AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 20066/2013.Veicolo non identificato: dichiarazioni rese dalla vittima in ospedale, mancata immediata indicazione dei testi e omessa denuncia

E-mail Stampa PDF

La Suprema Corte, con la sentenza in commento, torna sulla questione della mancanza di  efficacia probatoria della denuncia o omessa denuncia in caso di investimento ad opera di veicolo non identificato, affermando, inoltre, che non possono assumere piena efficacia probatoria, le iniziali e solo generiche affermazioni, rese dalla vittima, al momento dell'accesso in ospedale se non vi è certezza che la stessa, a seguito delle lesioni riportate, si tovasse nella condizione di poter esporre chiaramente quanto accaduto, considerato, peraltro, che la redazione del testo delle dichiarazioni dell'infortunato è opera di chi la dichiarazione riceve e non di chi la rilascia. E' il caso di chiarire, ha affermato la Corte, che non si intende con questo vincolare in alcun modo il giudice del merito a deposizioni testimoniali che ritenga inattendibili, nè precludergli di attribuire determinante rilievo anche alla omessa denuncia ed a quanto dichiarato dalla vittima subito dopo i fatti, o alla mancata immediata indicazione di testi che abbiano assistito all'evento ed a tutto quanto possa apparire sintomatico dell'inveridicità dell'assunto attoreo. Ma non è consentito fondare sostanzialmente la decisione sulla valenza astratta della omessa denuncia o querela, addirittura omettendo di escutere i testi indicati, quasi che la fattispecie sia aprioristicamente connotata da intenti fraudolenti (Cassazione civile, sez. III, sentenza del  02/09/2013 n. 20066)


LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni Battista - Presidente -

Dott. AMATUCCI Alfonso - rel. Consigliere -

Dott. GIACALONE Giovanni - Consigliere -

Dott. CARLUCCIO Giuseppa - Consigliere -

Dott. VINCENTI Enzo - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 29678-2007 proposto da:

A.G., elettivamente domiciliato in ROMA, <...>, presso lo studio dell'avvocato <...>, che lo rappresenta e difende unitamente agli avvocati <...>, <...>, giusta delega in atti; - ricorrente -

contro

GENERALI ASSICURAZIONI S.P.A. <...>, in persona dei legali rappresentanti Ing. B.L. e Sig. R.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA <...> 15, presso lo studio dell'avvocato <...>, rappresentata e difesa dall'avvocato <...>, giusta delega in atti; - controricorrente -

avverso la sentenza n. 24/2007 della CORTE D'APPELLO di SALERNO, depositata il 12/01/2007 R.G.N. 456/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 02/07/2013 dal Consigliere Dott. ALFONSO AMATUCCI;

udito l'Avvocato <...>;

udito l'Avvocato <...> per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. BASILE Tommaso che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1.- Nel dicembre del 2000 il quarantasettenne A.G. agì giudizialmente nei confronti della Generali Assicurazioni s.p.a. - quale impresa designata per la liquidazione dei danni da risarcirsi dal Fondo di garanzia per le vittime della strada - per il risarcimento dei danni conseguiti all'investimento subito da tergo il (OMISSIS), mentre percorreva in bicicletta la via <...>, da parte di vettura non identificata, in quanto allontanatasi senza fermarsi.

La società convenuta resistette, contestando l'accadimento del fatto, evidenziando che l'attore non aveva denunciato il sinistro all'autorità nè sporto querela contro ignoti, prospettandone in via subordinata l'esclusiva responsabilità o quantomeno il concorso causale colposo.

Con sentenza n. 225 del 2003 il tribunale di Nocera Inferiore rigettò la domanda e condannò l'attore alle spese.

2.- La corte d'appello di Salerno ha respinto il gravame degli attori con sentenza n. 24 del 2007, condannandolo alle spese del grado.

3.- Avverso la sentenza ricorre per cassazione l' A. affidandosi a tre motivi illustrati anche da memoria, cui resiste con controricorso la s.p.a. Generali Assicurazioni.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- La Corte d'appello, alle pagine 6 e 7 della sentenza, ha ritenuto:

- che l'onere della prova a carico di chi assuma di essere stato danneggiato da veicolo non identificato concerne sia il punto relativo alla responsabilità del conducente del veicolo non identificato sia che questo sia rimasto effettivamente sconosciuto e che "a questo ultimo fine è sufficiente dimostrare che, dopo la denuncia alle competenti autorità di polizia, le indagini compiute da queste o disposte dall'autorità giudiziaria per l'identificazione del veicolo o natante investitore abbiano avuto esito negativo, senza che possa addebitarsi al danneggiato l'onere di ulteriori indagini articolate e complesse";

b- che "nella specie concreta è da escludersi che l'appellante abbia dato ottemperanza al riferito principio di diritto enunciato (e ormai consolidato) della S.C., con conseguente superfluità di sentire il teste R.C.";

c- che "peraltro, avalla il decisum di questa Corte anche il fatto che l' A. (v. causale del referto in data (OMISSIS)), nelle immediatezze del fatto, non fece alcuna menzione dell'investimento lamentato poi in citazione introduttiva, ma si limitò ad indicare un generico "incidente stradale avvenuto in <...>".

2.- Il ricorrente se ne duole deducendo:

a) col primo motivo, violazione e falsa applicazione della L. n. 990 del 1969, art. 19, lett. a), per avere la Corte d'appello attribuito determinante rilievo alla circostanza che non era stata presentata denuncia all'autorità, discostandosi dal principio espresso da Cass., n. 18532/2007;

b) col secondo, violazione e falsa applicazione degli artt. 2054 e 3697 c.c. e art. 115 c.p.c., per non essere stata considerata la deposizione già assunta, per essere stata ritenuta superflua quella di R.C. e per essere stato assegnato rilievo negativo alla omessa menzione dell'investimento subito da parte della vittima nelle immediatezze del fatto (ma, più precisamente, al momento del suo ingresso ospedale), descritto come "incidente stradale avvenuto in <...>";

c) col terzo, insufficienza e contraddittorietà della motivazione, per avere la Corte di merito del tutto prescisso da quanto dichiarato dal teste E.A. (con deposizione di cui è riprodotto il contenuto in ricorso) e presupposto una puntualità e completezza espressiva da parte dell'infortunato incompatibili con la condizione psico-fisica del momento.

3.- Le censure che possono congiuntamente esaminarsi per la connessione che le connota, sono fondate.

La citata Cass., n. 18532 del 2007 (ma cfr. anche Cass., 4480/2011), relativa ad un caso deciso, in primo e secondo grado, dagli stessi uffici giudiziari di merito, in esito alla disamina della tematica che è superfluo ripercorrere, ha enunciato il principio secondo il quale "l'omessa denuncia all'autorità non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; così come l'intervenuta denuncia o querela contro ignoti non vale, in se stessa, a dimostrare che tanto sia senz'altro accaduto. Entrambe le evenienze vanno invece apprezzate in relazione alle caratteristiche delle singole fattispecie, non suscettibili di tipizzazioni astratte, e considerate potenzialmente idonee a suffragare l'una o l'altra conclusione del giudice di merito nell'ambito della ragionevole valutazione complessiva delle risultanze processuali demandata al suo prudente apprezzamento, del quale è tenuto a dare conto nella motivazione della sentenza. A nessuna delle due (denuncia/omessa denuncia) è peraltro consentito assegnare, salva la possibile valenza sintomatica dell'una o dell'altra in relazione alle caratteristiche del caso concreto, una sorta di efficacia probatoria automatica, nel senso che il sinistro sia senz'altro riconducibile alla fattispecie astratta di cui alla L. 24 dicembre 1969, n. 990, art. 19, comma 1, lett. a), se denuncia vi sia stata, ovvero che certamente non lo sia se la denuncia sia mancata".

La Corte d'appello se n'è discostata, pur non espressamente affermando che, in difetto di denuncia, il fatto va escluso. Non s'è fatta carico, infatti, della deposizione del teste E. (che aveva confermato la versione dei fatti esposta dall'attore) ed ha detto superflua l'assunzione della testimonianza della R. dopo la prima delle affermazioni riportate sopra (sub 1), sicchè è assolutamente evidente che la conclusione negativa in ordine alla prova dell'accadimento del fatto per colpa di un terzo è stata correlata alla omessa denuncia all'autorità.

Nè può considerarsi assorbente la valenza assegnata dalla Corte territoriale alle iniziali e solo generiche affermazioni della vittima, non essendovi in motivazione alcun cenno al suo stato al momento dell'accesso in ospedale in relazione alle lesioni riportate ed alla possibile conseguente esclusione di una situazione che potesse precludergli di esporre chiaramente che cosa gli fosse accaduto e perchè; nonchè alla notoria circostanza che la redazione del testo delle dichiarazioni dell'infortunato è opera di chi la dichiarazione riceve e non di chi la rilascia.

E' il caso di chiarire che non si intende con questo vincolare in alcun modo il giudice del merito a deposizioni testimoniali che ritenga inattendibili, nè precludergli di attribuire determinante rilievo anche alla omessa denuncia ed a quanto dichiarato dalla vittima subito dopo i fatti, o alla mancata immediata indicazione di testi che abbiano assistito all'evento ed a tutto quanto possa apparire sintomatico dell'inveridicità dell'assunto attoreo. Ma non è consentito fondare sostanzialmente la decisione sulla valenza astratta della omessa denuncia o querela, addirittura omettendo di escutere i testi indicati, quasi che la fattispecie sia aprioristicamente connotata da intenti fraudolenti.

2.- La sentenza è cassata.

Il giudice del rinvio, che si designa nella stessa Corte d'appello in diversa composizione, rivaluterà il merito nel rispetto dell'enunciato principio di diritto e regolerà anche le spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione accoglie il ricorso, cassa e rinvia, anche per le spese, alla corte d'appello di Salerno.

Così deciso in Roma, il 2 luglio 2013.

Depositato in Cancelleria il 2 settembre 2013

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 10588/2018 Contrassegno falso o mancanza di copertura: risarcisce sempre il FGVS?

In tema di assicurazione della responsabilità civile per la circolazione di veicoli, nell’ipotesi in cui non sussista una valida o efficace polizza RCA e tuttavia l’affidamento sulla sua sussistenza sia stato ingenerato dal rilascio di un...

» Cass. 10545/2018. Veicolo non identificato. Indicazione dei testimoni nella denuncia-querela: irrilevanza

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale in tema di sinistri stradali causati da veicoli non identificati, la presentazione di una denuncia o di una querela contro ignoti non è condizione di...

» Cass. 274/2015. Il pirata non si allontana subito dal luogo del sinistro. Nelle cause contro il FGVS la prova deve essere valutata con maggior rigore rispetto ai casi ordinari? Risponde la Corte di Cassazione.

Viene esaminato, dalla Corte di Cassazione, il caso del pirata della strada che non si allontana subito dal luogo del sinistro.  In ordine alla deposizione del teste, la Corte di Appello  afferma che essa andrebbe valutata con "attento ...

» Cass.5892/2016. FGVS: la mancata indicazione dei testi nella denuncia querela non è di per sè motivo di rigetto della domanda.

La Corte di Cassazione, nella sentenza in esame, dopo aver riaffermato il principio secondo il quale, nel caso di azione proposta contro l'impresa designata alla gestione dei sinistri posti a carico del FGVS e diretta ad ottenere il risarcimento dei...

» Cass. 3019/2016. Veicolo pirata: la mancanza di querela non esclude il risarcimento.

L'accertamento che deve compiere il giudice non deve concernere il profilo della diligenza della vittima nel consentire l'individuazione del responsabile, ma esclusivamente la circostanza che il sinistro sia stato effettivamente provocato da un...

» Marocchino residente in Italia, investito in Spagna, da autocarro Irlandese non identificato:paga la Consap (A. Ventimiglia)

L'attore, un marocchino residente in Italia, ha convenuto in giudizio, ai sensi degli artt. 296 e segg. del D.Lgs.209/2005, la Consap - Gestione del FGVS, quale Organismo di Indennizzo Italiano - al fine di ottenere il risarcimento dei danni per le...

» Cass. 18308/2015. Se il danneggiato, per negligenza, non annota la targa del veicolo danneggiante, non può richiedere il risarcimento al FGVS.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione, ha ribadito il principio secondo il quale il presupposto che giustifica l'intervento dell'impresa designata dal F.G.V.S. è che i danni alle persone siano stati causati da veicolo rimasto non...

» Cass. 23432/2014. FGVS: il danneggiato non ha alcun onere di diligenza nella identificazione del veicolo.

La Corte di Cassazione dopo aver ribadito che "la vittima di un sinistro stradale causato da un veicolo non identificato non ha alcun obbligo, per ottenere il risarcimento da parte dell'impresa designata per conto del Fondo di Garanzia Vittime...

» Tribunale di Nola. Veicolo pirata. Mancata indicazione dei testi nella denuncia: irrilevanza.

Con la sentenza che segue il Tribunale ha ritenuto che non può attribuirsi alcuna rilevanza alla circostanza che, nella denuncia, non sono stati indicati  i nominativi dei soggetti presenti al momento del fatto, in quanto il teste escusso - come...

» Cass. 12060/2014. Azione contro il FGVS: la mancata identificazione del veicolo deve dipendere da impossibilità incolpevole del danneggiato.

In tema di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli o dei natanti, incombe sul danneggiato, che promuova richiesta di risarcimento dei danni nei confronti del Fondo di Garanzia, l’onere di...

» Cass. 17093/2014 - Efficacia riflessa del giudicato nei confronti del FGVS: casi di inammissibilità

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione, dopo aver premesso che è pacifico il principio dell'efficacia riflessa -nei confronti dell'assicuratore- del giudicato di condanna intervenuto nella controversia promossa dal danneggiato nei...

» FGVS. Scopertura assicurativa. Attestazione Ania (M. Cuomo)

Il conducente di veicolo coinvolto in un sinistro stradale, dopo che il proprietario ha ottenuto il risarcimento per i danni a cose ex art. 149 CdA, agisce, ex art. 283 e segg., per ottenere il risarcimento delle lesioni riportate, nei confronti...

» Corte Costituzionale 180/2014. Art. 287 CdA e lettera alla Consap.

L'art. 287 CdA prevede che l'azione contro l'impresa designata (nei casi previsti dall'art. 283) può essere proposta solo dopo che siano decorsi sessanta giorni (o sei mesi nel caso di L.C.A.) da quello in cui il danneggiato abbia richiesto il...

» F.G.V.S. Errata vocatio in ius dell'impresa designata (M.Cuomo)

Nel giudizio promosso contro la società  Progress  S.p.A. in L.C.A. e diretto ad ottenere il risarcimento dei danni subiti in conseguenza di incidente stradale, l'attore ha citato la soc. Generali in proprio anzichè  nella qualità di impresa...

» FGVS. Il danneggiato ha l'onere di fare tutto il possibile per individuare il responsabile del sinistro (M.Marchese)

Nella sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che, in caso di incidente causato da veicolo pirata, la presentazione della denunzia querela non assurge a condizione dell'azione o a presupposto del diritto ma a modalità di assolvimento ...

» Corte Costituzionale 157/2013. Azione contro l'Impresa Designata: proponibilità della domanda

Danni da sinistro stradale. Giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale. Art. 287, comma 1, del Decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle Assicurazioni Private).  Azione giudiziale nei confronti dell'impresa...

» Cass. 4784/2013. FGVS. Denunzia o omessa denunzia: non hanno efficacia probatoria

L'omessa od incompleta denuncia all'autorità, non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; così come l'intervenuta denuncia o querela contro ignoti non vale, di per se stessa,...

» FGVS. Mancanza di querela e/o decreto archiviazione: irrilevanza (M.Cuomo)

Conformemente a quanto, costantemente, sostenuto dalla Corte di Cassazione, con la sentenza in esame il Giudice di Pace ha ribadito che da un lato l’onere di denuncia all’autorità giudiziaria non può essere considerata condizione per...

» FGVS - Art. 283 lett.b) CdA: prova della scopertura assicurativa (M. Marchese)

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. Azione ex art. 283 lett.b)  D. Lgs. 209/2005. Necessità di provare, anche a mezzo testimoni, che il veicolo del responsabile civile, coinvolto nel sinistro, non risulta coperto di assicurazione....

» Tentativo di scippo - Risarcimento danni FGVS : inammissibilità (F.Bravaccio) .

Nella caso in esame - azione contro il FGVS diretta ad ottenere il risarcimento danni per le lesioni subite a seguito di scippo - il Giudice di Pace ha ritenuto che, in linea di principio, il danno cagionato in sede di responsabilità per la r.c....

» Cass. 14681/2012. Furto auto scoperta di assicurazione. Azione di regresso contro il proprietario: inammissibilità.

L'impresa designata dal "fondo di garanzia per le vittime della strada" assume la stessa posizione giuridica, del comune assicuratore; conseguentemente, se la circolazione è avvenuta in situazione da escludere la responsabilità del...

» Impresa Designata e Consap: legittimazione passiva e vocatio in ius (M.Cuomo)

Risarcimento danni ex art. 283 CdA lett.b). Presunta erronea vocatio in ius della GENERALI Ass.ni Impresa designata per la Campania ("andava evocata quale Impresa designata per la gestione dei sinistri in nome della CONSAP spa che gestisce...

» Cass. 9939/2012. FGVS: denuncia mancante o incompleta: irrilevanza.

Ritenere che la mancanza di una denunzia completa di tutti i suoi elementi (come nella fattispecie quanto all'indicazione dei testi) comporti di per sé il rigetto della domanda significa introdurre una vera e propria condizione per...

» Cass. 7270/2012. FGVS: la omessa denuncia all'autorità non esclude il danno.

L’omessa denuncia all’autorità non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; così come l’intervenuta denuncia o querela contro ignoti non vale, in se stessa, a dimostrare che...

» FGVS - Danni a cose: inapplicabilità art. 283 lett. a) D.Lgs. 209/2005 (A.Esposito)

La mancata indicazione del paese di immatricolazione del veicolo estero, presunto danneggiante, equivale alla mancata identificazione del veicolo. Richiesta risarcimento di danni a cose: inapplicabilità dell'art. 283 lettera a) del D. Lgs....

» Cass. 4360/2012: Azione contro il FGVS: la querela non è condizione di procedibilità.

La Corte di Cassazione, con la ordinanza che segue ha ribadito il principio già enunciato con la e, successivamente, con la sentenza 4480/11, secondo il quale la preventiva denuncia alle autorità inquirenti non costituisce una condizione di...

» Circolazione prohibente domino: risarcimento danni del FGVS (A. Esposito)

Alla luce della nuova normativa, sino al momento della presentazione della denuncia e per il giorno in cui la stessa viene presentata, è operante la copertura assicurativa stipulata per il veicolo, così come nel caso in cui il proprietario non...

» Auto immatricolata all'estero, scoperta di assicurazione e risultata rubata: legittimazione della impresa designata (A. Fuscellaro)

Sinistro causato da auto immatricolata all'estero, in Stato che non rientra nella Cee o negli altri Stati equiparati, scoperta di assicurazione e risultata, in corso di giudizio rubata. Legittimazione passiva della (sola) società Generali nella...

» Cass. n° 18532/07 F.G.V.S. – La omessa denuncia all'autorità è irrilevante.

L'omessa denuncia all'autorità non è idonea, in sè, ad escludere che il danno sia stato effettivamente causato da veicolo non identificato; cosi' come l'intervenuta denuncia o querela contro ignoti non è , in se stessa, idonea a dimostrare che...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Ago 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Un brocardo al giorno...

Erroris probatio.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png