AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Indennizzo diretto: electa una via non datur recursus ad alteram (F.Bravaccio)

E-mail Stampa PDF

Nella sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che, l'aver scelto la procedura di cui all'art. 149 del D.Lgs.209/2005 (procedura di risarcimento diretto) con il regolare adempimento degli obblighi da essa previsti (invio lettere raccomandate alle compagnie di assicurazione di entrambi i veicoli coinvolti nel sinistro), comporta che l'attore, al fine di ottenere il risarcimento del danno, deve, necessariamente, a pena di improponibilità della domanda, evocare in giudizio l'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato non potendo citare l'impresa assicuratrice del veicolo antagonista, perchè carente di legittimazione passiva (Giudice di Pace di Ottaviano - sentenza del 23.04.2012).



REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il giudice di pace di Ottaviano dott. Filomena Bravaccio ha emesso la seguente

Sentenza

provvisoriamente esecutiva per legge nella causa civile iscritta al n..121 /2012. R:G riservata a sentenza all'udienza. del 23/04/2012, avente ad oggetto: risarcimento danni da circolazione stradale, promossa

da

CCC Mmm, nato a <...> (NA) il <...>, Cod. Fisc. <...>, elett.te dom.to in <...> (NA) al viale <...>, presso lo studio dell'avv. Aaa RRR (Cod. Fisc. <...>) che lo rapp.ta e difende, come da procura a margine dell'atto di citazione

Attore

contro

UNIPOL ASSICURAZIONI S.p.A., in persona del legale rapp.te p.t., (P. Iva 02705901201) con sede in Bologna alla via Stalingrado, n. 45

Convenuta contumace

CONCLUSIONI

All'udienza del 23/04/2012, l'attore concludeva come da verbale di causa.

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

Con atto di citazione per l'udienza del 16/01/2012, ritualmente notificato in data 04/11/2011, CCC Mmm evocava in giudizio avanti a questo ufficio giudiziario onorario la società Unipol Assicurazioni S.p.A., in persona del legale rapp.te p.t., chiedendone la condanna al risarcimento dei danni subiti dalla propria autovettura targata XX 0X0 XX, nella misura da quantificarsi in corso di causa, oltre interessi dal fatto, nei limiti di € 5.200,00, nonché le spese del giudizio, con attribuzione al procuratore anticipatario.

Esponeva che in data 31/07/2011, alle ore 23,30 circa, in Scafati (SA) alla via Oberdan, il conducente dell'autovettura Lancia Y targata YY 0Y0 YY, di proprietà di CCC EEE ed assicurata per la rca con polizza UGF Div. Unipol Assicurazioni S.p.A., impegnava l'incrocio ad elevatissima velocità ed urtava l'autovettura  targata XX 0X0 XX, di sua proprietà ed assicurata per la rca con Generali Assicurazioni S.p.A.

Continuava affermando che, a seguito del sinistro, l'autovettura DR, di sua proprietà, riportava danni alla parte anteriore destra ed alla meccanica e che inutilmente ne aveva richiesto il risarcimento con lettere raccomandate AR n. <...>-5 del 05-09/08/2011 e n. <...> del 05-09/08/2011, inviate rispettivamente alle Generali assicurazioni S.p.A. e all'Unipol Assicurazioni S.p.A.

Instauratosi il contraddittorio, la convenuta Unipol Assicurazioni S.p.A, sebbene ritualmente citata, rimaneva contumace.

Venivano prodotti i documenti, ammessa ed espletata la prova testimoniale e, precisate le conclusioni, la causa era riservata a sentenza all'udienza del 23/04/2012.

Passando all'esame delle ragioni di diritto della decisione, preliminarmente, va dichiarata la contumacia della società Unipol Assicurazioni . S.p.A, ritualmente citata, ma mai costituitasi.

Ancora in via preliminare, si osserva che la domanda e improponibile ed inammissibile e, pertanto, deve essere rigettata.

L'attore in citazione ha dichiarato di agire in giudizio ai sensi dell'art. 149 del d. Lgs. n. 209/2005.

Orbene., tale norma prescrive che "In caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dai quali siano derivati danni ai veicoli coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato'.

Nel caso che ci occupa l'istante ha regolarmente adempiuto al dettato previsto dall'art. 149 del d. Lgs. n. 209/2005, provvedendo ad inviare le lettere raccomandate AR n. 0106-5 del 05-09/08/2011 e n. 0107-6 del 05-09/08/2011, rispettivamente, alle Generali Assicurazioni S.p.A., indicata nella messa in mora quale compagnia assicuratrice dell'autovettura DR targata XX X0X XX, di proprietà dell'attore CCC Mmm, ed alla Unipol Assicurazioni S.p.A., indicata sempre nella detta missiva, quale compagnia assicuratrice dell'autovettura investitrice Lancia Y targata YY 0Y0 YY. Tuttavia il CCC Mmm, pur avendo invocato, come già detto, la normativa in materia di indennizzo diretto, ha convenuto in giudizio non la propria compagnia assicuratrice Generali S.p.A., bensì la Unipol S.p.A., compagnia garante per la rca il veicolo del presunto responsabile civile.

La stessa documentazione allegata al fascicolo attoreo, in particolare la nota datata 03/08/2001, inviata al CCC Mmm da Generali Assicurazioni S.p.A., e la nota datata 01/09/2011 sempre inviata al CCC Mmm dalla GGG s.r.l., per conto delle Generali Ass.ni, conferma che effettivamente la società Generali Assicurazioni S.p.A. copriva per la rca l'autovettura attorea al momento dell'incidente.

Da quanto sopra deriva, dunque, che l'attore, ai sensi dell'art. 149 D.Lgs 209/2005, avrebbe dovuto convenire in giudizio le Generali Assicurazioni: S.p.A: e non già la società Unipol S.p.A.

Ne consegue che non vi è identità. tra la persona del detto convenuto e quella cui la legge conferisce l'interesse a resistere in giudizio, come sancito dall'art. 100 c.p.c., secondo il quale: "Per proporre una domanda o per contraddire alla stessa e necessario avervi interesse".

Pertanto,  il giudice adito non può ritenere la convenuta società  Unipol Assicurazioni S.p.A. legittimata passiva.

Alla luce di quanto sopra, si evidenzia che con il principio del contraddittorio il legislatore si è limitato a sottolineare la necessità che venga citata in giudizio la parte contro cui l'azione deve essere proposta. In altre parole, il giudice non può statuire se non è citata la giusta parte, e, pertanto, il problema della legittimazione si identifica con il principio del contraddittorio. Da ciò deriva che l'indagine relativa all'accertamento del rispetto del contraddittorio deve stabilire se l'attore abbia veste per far valere il diritto, e se, come nel caso di specie, il convenuto abbia veste per contraddire.

Su tale linea si muove la giurisprudenza, la quale -nel sottolineare che il difetto di legittimatio ad causam è rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del processo, attenendo alla regolarità del contraddittorio- rileva che essa investe la titolarità del potere di promuovere un giudizio, o del dovere di subirlo (Cass. 6 dic. 1984 n. 6410; Cass. 23 gen. 1982, n. 456).

L'accertata carenza di legittimazione passiva della convenuta società comporta l'inapplicabilità, nel caso di specie, della procedura di indennizzo diretto di cui all'art. 149 D.Lgs 209/2005 il quale presuppone, come detto, che venga citata in giudizio "l'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato".

Ne segue il rigetto della domanda, non avendo l'attore provveduto a notificare l'atto di citazione al soggetto legittimato a stare in giudizio, ai sensi della normativa dallo stesso invocata.

Nulla sulle spese processuali, stante la contumacia della convenuta società.

P.Q.M.

Il Giudice di. Pace di Ottaviano, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta . da CCC Mmm nei confronti della società Unipol Assicurazioni S.p.A., in persona del legale rapp.te p.t., cosi provvede:.

1) dichiara la contumacia della società Unipol Assicurazioni S.p:A. in persona del legale rapp.te p.t.;

2) dichiara improponibile ed inammissibile la domanda;

3) nulla sulle spese processuali.

Ottaviano, 23/04/2012

Il Giudice di Pace

dott.ssa Filomena Bravaccio

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass.9188/2018. Indennizzo diretto. Litisconsorzio necessario del responsabile civile

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale in caso di azione diretta del danneggiato, in un sinistro stradate, nei confronti della propria compagnia di assicurazione, ex art. 149 D. Lgs. 209/2005,...

» Cass. 21896/2017. Indennizzo diretto: sussiste litisconsorzio necessario nei confronti del danneggiante responsabile

In materia di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile per la circolazione dei veicoli, nella procedura di risarcimento diretto di cui all'art. 149 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, promossa dal danneggiato nei...

» Cass. 9276/2017 - Art. 149 D.Lgs. 209/2005: ma il responsabile civile va citato in giudizio?

Nella ordinanza che segue, la Corte di Cassazione sfiora ma non tocca e, quindi, non risolve il problema relativo alla necessità  di evocare o meno in giudizio anche il responsabile del danno, nel caso di azione promossa dal danneggiato ai sensi...

» Cass. 5008/2017. Indennizzo diretto.Premio pagato in ritardo: la compagnia è tenuta al risarcimento del danno.

Il rilascio del contrassegno assicurativo da parte dell'assicuratore della responsabilità civile di autoveicoli vincola quest'ultimo a risarcire i danni causati dalla circolazione del veicolo, quand'anche il premio assicurativo non sia stato...

» Cass. 3146/2017. Quando l'indennizzo diretto è applicabile anche in caso di collisione tra più di due veicoli.

Con la ordinanza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che la procedura di indennizzo diretto prevista dall'art. 149 del codice delle assicurazioni private (decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209) è ammissibile anche in caso di...

» Cass. 26098/2016. Modello Cid a firma congiunta: riduce a 30 giorni il termine dilatorio per la proposizione dell'azione risarcitoria?

Nel sistema ex art. 149 Cod. Ass. del c.d. indennizzo diretto - in base al quale il danneggiato che, in conseguenza di un sinistro stradale  intenda proporre l'azione diretta nei confronti dell'assicuratore del veicolo  responsabile, ha l'onere...

» Indennizzo diretto: il responsabile civile non è parte processuale (R. Iorio)

L’uso della locuzione “azione diretta” nell’art. 149 co.6 cod.ass. è stata interpretata, dai fautori del necessario intervento del responsabile civile nell’indennizzo diretto, come un richiamo all’art. 144 che al comma 3, ...

» Cass. 20374/2015 Indennizzo diretto - Premio pagato dopo la scadenza del termine dei 15 giorni: danno risarcibile?

Nella sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che il principio secondo il quale  il terzo danneggiato non è tenuto ad effettuare accertamenti se sia stato pagato il premio assicurativo o rilasciato solo il certificato ed il ...

» Cass. 4754/2016. Indennizzo diretto: la domanda è improponibile se la richiesta di risarcimento non contiene tutti i requisiti di cui all'art. 148 Cod.Ass.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che nel sistema del c.d. indennizzo diretto (art. 149 cod. ass.), l’azione proposta dal danneggiato nei confronti del proprio assicuratore è improponibile se non è stata preceduta...

» La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del D.Lgs. 209/2005

 La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del d.lgs.209/2005(avv. Maria Cuomo - Giudice di Pace di Nola)   

» Indennizzo diretto: va citato anche il responsabile civile (A. Esposito).

Nella sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che una lettura costituzionalmente orientata dell' 149, 6° comma, impone di ritenere che, nel proporre l'azione diretta nei confronti della propria società assicuratrice, il danneggiato ...

» Indennizzo diretto: requisiti per l'applicabilità dell'art. 149 CdA (Luigi Scognamiglio)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che perchè  il danneggiato possa invocare il meccanismo del c.d. indennizzo diretto disciplinato dall'art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private è necessario che nella richiesta di...

» Indennizzo diretto: necessaria la presenza del responsabile civile solo se richiesto l'accertamento della responsabilità - Principio di non contestazione (M.Cuomo)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che, nel caso di azione ex artt. 145 e 149 del D.Lgs.209/2005,  la presenza del responsabile civile è necessaria unicamente nel caso in cui  venga richiesto l'accertamento della sua...

» Indennizzo diretto: il responsabile civile non va citato (M.Cuomo)

Con la sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che l'attore che intenda agire ex art. 149 D. Lgs. 209/2005  deve evocare in giudizio unicamente la propria compagnia di assicurazione e non anche il responsabile civile, diversamente dalla...

» Sinistro senza collisione: inapplicabilità indennizzo diretto (A. Esposito)

Mentre l'art. articolo 149 del D.Lgs. 209 del 7 settembre 2005, nel disciplinare la procedura di risarcimento diretto, si riferisce genericamente ai sinistri tra due veicoli, inducendo a ritenere che la suddetta procedura sia applicabile a...

» Tribunale Torino. Indennizzo diretto: l'azione va proposta nei soli confronti della propria compagnia di assicurazione.

Ai sensi dell'art. 149 del Digs. n. 209 del 2005, nel caso di procedura di risarcimento diretto il danneggiato deve rivolgere la richiesta di risarcimento all'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato. In...

» Indennizzo diretto. Foro del consumatore: applicabilità (M. Cuomo)

Nel caso di richiesta di risarcimento con le forme dell’indennizzo diretto, il rapporto che sorge tra l'assicurato e l'assicuratore non è un rapporto extracontrattuale bensì un rapporto contrattuale, tanto è vero che, gli adempimenti...

» Indennizzo diretto e successiva domanda riconvenzionale ex art. 148: improponibilità. Electa una via...(M.Cuomo).

In tema di indennizzo diretto, il brocardo "electa una via non datur recursus ad alteram" vale anche per il convenuto che propone domanda riconvenzionale. Nel giudizio conclusosi con la sentenza in esame l'attrice, al fine di ottenere il...

» Scoppio pneumatico. Risarcimento danni - Indennizzo diretto: applicabilità (F. Bravaccio)

Nel caso conclusosi con la sentenza in esame, a seguito dello scoppio dello pneumatico destro dell'autocarro che la precedeva, l'autovettura dell'attrice veniva danneggiata da frammenti dello stesso. Il Giudice di Pace ha ritenuto l'applicabilità...

» Liquidazione coatta amministrativa e indennizzo diretto: applicabilità (M.Cuomo)

Nella sentenza che segue, il Giudice di Pace ha ribadito la applicabilità dell'indennizzo diretto, ex art. 149 D.Lgs. 209/2005, anche alla ipotesi in cui la compagnia del responsabile civile sia stata posta in liquidazione coatta amministrativa...

» Eccezione di litispendenza e improponibilità della domanda ex artt 145 e 148 CdA : infondatezza (A.Esposito)

L'istituto della litispendenza, ossia della contemporanea pendenza della stessa causa, presuppone la pendenza effettiva sul ruolo, avvertendosi che le cause non riassunte si trovano in uno stato di quiescenza, cioè non sono in corso di...

» Indennizzo diretto: necessità di citare anche il responsabile civile (M.Marchese)

Indennizzo diretto: necessità di evocare in giudizio, oltre alla propria impresa di assicurazione, anche il responsabile del sinistro stradale, al fine di rendere opponibile anche a quest'ultimo l'accertamento della sua responsabilità in vista dei...

» Indennizzo diretto: Improponibilità della domanda (M.Cuomo)

Indennizzo diretto: 1) Improponibilità della domanda ex art. 149 D.Lgs.209/2005 se la richiesta di risarcimento danni è stata erroneamente inoltrata, per conoscenza, a società diversa da quella che garantiva il veicolo del responsabile civile; 2)...

» Indennizzo diretto e macchine agricole

Si applica l'indennizzo diretto nel caso di scontro tra autovettura e macchina agricola? (Marco da San Vitaliano)Per le macchine agricole, così come definite dall'art. 57 del Codice della Strada, l’indennizzo diretto è applicabile, ma solo per i...

» Indennizzo Diretto (Anna Esposito)

PROCEDURA DI RISARCIMENTO DIRETTO - Avv. Anna Esposito - Giudice di Pace di OttavianoL’articolo 149 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre 2005, ribattezzato Codice delle Assicurazioni Private, ed il D.P.R. n. 254 del 18 luglio 2006 ...

» Che cos'è l'Indennizzo Diretto?

L'indennizzo diretto è la procedura introdotta dall'art.149 del D.Lgs.209/2005 (c.d. Codice Assicurazioni), secondo la  quale "in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal...

» Corte Cost. 19.06.2009 n. 180 - Indennizzo Diretto:facoltatività

Sentenza Corte Costituzionale 19.06.2009 n. 180"Sulla base proprio delle parole, secondo la loro connessione (art. 12 disp. attuazione), l'azione diretta contro il proprio assicuratore è configurabile come una facoltà, e quindi un'alternativa...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Gen 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Un brocardo al giorno...

Non habet staderam in manu.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png