AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Cass. 11946/2013 - Insidia stradale: nesso di causalità

E-mail Stampa PDF

L'insidia stradale non è un concetto giuridico, ma un mero stato di fatto che, per la sua oggettiva invisibilità e per la sua conseguente imprevedibilità, integra una situazione di pericolo occulto. Tale situazione, pur assumendo grande importanza probatoria in quanto può essere considerata dal giudice idonea a integrare una presunzione di sussistenza del nesso eziologico con il sinistro e della colpa del soggetto tenuto a vigilare sulla sicurezza del luogo, non esime il giudice dall'accertare in concreto la sussistenza di tutti gli elementi previsti dall'art. 2043 c.c.. Pertanto, la concreta possibilità per l'utente danneggiato di percepire o prevedere con l'ordinaria diligenza l'anomalia, vale  ad escludere la configurabilità dell'insidia e della conseguente responsabilità della P.A. per difetto di manutenzione della strada pubblica. Sulla base di tale principio la Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha ritenuto che il danno subito dal ciclista (ruota incastrata in una grata) - tenuto conto che l'incidente si è verificato nel mese di agosto, di mattina e quindi in condizioni di luce molto favorevoli -  sia imputabile al comportamento colposo dello stesso che, con l'ordinaria diligenza, avrebbe potuto evitare l'incidente o quantomeno rendere meno dannoso l'impatto (Cass. III sez. Civile, sentenza 16.05.2013, n.11946).


LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. UCCELLA Fulvio - Presidente -

Dott. D'ALESSANDRO Paolo - Consigliere -

Dott. GIACALONE Giovanni - Consigliere -

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - Consigliere -

Dott. D'AMICO Paolo - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 17857/2007 proposto da:

D.F., elettivamente domiciliato in ROMA, <...>, presso lo studio dell'avvocato <...>, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti; - ricorrente -

contro

COMUNE GENAZZANO, in persona del Sig. Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, <...>, presso lo studio dell'avvocato <...>, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti; - controricorrente -

avverso la sentenza n. 3453/2006 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 24/07/2006 R.G.N. 10899/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 28/02/2013 dal Consigliere Dott. PAOLO D'AMICO;

udito l'Avvocato <...>;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per l'accoglimento del

ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

D.F. convenne in giudizio dinanzi al Tribunale di Roma il Comune di Genazzano per sentirlo condannare al risarcimento, in suo favore, dei danni conseguenti a un incidente verificatosi il 6 agosto 1994.

Esponeva l'attore che l'evento dannoso era stato provocato dall'incastrarsi della ruota anteriore della sua bicicletta nelle fessure di una grata presente sulla strada e che in conseguenza di ciò egli era caduto a terra riportando lesioni personali.

Secondo parte ricorrente il sinistro era quindi imputabile a fatto e colpa del Comune.

Con sentenza del 3 febbraio 2002 il Tribunale condannò l'ente territoriale a risarcire al D. tutti i danni subiti nell'incidente che riteneva addebitabile all'insidia costituita dall'assenza di alcune sbarre nella grata, avendo il Comune lasciato in essere una situazione di pericolo per gli utenti del bene pubblico.

Proponeva appello il Comune chiedendo il rigetto della doglianza.

La Corte d'Appello, in riforma dell'appellata sentenza rigettava la domanda risarcitoria proposta dal D..

Propone ricorso per cassazione D.F. con due motivi.

Resiste con controricorso il Comune di Genazzano.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo parte ricorrente denuncia "Violazione e falsa applicazione (ex art. 360 c.p.c., n. 3) degli artt. 115 e 116 c.p.c., art. 2697 c.c., e conseguente vizio per contraddittorietà nella motivazione (ex art. 360 c.p.c., n. 5)".

Sostiene D.F. che la Corte d'Appello è incorsa in un macroscopico errore in quanto ha escluso la visibilità del pericolo in base ad una mera congettura (assunta come nozione di fatto di comune esperienza), senza considerare che dalle prove testimoniali e, soprattutto, dalle prove documentali emerge chiaramente la non visibilità della grata a causa anche della presenza di terriccio che copriva le sbarre mancanti.

La Corte comunque non avrebbe potuto fondare la sua decisione su asseriti fatti di comune esperienza quando dalle risultanze delle prove orali e documentali emergevano elementi contrastanti su tali fatti.

Secondo il ricorrente, in particolare, non può costituire fatto di comune esperienza la circostanza che di giorno vi sia più visibilità che di notte, potendo ben verificarsi casi in cui la visibilità è esclusa anche di giorno in zone particolarmente ombrose, come nel caso in esame, mentre la visibilità sussiste di notte in zone ben illuminate.

Ne deriva che il Giudice è tenuto a valutare tale elemento in base alle circostanze concrete emerse dall'istruttoria e non in base a mere congetture tratte da fatti notori.

Il motivo è anzitutto inammissibile in quanto non riproduce il contenuto delle prove testimoniali, nè le prove documentali, nè indica dove le stesse si trovino.

In tema di ricorso per cassazione, infatti, ai fini del rituale adempimento dell'onere imposto al ricorrente dall'art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, di indicare specificamente nel ricorso anche gli atti processuali su cui si fonda e di trascriverli nella loro completezza con riferimento alle parti oggetto di doglianza, è necessario che, in ossequio al principio di autosufficienza di detto atto processuale, si provveda anche alla loro individuazione con riferimento alla sequenza dello svolgimento del processo inerente alla documentazione, come pervenuta presso la Corte di cassazione, al fine di renderne possibile l'esame (Cass., 16 marzo 2012, n. 4220).

Il motivo è comunque infondato perchè un fatto può essere qualificato come notorio qualora, seppure non faccia parte delle cognizioni dell'intera collettività, rientri - come i particolari geografici o topografici di una città - nelle circostanze conosciute e comunemente note nel luogo in cui abitano il giudice e le parti in causa. L'addotta inveridicità di tale fatto non è denunciabile con ricorso per cassazione ma, ricorrendone gli estremi, solo in sede di revocazione (Cass., 21 dicembre 2001, n. 16165).

L'illustrazione del motivo da parte del ricorrente non attinge poi alla motivazione del giudice d'appello che ha ritenuto del tutto apodittica la sentenza di primo grado, limitandosi alla mera affermazione che la mancanza di alcune sbarre della grata stradale non era visibile.

Tale errore circa la visibilità o non visibilità infatti poteva essere fatto valere solo in sede di revocazione.

Con il secondo motivo si denuncia "Violazione e falsa applicazione (ex art. 360 c.p.c., n. 3) dell'art. 2043 c.c., e art. 14 C.d.S., e conseguente vizio per contraddittorietà della motivazione (ex art. 360 c.p.c., n. 5)".

Il ricorrente conclude con il seguente quesito di diritto: "Se, in base allo schema generale della responsabilità aquiliana ex art. 2043 c.c., sia comunque consentito escludere la responsabilità extracontrattuale della pubblica amministrazione nonostante la prova del danno, del nesso causale e della colpa, in forza di esimenti non codificate e non contemplate da alcuna norma".

Sostiene parte ricorrente che la più recente giurisprudenza di questa Corte ha evidenziato come in materia di strade la res appartiene alla p.a. che è gravata da obblighi di manutenzione e controllo.

Il motivo deve essere rigettato.

L'insidia stradale non è un concetto giuridico, ma un mero stato di fatto che, per la sua oggettiva invisibilità e per la sua conseguente imprevedibilità, integra una situazione di pericolo occulto. Tale situazione, pur assumendo grande importanza probatoria in quanto può essere considerata dal giudice idonea a integrare una presunzione di sussistenza del nesso eziologico con il sinistro e della colpa del soggetto tenuto a vigilare sulla sicurezza del luogo, non esime il giudice dall'accertare in concreto la sussistenza di tutti gli elementi previsti dall'art. 2043 c.c..

Pertanto, la concreta possibilità per l'utente danneggiato di percepire o prevedere con l'ordinaria diligenza l'anomalia, vale altresì ad escludere la configurabilità dell'insidia e della conseguente responsabilità della P.A. per difetto di manutenzione della strada pubblica (Cass., 13 luglio 2011, n. 15375).

Nella specie il ricorrente non ha fornito la prova della non visibilità della grata, tenuto conto che l'incidente si è verificato nel mese di agosto, di mattina e quindi in condizioni di luce molto favorevoli che consentivano di vedere la grata stessa anche se quest'ultima fosse stata posta in una zona ombrosa.

La suddetta circostanza induce quindi a ritenere che il danno non sia eziologicamente riconducibile alla grata, ma al comportamento colposo dell'attuale ricorrente che, con l'ordinaria diligenza, avrebbe potuto evitarla o quantomeno rendere meno dannoso l'impatto.

Tanto in ipotesi di responsabilità oggettiva della P.A. ex art. 2051 c.c., quanto in ipotesi di responsabilità della stessa ex art. 2043 c.c., il comportamento colposo del soggetto danneggiato nel servirsi della strada (che sussiste anche quando egli abbia usato il bene senza la normale diligenza o con affidamento soggettivo anomalo) esclude la responsabilità della P.A., se tale comportamento è idoneo ad interrompere, come nel caso di specie, il nesso eziologico tra la causa del danno e il danno stesso (Cass., 6 luglio 2006, n. 15383).

In conclusione, quanto più la situazione di possibile pericolo è suscettibile di essere prevista e superata attraverso l'adozione delle normali cautele da parte dello stesso danneggiato, tanto più incidente deve considerarsi l'efficienza causale del comportamento imprudente del medesimo nel dinamismo causale del danno, fino a rendere possibile che detto comportamento interrompa il nesso eziologico tra fatto ed evento dannoso.

Il ricorso deve essere pertanto rigettato mentre, per l'alterno esito delle fasi del giudizio, si compensano le spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa le spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 28 febbraio 2013.

Depositato in Cancelleria il 16 maggio 2013

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 14706/2016. Insidia stradale: è sufficiente la testimonianza di unico teste, familiare dell'attore?

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione, ha ribadito il principio secondo il quale non sussiste, con riguardo alle deposizioni rese dai parenti o dal coniuge di una delle parti, alcun principio di necessaria inattendibilità connessa al...

» Cass. 15761/2016. Il fatto che la strada sia sconnessa con altre buche e rappezzi non costituisce un'esimente per l'ente pubblico.

Nel caso in esame, la Corte territoriale aveva confermato la sentenza di rigetto del Tribunale ritenendo che l’appellante avesse la possibilità di verificare lo stato dei luoghi, essendo le sconnessioni della strada ben evidenti, come...

» Cass.10893/2016. Auto investe carcassa di pneumatico: caso fortuito?

Il Tribunale aveva confermato l'assenza di responsabilità del custode, asserendo che il giudice di prime cure, "sulla base di considerazioni ed argomentazioni del tutto logiche", aveva ritenuto che l'ostacolo fosse stato perduto sulla ...

» Cass. 24342/2015. La responsabilità del custode è esclusa se il danno è causato da terzi o dallo stesso danneggiato.

È principio giurisprudenziale ormai consolidato quello per cui la responsabilità del custode, ai sensi dell'art. 2051 c.c., sia esclusa dall'accertamento positivo che il danno è stato causato dal fatto del terzo o dello stesso danneggiato, il...

» Cass. 21940/2015. Scendendo dall'auto, fuori casa, cade in una buca: nessun risarcimento

Scendendo dall'auto una donna cade a causa di una buca situata sul manto stradale, coperta d'acqua e scarsamente visibile, data l'ora notturna. Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha ritenuto che l'evento lesivo fosse imputabile...

» Insidia stradale. Danno evitabile con la normale diligenza: colpa concorrente del danneggiato (M. Marchese)

Nella sentenza in commento il Giudice di Pace ha ritenuto che in tema di lesioni a seguito di incidente stradale affinché le condizioni della strada assumano un’esclusiva efficienza causale dell'evento, necessario che le sue anomalie assumano i...

» Cass. 13930/2015. Insidia stradale. Nessun risarcimento per la caduta in una buca sulla strada di casa

Il caso fortuito può essere integrato anche dalla colpa del danneggiato, poiché la pericolosità della cosa - nella specie, il dissesto stradale - specie se nota o comunque facilmente rilevabile dal soggetto che entra in contatto con la stessa,...

» Insidia stradale. Turbativa procurata da altro veicolo: nessun risarcimento (M.Cuomo)

Un veicolo non identificato, nell'effettuare una manovra di sorpasso, invade la opposta corsia di marcia costringendo l 'attore, a bordo della moto, ad una manovra di emergenza per spostarsi ulteriormente sulla destra dove, a causa di liquido e...

» Insidia stradale. Uso improprio della cosa: nessun risarcimento (M. Cuomo)

Cerca di attraversare la pensilina transitando dal lato non destinato al passaggio di pedoni ed inciampa. Con la sentenza in commento il Giudice di Pace ha ritenuto che l'uso improprio della cosa esclude il risarcimento dei danni. Invero, ha...

» Cass. 6095/2015. Sassi dal cavalcavia: nessun risarcimento

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che il lancio di sassi da un cavalcavia integra il caso fortuito ed ha escluso il risarcimento dei danni richiesti da un automobilista. Invero, ha ritenuto la Corte,  il rapporto di ...

» Ferro sporgente. Nessun risarcimento se l'evento è evitabile con l'ordinaria diligenza (R. Iorio).

I genitori agiscono in giudizio al fine di ottenere il risarcimento dei danni per le lesioni subite dalla figlia minore urtata contro un pezzo di metallo sporgente, posto sul piantone del cancello di ingresso di un impianto sportivo del Comune. Con...

» Cass.4661/2015. Strada allagata. Nessun risarcimento se il danneggiato era al corrente dell'esistenza delle buche.

In ordine alle insidie stradali, con la ordinanza che segue la Corte ha confermato due aspetti di fondamentale importanza: da un lato il concetto di prevedibilità dell'evento dannoso e dall'altro quello del dovere di cautela da parte del soggetto...

» Cass.4663/2015. Insidia stradale: nessun risarcimento se il danneggiato conosceva i luoghi e l'esistenza delle buche.

Con l'ordinanza che di seguito si riporta la Corte di Cassazione ha confermato che, in tema di insidia stradale, nessun risarcimento spetta al danneggiato per i danni conseguenti alla caduta in una buca se il fatto, riconducibile alla disattenzione...

» Cass. 22528/2014. Art.2051 c.c.: la responsabilità della P.A. è esclusa solo dal caso fortuito

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione, dopo aver richiamato la Corte di Appello per l'erroneo riferimento ad una giurisprudenza ormai superata (basata sui caratteri dell'insidia e trabocchetto), ha riaffermato che, con una lettura...

» Cass. 18813/2014 - Lesione conseguente alla caduta dalla moto: è un bene mobile?

In una causa   promossa contro il Comune al fine di ottenere il risarcimento danni per le lesioni riportate a seguito di caduta dalla moto scivolata su una macchia d'olio, il giudice di Pace dichiarava la propria incompetenza per valore in favore...

» Cass. 13364/2014 - Incidente stradale a causa di segnaletica inidonea

L'attività diretta all'ordinaria "apposizione e manutenzione della segnaletica stradale"  non è soggetta a imprevisti di sorta e  deve essere realizzata secondo criteri di completezza e adeguatezza per ogni tipo di strada (a prescindere dal...

» Cass. 11657/2014. Caduta di bimbo dallo scivolo. Responsabilità del Comune o dei genitori?

Gli attori citavano il Comune di Carini affinchè fosse condannato al risarcimento dei danni conseguenti alla caduta del figlio minore, di circa tre anni e mezzo,  mentre si trovava sullo scivolo sito all'interno del parco comunale. Mentre il...

» Cass. 3898/2014. Cose in custodia: nessun risarcimento se il danneggiato è distratto.

Il Giudice di Pace accolse la domanda di risarcimento proposta dall'attore nei confronti del Comune per le lesioni personali subiti a seguito di una caduta nel cimitero comunale. Il Tribunale, accogliendo l'appello incidentale tempestivo del Comune...

» Cass. 3793/2014 - Buca piena d'acqua: l'ente proprietario è responsabile ai sensi dell'art. 2051 e non del 2043 Cod. Civ.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione,  con riferimento alla responsabilità della P.A. sui beni di sua proprietà, ivi comprese le strade, ha ribadito che l'ente proprietario di una strada aperta al pubblico transito si presume...

» Cass. 999/2014: Tombino sconnesso su strada dissestata: nessun risarcimento

L'attrice transita su di una strada dissestata - tanto che i pedoni procedono in fila indiana - e cade su un tombino sconnesso. La Corte di Cassazione con la sentenza che segue ha ritenuto che a carico della stessa grava un onere massimo di ...

» Caduta di alunno nel cortile della scuola: responsabilità ex art. 2051 o 2048 Cod. Civ.? (A. Fuscellaro)

Il Giudice di Pace nella sentenza che segue, dopo aver estromesso dal giudizio l'istituto scolastico del quale "non sussiste alcuna legittimazione passiva", ha ritenuto che la caduta di alunno avvenuta nel cortile dell'edificio scolastico a causa...

» Caduta di pedone in pieno giorno: il pericolo è evitabile con la normale diligenza (M.Marchese)

In tema di lesioni a seguito di incidente stradale affinché le condizioni della strada assumano un'esclusiva efficienza causale dell'evento, è necessario che le sue anomalie assumano i caratteri dell'insidia e del trabocchetto, di guisa che per la...

» Cass. 22755/2013. Danni prodotti da incendio ai bordi della strada: responsabilità dell'ANAS

L'ente proprietario di una strada ha l'obbligo di provvedere alla relativa manutenzione non solo allo scopo di garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione stradale ma anche allo scopo di prevenire e, se del caso, segnalare ogni...

» Cass. 22684/2013.Caduta nel tombino: e se il pedone è distratto?

L'attore che agisce per il riconoscimento del danno ha l'onere di provare l'esistenza del rapporto eziologico tra la cosa e l'evento lesivo, mentre il custode convenuto, per liberarsi dalla sua responsabilità, deve provare l'esistenza di un...

» Cass. 19905/2013. Brecciolino sulla strada: responsabilità della società esecutrice dei lavori ex art. 2051 c.c.

Brecciolino sulla carreggiata non segnalato e caduta di un uomo a bordo di motociclo: applicabilità dell'art. 2051. "Pertanto, non correttamente il giudice di appello ha applicato i concetti di insidia (o trabocchetto) elaborati in precedenza,...

» Pezzo di metallo schizzato da autocarro.Responsabilità autostrada: esclusione (M. Marchese)

L'attore, in questo giudizio,  ha citato la società Autostrade per l'Italia S.p.A. al fine di essere risarcito dei danni subiti dal proprio autoveicolo colpito,  alla parte anteriore, da un pezzo di metallo sbalzato dalle ruote di un autocarro...

» Cass. 13514/2013. Cose in custodia: il caso fortuito va provato dal convenuto, il nesso eziologico, tra cosa ed evento, dall'attore.

In tema di responsabilità civile per i danni cagionati da cose in custodia, la fattispecie di cui all'art. 2051 c.c. individua un'ipotesi di responsabilità oggettiva, essendo sufficiente per l'applicazione della stessa la sussistenza del rapporto...

» Cass. 11517/2013. Cane sulla carreggiata: caso fortuito

Tutte le volte che l'evento dannoso si sia verificato prima che l'ente proprietario o gestore abbia potuto rimuovere, nonostante l'attività di controllo e la diligenza impiegata al fine di garantire la tempestività dell'intervento, la...

» Cass. 783/2013. Pneumatico sulla carreggiata: risarcimento danni ex art. 2051 c.c.

Nella sentenza in esame la Corte di Cassazione ha enunciato il principio secondo il quale la responsabilità della Pubblica Amministrazione - ex art. 2051 c.c. - trova un limite solo nel caso fortuito che - nelle fattispecie simili a quella in...

» Cass.22385/2012. Cose in custodia e caso fortuito

E' configurabile il caso fortuito, ai fini dell'esonero dalla responsabilità, in presenza di quelle alterazioni repentine e non specificamente prevedibili dello stato della cosa che, nonostante l'attività di controllo e la diligenza impiegata allo...

» Buca sulla carreggiata: applicabilità dell'art. 2051 Cod.Civ.(M.Cuomo)

Nella sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che se è vero che in merito all’applicabilità dell’art. 2051 c.c. nei confronti della P.A. per i danni conseguenti a omessa o insufficiente manutenzione di strade pubbliche,...

» Buca sulla carreggiata: responsabilità solidale tra Comune e appaltatore (A.Esposito).

Nella sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che, nel caso in cui l'area comunale sulla quale vengono eseguiti i lavori (nella  fattispecie, di rifacimento della rete fognaria)  sia, comunque, utilizzata a fini della circolazione,...

» Insidia stradale: presenza pneumatico sull'autostrada - art.2051 c.c. (M.Cuomo)

La questione sulla natura della responsabilità del gestore autostradale per i danni occorsi agli utenti, sorta in ambito giurisprudenziale, ha trovato notevole sviluppo anche in dottrina, caratterizzandosi per una evoluzione, a dir poco...

» Cass. 12811/2012. Buca sulla carreggiata: responsabilità solidale tra Comune e appaltatore.

In tema di danni determinati dall'esistenza di un cantiere stradale, qualora l'area di cantiere risulti completamente enucleata, delimitata ed affidata all'esclusiva custodia dell'appaltatore, con conseguente assoluto divieto su di essa del...

» Caduta ramo: responsabilità dell'amministrazione ex art.2051. AbolizioneTariffe Professionali (M.Cuomo)

Caduta di un ramo: in presenza della prova, da parte del danneggiato, delle circostanze che il danno è stato cagionato dalla cosa e che la cosa è soggetta alla custodia dell'Amministrazione, la disposizione di cui all'alt. 2051 cod. civ....

» GdP Nola. Insidia stradale. Lesioni. Incompetenza per materia del GdP: la persona non è un bene mobile.

Insidia stradale. Lesioni personali. Domanda quantificata in euro 1.000,00: incompetenza per materia ai sensi dell'art. 7, 1° comma c.p.c.. Il Giudice di Pace è competente unicamente per le cause relative a beni mobili fino ad euro 5.000,00 e la...

» Insidia stradale (buca sulla carreggiata): applicabilità dell'art. 2051 c.c. (M.Cuomo)

"La controversa questione della responsabilità della pubblica amministrazione per danni provocati dalla omessa o cattiva manutenzione del manto stradale  ha conosciuto un momento di revisione e di evoluzione da parte della ...

» Cass. 6537/2011: ancora sulla responsabilità ex art. 2051 c.c.

Agli enti pubblici proprietari di strade aperte al pubblico transito è, in linea generale, applicabile l’art. 2051 c.c., in riferimento alle situazioni di pericolo immanentemente connesse alla struttura o alle pertinenze della strada,...

» Cass. 4476/2011: Art. 2051 Cod. Civ.:danni cagionati da cose in custodia

"La responsabilità per i danni cagionati da cose in custodia prevista dall’art. 2051 cod. civ., prescinde dall’accertamento del carattere colposo dell’attività o del comportamento del custode e ha natura oggettiva, necessitando, per la sua...

» Corte di Cassazione n° 23924/07:Insidia e trabocchetto - applicabilità art.2051 c.c.

Corte di Cassazione n° 23924/2007 – insidia e trabocchetto – applicabilità dell’art. 2051 c.c. alla P.A. Il fattore decisivo per l'applicabilità della disciplina ex art. 2051 c.c. deve individuarsi nella possibilità o meno di esercitare...

» Cass. n.23277/2010: Insidia Stradale - Tombino sporgente

In tema di responsabilità per danni da beni di proprietà della Pubblica amministrazione, qualora non sia applicabile la disciplina di cui all’art. 2051 cod. civ., in quanto sia accertata in concreto l’impossibilità dell’effettiva...

» Cass. n.21329/2010: Caduta accidentale di pedone - Responsabilità della P.A.

Caduta accidentale di pedone - La presunzione di responsabilità  della P.A.  si applica, ai sensi dell’art. 2051 c.c. per i danni subiti dagli utenti dei beni demaniali, quando la custodia del bene, intesa quale potere di fatto sulla cosa...

» La responsabilità della P.A. per le insidie stradali (Domenico Giordano)


Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Nov 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Un brocardo al giorno...

Opinio iuris atque necessitatis.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png