AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 16181/2015. Il trasportato non deve provare le modalità del sinistro. Il caso del trasportato proprietario del veicolo

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha affermato che il terzo trasportato per essere risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo del quale era a bordo al momento del sinistro deve fornire la prova di aver subito un danno a seguito del sinistro, ma non delle modalità dell'incidente al fine di individuare la responsabilità dei rispettivi conducenti. Ha ribadito, inoltre, la Corte che, alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea (sentenza 1 dicembre 2011, Churchill Insurance/Wilkinson), secondo il principio solidaristico "vulneratus ante omnia reficiendus", il proprietario trasportato ha diritto, nei confronti del suo assicuratore, al risarcimento del danno alla persona causato dalla circolazione non illegale del mezzo, essendo irrilevante ogni vicenda normativa interna e nullo ogni patto che condizioni la copertura del trasportato all'identità del conducente ("clausola di guida esclusiva").(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 30/07/2015 n. 16181/15).


 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

TERZA SEZIONE CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

<...>

ha pronunciato la seguente:

sentenza

Svolgimento del processo

D.M.F. ha citato in giudizio la UGF Assicurazioni, ora Unipol Assicurazioni S.p.A, per ottenere ai sensi dell'art. 141 D.lgs 209/05 per sé e per la propria figlia minore, Gu.Ro., il risarcimento del danno subito in qualità di trasportate a bordo dell'autovettura di proprietà della D. stessa, guidata da Gu.Sa., coinvolta in un sinistro il giorno 11.5.2009.

Il giudice di pace ha accolto la domanda.

A seguito di impugnazione della UGF Assicurazioni, il Tribunale di Forlì, sul rilievo che non vi era stata collisione diretta tra i veicoli e che quindi non poteva essere applicata la presunzione di pari responsabilità di cui all'articolo 2054 2comma cod.civ., ha rigettato la domanda.

Avverso detta sentenza propongono ricorso D.M.F. e la figlia Gu.Ro. con tre motivi.

Resiste la Unipol Assicurazioni S.p.A.

La causa perviene alla pubblica udienza a seguito di rinvio da parte del Collegio della Sesta sezione civile della Corte.

Entrambe le parti hanno presentato memoria.

Motivi della decisione

1. Con il primo motivo di ricorso si denunzia violazione e falsa applicazione dell'art. 141 del d.lgs. 209 /2005, in riferimento all'articolo 360 n. 3 c.p.c. Con il secondo motivo si denunzia nullità della sentenza per violazione dell'articolo 112 c.p.c. in riferimento all'art. 360 n. 4 c.p.c..

Con il terzo motivo si denunzia omessa insufficiente motivazione ex art. 360 n. 5 c.p.c.. Sostengono le ricorrenti che hanno citato in giudizio la compagnia assicuratrice del veicolo su cui erano trasportate ai sensi dell'articolo 141 del Codice delle Assicurazioni che prevede che il danno subito dal terzo trasportato è risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo sul quale il danneggiato è trasportato al momento del sinistro, a prescindere dall'accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro.

Di conseguenza la Corte di merito ha errato nel rigettare la domanda, sul rilievo della impossibilità di accertare l'eventuale responsabilità ed il contributo causale da attribuire ai veicoli coinvolti nell'incidente.

2. I tre motivi si esaminano congiuntamente per la connessione logico giuridica che li lega e sono fondati.

Le ricorrenti hanno citato in giudizio solo la compagnia assicuratrice del veicolo su cui erano trasportate, invocando il risarcimento del danno ex art.141 del Codice delle Assicurazioni per le lesioni subite a seguito di un sinistro.

L'art. 141 Codice delle Assicurazioni prevede che "salva l'ipotesi di sinistro cagionato da caso fortuito, il danno subito dal terzo trasportato è risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo sul quale era a bordo al momento del sinistro entro il massimale minimo di legge, fermo restando quanto previsto all'articolo 140, a prescindere dall'accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro, fermo il diritto al risarcimento dell'eventuale maggior danno nei confronti dell'impresa di assicurazione del responsabile civile, se il veicolo di quest'ultimo è coperto per un massimale superiore a quello minimo. Per ottenere il risarcimento il terzo trasportato promuove nei confronti dell'impresa di assicurazione del veicolo sul quale era a bordo al momento del sinistro la procedura di risarcimento prevista dall'articolo 148. L'azione diretta avente ad oggetto il risarcimento è esercitata nei confronti dell'impresa di assicurazione del veicolo sul quale il danneggiato era a bordo al momento del sinistro nei termini di cui all'articolo 145".

3. Il nuovo Codice delle Assicurazioni ha introdotto una novità rilevante prevedendo l'azione diretta del terzo trasportato, danneggiato a seguito del sinistro stradale, nei confronti dell'impresa assicuratrice del veicolo. Lo scopo della norma è quello di fornire al terzo trasportato uno strumento aggiuntivo di tutela, al fine di agevolare il conseguimento del risarcimento del danno nei confronti dell'impresa assicuratrice, risparmiandogli l'onere di dimostrare l'effettiva distribuzione della responsabilità tra i conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro.

La nuova normativa è stata oggetto di numerose critiche da parte della dottrina ed è stata oggetto di censure di legittimità costituzionale da parte dei giudici di merito, censure che peraltro non hanno trovato accoglimento da parte della Corte costituzionale intervenuta sul punto con Ordinanza n. 440 del 23 dicembre 2008. Tale ordinanza ha dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art. 141 del Codice delle Assicurazioni sollevata in riferimento agli artt. 3, 24 e 76 cost.. La Corte, nell'ordinanza in esame, ha chiarito che è ben possibile accedere ad una interpretazione costituzionalmente orientata della disposizione censurata, in base alla quale è possibile ritenere che detta norma si limiti in realtà "a rafforzare la posizione del trasportato, considerato soggetto debole, legittimandolo ad agire direttamente anche nei confronti della compagnia assicuratrice del veicolo, senza peraltro togliergli la possibilità di fare valere i diritti derivanti dal rapporto obbligatorio nato dalla responsabilità civile dell'autore del fatto dannoso".

4. Questa Corte ha già affermato che l'azione di cui all'art. 141 ha come fattispecie costitutiva una fattispecie complessa, che è data anzitutto dall'avere il trasportato a qualsiasi titolo (art. 122, comma 2, del d.lgs. 209/2005.) subito un danno per un illecito da circolazione in occasione del trasporto sul veicolo e, quindi, dall'essersi verificato tale illecito. In riferimento a tale illecito è la legge che all'art. 122, comma 2, del D.Lgs. prevede che l'assicurazione obbligatoria debba comprendere anche la copertura di tale danno e tale copertura sussiste quale che sia il titolo di responsabilità nel rapporto fra trasportato e proprietario o conducente del veicolo. Invero, questa previsione, se ad essa non si accompagnasse quella dell'art. 141, che lo abilita all'azione diretta, introducendo nella fattispecie costitutiva dell'azione esercitarle appunto tale espressa previsione normativa, non lo abiliterebbe ad esercitare la garanzia assicurativa, che potrebbe essere attivata soltanto dall'assicurato, come di norma nel caso di assicurazione per la responsabilità civile. Cass. Ordinanza n. 29276 del 12/12/2008.

5. È stato affermato, inoltre, che in tema di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea (sentenza 1 dicembre 2011, Churchill Insurance/Wilkinson), secondo il principio solidaristico "vulneratus ante omnia reficiendus", il proprietario trasportato ha diritto, nei confronti del suo assicuratore, al risarcimento del danno alla persona causato dalla circolazione non illegale del mezzo, essendo irrilevante ogni vicenda normativa interna e nullo ogni patto che condizioni la copertura del trasportato all'identità del conducente ("clausola di guida esclusiva"). Cass. Sentenza n. 19963 del 30/08/2013.

6. Alla luce di tali principi ha errato il giudice di appello nel rigettare la domanda sul rilievo che l'attrice non aveva fornito la prova delle modalità con cui si era svolto l'incidente al fine di individuare la responsabilità dei rispettivi conducenti e ed eventualmente di applicare la responsabilità la presunzione di corresponsabilità di cui all'articolo 2054, 2 comma cod.civ..

Tale accertamento è al di fuori della previsione dell'articolo 141 Codice delle Assicurazioni in quanto la responsabilità della compagnia assicuratrice del vettore prescinde "dall'accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro". In questo modo il Legislatore ha voluto introdurre una disposizione che sembra volta ad impedire la spendita di risorse processuali per l'effettuazione di tale tipo di accertamento (rinviando le questioni relative al regresso al rapporto tra le imprese assicurative coinvolte ai sensi degli artt. 141, quarto comma e 150 del Codice delle assicurazioni).

7. Nella specie le ricorrenti hanno provato di aver riportato danni a seguito del sinistro, non essendo contestato dalla società assicuratrice l'incidente, avendo essa addirittura risarcito il danno seppur in misura asseritamente insufficiente prima dell'inizio del giudizio di merito.

La sentenza impugnata va cassata con rinvio al Tribunale di Forlì in diversa composizione che si atterrà al seguente principio di diritto: in applicazione dell'articolo 141 del Codice delle Assicurazioni, il terzo trasportato per essere risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo sul quale era a bordo al momento del sinistro deve fornire la prova di aver subito un danno a seguito del sinistro, ma non delle modalità dell'incidente al fine di individuare la responsabilità dei rispettivi conducenti.

Il giudice di rinvio provvederà anche alle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa e rinvia al Tribunale di Forlì in diversa composizione che provvederà anche alle spese del giudizio di cassazione.

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 16477/2017. L'art. 141 CdA si applica anche se il veicolo antagonista è sconosciuto o scoperto di assicurazione.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che, sulla base sia del dato testuale che delle finalità della norma, che sono quelle di tutelare il terzo trasportato, in caso di scontro, per fargli avere nel modo più semplice e...

» Cass. 20654/2016 - Art. 141 d.lgs.209/2005: il trasportato deve provare non solo il danno, ma anche l'effettivo accadimento del sinistro ed il nesso di causalità tra incidente e danni da risarcire.

Il Tribunale, confermando la sentenza del Giudice di Pace, rigetta l'appello esprimendo un giudizio di inattendibilità del teste e ritenendo, conseguentemente, che l'incidente non sia stato provato. La Corte di Cassazione, nella sentenza in...

» Cass. 19986/2016. Coniuge comproprietario-trasportato del veicolo: ha diritto al risarcimento danni.

Alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea (sentenza 1 dicembre 2011, Churchill Insurance/Wilkinson), giusta il principio solidaristico vulneratus ante omnia reficiendus,  il proprietario trasportato ha diritto,...

» Corte Appello di L'Aquila. Art. 141 CdA: si applica anche senza coinvolgimento di altri veicoli

La Corte d'Appello di L'Aquila, con la sentenza che segue, ha ritenuto che,  ai fini della invocabilità della previsione ex art. 141 d.lgs. 209/2005 non sono previste preclusioni a seconda che il sinistro sia avvenuto o meno a seguito della...

» La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del D.Lgs. 209/2005

 La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del d.lgs.209/2005(avv. Maria Cuomo - Giudice di Pace di Nola)   

» Cass. 25345/2015. Scontro tra veicolo e motorino. Corresponsabilità dei conducenti. Trasportata illegittimamente sul motorino esente da responsabilità.

Se la presenza illegittima di due persone sul ciclomotore non ha avuto alcuna effi­cienza causale nella produzione del sinistro, allora nessuna responsabilità puó essere attribuita al trasportato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la...

» Cass. 7704/2015. Trasportato proprietario del veicolo: quale azione per ottenere il risarcimento integrale?

"Il diritto del trasportato all'integrale risarcimento del danno costituisce una pacifica acquisizione della giurisprudenza di questa Corte,  a condizione che questi non sia anche proprietario del mezzo. È necessario, però, che tale risarcimento...

» Tribunale di Siena. Trasportato: il conducente del veicolo non è litisconsorte necessario

Anche il Tribunale di Siena ha ritenuto che se il trasportato invoca l'art. 141 del D.Lgs.209/2005 deve convenire in giudizio unicamente la compagnia di assicurazione del veicolo del quale viaggava a bordo, non sussistendo, nella fattispecie, una...

» Cass. 5795/14. E' onere del danneggiante provare che il trasportato non indossava la cintura di sicurezza.

Il conducente del veicolo, in prossimità di una curva, perde il controllo della propria auto la quale, finita fuori dalla sede stradale, si ribalta in una scarpata. A seguito di tale caduta, il trasportato è sbalzato fuori dalla vettura,...

» Art. 141 CdA: inapplicabile se uno dei veicoli coinvolti nel sinistro non è assicurato (A. Esposito)

Gli attori hanno agito, in via principale, ai sensi dell'art. 141 del D. Lgs. 209/2005, nei confronti della S.p.A. UGF Assicurazioni, assuntrice del rischio derivante dalla circolazione del motociclo Honda a bordo del quale era trasportato il...

» Cass. 26239/2013. Trasporto illegittimo di passeggero su ciclomotore: esclusa la responsabilità del conducente se non vi è collegamento con l'evento dannoso.

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale l'inosservanza di una norma di circolazione stradale, pur comportando responsabilità sotto altro titolo per l'infrazione commessa, non è di per sè...

» Cass. 19963/2013. Il trasportato anche se proprietario del veicolo e contraente ha diritto al risarcimento

La vittima trasportata ha sempre e comunque diritto al risarcimento integrale del danno, quale che ne sia la veste e la qualità. Tale principio, che, nel caso sottoposto al vaglio della Corte Regolatrice, è stato dichiarato operante anche per il...

» Art. 141 CdA. Trasportato: legittimata passiva è la sola compagnia di assicurazione del vettore (A. Ventimiglia)

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace ha ritenuto che, in caso di lesioni subite dal terzo trasportato, legittimato passivo è unicamente l'istituto assicuratore del veicolo del vettore. Infatti, ha ritenuto il giudicante, in base all'art....

» Art. 141 del D. Lgs. 209/2005. Il terzo trasportato: applicabilità della norma e legittimazione passiva (Margherita e Francesco Annunziata)

 Art. 141 del D. Lgs. 209/2005. Il terzo trasportato: applicabilità della norma e legittimazione passiva (Margherita e Francesco Annunziata) 

» Tribunale di Nola. Art. 141 CdA: l'azione va proposta nei confronti del solo assicuratore del vettore (C.Costabile)

Il terzo trasportato può scegliere se citare in giudizio il solo responsabile del danno, se esercitare l'azione diretta ex art. 144 d.lg. n. 209 del 2005, coinvolgendo anche la compagnia assicuratrice di quest'ultimo, ovvero invocare l'art. 141...

» Trasportato. Mancanza di scontro con altro veicolo: inapplicabilità dell'art. 141 CdA (M. Cuomo).

Nel  caso conclusosi con la sentenza in esame (domanda proposta dal trasportato per le lesioni subite a seguito di sinistro senza coinvolgimento di altro veicolo) il Giudice di Pace ha ritenuto la inapplicabilità dell'art. 141 del D. Lgs. 209/2005...

» Sinistro causato dal solo vettore senza coinvolgimento di altro veicolo: inapplicabilità dell'art. 141 CdA (A.Ventimiglia)

Con la sentenza in esame, il Giudice di Pace ha ritenuto che, alla luce del costante riferimento alla necessaria compresenza di almeno due istituti assicuratori, l'art. 141 del D.Lgs. 209/2005 non è applicabile alle ipotesi di sinistro verificatosi...

» Quattro sul ciclomotore: responsabilità esclusiva del conducente veicolo antagonista e corresponsabilità genitori ex art. 1227 c.c.(M. Cuomo)

Il Giudice di Pace, in questa sentenza, ha ritenuto che il trasporto irregolare (4 persone sul ciclomotore: genitori e due minori), di per sè, non può escludere o limitare la responsabilità del conducente il veicolo antagonista se dalla...

» Cass. 25218/2011: Due sul ciclomotore: responsabilità dei genitori.

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha ritenuto che costituisce massima d'esperienza comune la circostanza che l'impianto frenante di un ciclomotore, progettato per una sola persona, abbia un'efficacia ben minore, quando il mezzo...

» Quattro sul ciclomotore: responsabilità esclusiva del conducente il veicolo antagonista (A.Fuscellaro)

Il Giudice di Pace, in questa sentenza, ha ritenuto che il trasporto irregolare (4 persone sul ciclomotore: genitori e due minori), di per sè, non può escludere o limitare la responsabilità del conducente il veicolo antagonista se dalla...

» Cass. 10526/2011: Tre su ciclomotore: concorso di colpa del trasportato.

Quando la circolazione di un ciclomotore con a bordo tre persone (di cui uno minore) è ricollegabile all’azione o omissione sia del conducente che del trasportato, emerge una fattispecie caratterizzata dal reciproco consenso dei medesimi alla...

» Azione ex art. 141 C.d.A. e modalità richiesta di risarcimento (A.Ferrara)

Il Giudice di Pace con la sentenza che segue ha dichiarato la improponibilità della domanda proposta ex art. 141 D. Lgs. 209/2005 in quanto l'attore, disattendendo il dettato della legge, ha provveduto all'invio della richiesta di risarcimento...

» La tutela del trasportato (Anna Esposito)

IL RISARCIMENTO DEL DANNO SUBITO DAL TERZO TRASPORTATO ( Avv. Anna Esposito - Giudice di Pace di Ottaviano)Il risarcimento del danno subito dal terzo trasportato è disciplinato dall’articolo 141 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre...

» Corte Cost. 205/2008 - Ordinanza - Trasportato

"I giudici rimettenti non hanno adempiuto l'obbligo di ricercare un'interpretazione costituzionalmente orientata delle norme impugnate, nel senso cioè che esse si limitino a rafforzare la posizione del trasportato, considerato soggetto debole,...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Dic 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Un brocardo al giorno...

Quod non est in actis non est in mundo.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png