziata)  

» Atto notificato a persona giuridica: illegittima l'emissione della C.A.N. (M. Cuomo).

L'attore agisce in giudizio al fine di ottenere la restituzione della somma di euro 2,80, illegittimamente richiesta dalla spa POSTE ITALIANE, per la emissione della C.A.N., a seguito di  notifica di atto destinato a persona giuridica. Il...

» Cass.16402/2014. Notifica eseguita nel domicilio dal quale il destinatario si è trasferito: nullità non inesistenza.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione dopo aver ribadito il principio secondo il quale  la notificazione d'un atto processuale è inesistente solo quando avvenga in luogo "non avente alcun collegamento con il destinatario della...

» Cass. 14119/2013. Notificazione nulla se non è possibile identificare la persona alla quale è stato consegnato l'atto.

In tema di notificazioni, dall'avviso di ricevimento deve risultare possibile l'identificazione della persona alla quale è stato consegnato l'atto; qualora manchi l'indicazione delle generalità del consegnatario, la notifica è nulla ai sensi...

» Cass. SS.UU.24851/2010: Notifica verbale - cambiamento di residenza non annotato al PRA: irrilevanza

In tema di violazioni del Codice della Strada il "dies a quo" del termine di 150 giorni per la notifica del verbale di contestazione delle violazioni del codice della strada, nel caso in cui il destinatario abbia mutato residenza provvedendo a far...

» Cass. 2262/2013. Sanzioni Amministrative. Notifica a mezzo posta privata: nullità

Con la sentenza in esame la Corte di Cassazione ha statuito che i gli invii raccomandati attinenti alle procedure amministrative e giudiziarie sono riservati in maniera esclusiva, per motivi di ordine pubblico, all'Ente Poste. In particolare, ha...

» Cass. SS.UU. 10143/2012. PEC e notificazione

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno enunciato il seguente principio di diritto: "Il R.D. n. 37 del 1934, art. 82 - che prevede che gli avvocati, i quali esercitano il proprio ufficio in un giudizio che si svolge fuori della ...

» Cass. 21595/2012. Rinnovazione della citazione nulla: non interrompe la prescrizione

Escluso che la mera consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto da notificare sia idonea a interrompere il decorso del termine prescrizionale del diritto fatto valere, essendo a questi fini necessario che l'atto, giudiziale o...

» Cass. SS.UU. 1418/2012: Compiuta giacenza - perfezionamento della notifica

Nel caso in cui, nella notificazione eseguita a mezzo posta, il piego raccomandato sia depositato presso l'ufficio postale preposto alla consegna  e non sia ritirato,  la notifica si perfeziona "decorsi dieci giorni " dalla data di spedizione...

» Cass. 17939/2012: Notifica - firma illeggibile - validità.

Se la  notifica dell'avviso di accertamento è stata eseguita a mezzo del servizio postale ordinario, si applica il principio secondo il quale ai fini del perfezionamento della notificazione è sufficiente che la spedizione postale sia avvenuta...

» Cass. 18492/2012. Notifica atto al portiere del condominio.

Nella ipotesi in cui il portiere di un condominio riceva la notifica della copia di un atto qualificandosi come "incaricato al ritiro", senza alcun riferimento alle funzioni connesse all'incarico afferente al portierato, ricorre la presunzione...

» Interruzione della prescrizione: atto giudiziale e atto stragiudiziale (A. Fuscellaro)

La lettera raccomandata in quanto atto di natura negoziale e non giudiziale, ha carattere recettizio, pertanto, produce i suoi effetti interruttivi solo quando viene a conoscenza del destinatario. L'atto giudiziale, invece, dopo la sentenza della...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Ott 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Un brocardo al giorno...

Non utendo amittitur ususfructus.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png