AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Eccezione di litispendenza e improponibilità della domanda ex artt 145 e 148 CdA : infondatezza (A.Esposito)

E-mail Stampa PDF

L'istituto della litispendenza, ossia della contemporanea pendenza della stessa causa, presuppone la pendenza effettiva sul ruolo, avvertendosi che le cause non riassunte si trovano in uno stato di quiescenza, cioè non sono in corso di regolare svolgimento. Improponibilità della domanda ex artt. 145 e 148 (richiesta incompleta): infondatezza per mancata richiesta  - da parte della compagnia di assicurazione - delle necessarie integrazioni (Giudice di Pace di Ottaviano - sentenza 30.09.2011)

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Giudice di Pace di Ottaviano, avvocato Anna Esposito, ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella causa civile iscritta al numero 378/09 del Ruolo Generale degli affari contenziosi avente ad oggetto: risarcimento danni derivante dalla circolazione di autoveicoli, vertente

TRA

BBB Mmm nato a <...> il 4, C.F.<...>: , nello stesso comune residente alla Via <...>, elettivamente domiciliato in <...>, alla Via Lll Ccc, 5, nello studio dell'avvocato Vvv Mmm, che lo difende e lo rappresenta in virtù di procura a margine dell'atto di citazione in giudizio;

ATTORE

E LA

S.p.A. Assicurazioni, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, difesa e rappresentata, in virtù di procura in calce alla copia notificata dell'atto introduttivo del giudizio, dagli avvocati Fff Ppp e Ggg Bbb, i quali hanno dichiarato di voler ricevere le comunicazioni al numero di fax 0000000 o all'indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , elettivamente domiciliata in <...>, alla Via Aaa Mmm, nello studio dell'avvocato Ccc Rrr;

CONVENUTA

NONCHE' IL

RRR Aaa, residente in <...>, alla Via <...>, 6;

CONVENUTO CONTUMACE

CONCLUSIONI

All'udienza del 16 settembre 2011, le parti concludevano come da relativo verbale.

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

Preliminarmente rileva osservare che non si è proceduto alla redazione dello svolgimento del processo, in puntuale applicazione della norma dettata dall'articolo 132, c.p.c., come novellato dall'articolo 45, comma 17, della legge numero 69 del 18 giugno 2009, entrata in vigore il 4 luglio 2009, con applicazione immediata anche ai giudizi pendenti in primo grado, ai sensi dell'articolo 58, 2° comma, della citata legge.

Passando ad esaminare le ragioni di diritto della decisione, rileva osservare che va dichiarata la contumacia del RRR Aaa, ritualmente citato e non costituitosi in giudizio.

Ancora in via preliminare, va dichiarata la proponibilità della domanda avendo il BBB Mmm documentalmente provato di aver ottemperato all'onere previsto dalle disposizioni vigenti in subiecta materia, mediante lettera spedita a mezzo del servizio postale in raccomandazione e con avviso di ricevimento e di aver lasciato decorrere, per la instaurazione del presente giudizio, lo spatium deliberandi previsto dalla medesima normativa.

Rileva, altresì, osservare che sono da ritenere sussistenti la rispettiva legittimatio ad causam delle parti (condizione dell'azione), nonché la loro rispettiva titolarità del rapporto sostanziale dedotto in giudizio (questione di merito), provate dalla documentazione ritualmente prodotta.

Destituita di fondamento giuridico è l'eccezione di nullità della citazione, formulata dalla convenuta S.p.A., subito osservandosi che l'atto di vocatio in ius contiene tutti i requisiti previsti dall'articolo 318 c.p.c. e l'oggetto della domanda risulta chiaro e determinato. Sul punto rileva osservare che nel giudizio dinanzi al giudice di pace il contenuto dell'atto di citazione è disciplinato dal citato articolo 318 c.p.c., il quale prescrive che il medesimo deve contenere l'indicazione del giudice, delle parti, l'esposizione dei fatti e l'indicazione dell'oggetto e deve ritenersi nullo solo nel caso in cui dall'esame complessivo dell'atto non sia identificabile o risulti sommariamente incerto il bene giuridico al cui conseguimento tende l'azione proposta (Cass. n. 8074 del 4 giugno 2002 ). Va, pertanto, disattesa l'eccezione de qua.

Parimenti infondata è l'eccezione di improponibilità della domanda. Sul punto giova osservare che, a parere di questo giudice, non è vincolante l'onere imposto al danneggiato dagli articoli 145 e 148 del decreto legislativo n. 209 del 2005, se l'impresa di assicurazione, di fronte ad una richiesta incompleta del danneggiato, pur potendo, non ha richiesto l'integrazione dei dati e dei documenti nella fase stragiudiziale, rinunciando, così, al vantaggio, offerto dalla citata norma, di ottenere un nuovo decorso dello spatium deliberandi, conseguendone, si ripete, la proponibilità della domanda de qua.

- Va disattesa la richiesta di sospensione o interruzione del presente giudizio, non ravvisandosi, nella fattispecie ora allo scrutinio di questo giudice, i presupposti per la loro applicabilità. Al riguardo rileva osservare che per costante giurisprudenza l'istituto della litispendenza, ossia della contemporanea pendenza della stessa causa presuppone la pendenza effettiva sul ruolo, avvertendosi che le cause non riassunte si trovano in uno stato di quiescenza, cioè non sono in corso di regolare svolgimento.

La Suprema Corte ha puntualizzato che ove il primo giudizio venga riattivato mediante riassunzione, i rapporti tra i due procedimenti relativi alla stessa domanda sono regolati dagli articolo 39 e 273 c.p.c., a seconda che la contemporanea pendenza sia davanti a giudici diversi ovvero davanti allo stesso giudice o ad un giudice o ad una diversa sezione dello stesso Tribunale ( Cass. 2 agosto 1993, n. 8522 ).

Orbene, nel caso in esame, alla notificazione della prima citazione in giudizio non è seguita la iscrizione a ruolo della causa quindi non è configurabile una effettiva pendenza sul ruolo della causa, conseguendone l'infondatezza della eccezione sollevata dalla convenuta S.p.A..

Nel merito, la domanda tendente al risarcimento dei danni che il BBB Mmm assume di aver sofferto in qualità di proprietario dell'autovettura Mercedes; targata XX000XX, non è meritevole di accoglimento, risultando decisiva la consulenza tecnica di ufficio espletata dall'ingegnere Eee Aaa, docente di Costruzioni di Autoveicoli presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, le cui integrali risultanze superano l'efficacia probatoria delle divergenti emergenze processuali.

Il nominato consulente tecnico di ufficio, all'esito dei propri accertamenti, dagli elementi probatori in proprio possesso, dall'ispezione dei luoghi del sinistro, dalla documentazione fotografica, riferiva non sussistere compatibilità tra i danni che l'attore assumeva essere stati subiti dal proprio veicolo e la dinamica allegata.

In particolare il nominato consulente tecnico di ufficio afferma che «.... se si ipotizza una traiettoria tale da verificare la compatibilità dei danni lamentati alla parte anteriore del veicolo attoreo con la dinamica prospettata, non vi è compatibilità con i danni lamentati alla posteriore. Viceversa se si ipotizza una traiettoria tale da verificare la compatibilità dei lamentati alla parte posteriore, non vi è compatibilità con i danni lamentati alla parte anteriore ... È emersa la non compatibilità dei danni lamentati dalla parte attrice come conseguenza diretta della collisione dei veicoli secondo la dinamica rappresentata dalla parte attrice stessa .... » ( testuale ). Il nominato consulente tecnico di ufficio precisa che per quanto riguarda l'urto diretto, osservando la foto numero 2 allegata alla produzione di parte attrice, si notano segni dei strusciata interessanti il lato destro del paraurti posteriore con la conseguente rottura del fanale corrispondente; non sono visibili deformate pronunziate. D'altra parte, però, essendo il tratto di strada S.S. 268 percorso dai due veicoli in prossimità dell'incrocio con Via Romani, largo circa 4 metri e non avendo, quindi, la larghezza sufficiente perché il veicolo Lancia Y possa aver urtato, o meglio strusciato, con la propria parte anteriore, il lato destro del paraurti posteriore, è facile dedurre che l'urto poteva aversi nella parte spigolare destra del paraurti posteriore, non potendo produrre quindi il tipo di danno riscontrato nella suddetta foto 2, conseguendone l'incompatibilità tra i segni d'urto rinvenuti sul lato destro del paraurti posteriore.

D'altra parte, continua il C.T.U., se pur si ammettesse che il veicolo attoreo si trovasse quasi trasversalmente all'asse della carreggiata della S.S. 268, in seguito alla manovra di svolta a destra, così da giustificare i danni riscontrati sul lato destro del paraurti posteriore del veicolo Mercedes, allora emerge in modo ancora più palese l'incompatibilità tra la traiettoria descritta dal veicolo attoreo e l'urto indiretto contro il muro perché in tal caso esso avrebbe impattato contro il muro con il lato sinistro e non sarebbero giustificati i danni rinvenuti sul lato anteriore destro.

Le valutazioni dell'ingegnere Eee Aaai risultano corrette nell'impostazione, esaurienti nell'indagine e nella motivazione, suffragate da condivisibili considerazioni logiche coerenti con la documentazione acquisita non contrastate da alcun rilievo tecnico scientifico di parte attrice idoneo a superare le conclusioni del C.T.U..

In ragione della incompatibilità per tipologia dei danni rispetto alla dinamica allegata consegue il rigetto della domanda.

Considerata la natura della causa, nonché il comportamento processuale delle parti, ritiene questo giudice che sussistono giusti motivi per compensare tra le stesse le spese di lite, tranne quelle di C.T.U. che pone a carico del BBB Mmm, conseguendone la condanna di quest'ultimo al pagamento della somma di £ 530,00, a favore della S.p.A.  Assicurazioni, a carico della quale erano state provvisoriamente poste le suddette spese di C.T.U..

P.Q.M.

Il Giudice di Pace di Ottaviano, avvocato Anna Esposito, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta dal BBB Mmm nei confronti del RRR Aaa e della S.p.A.  Assicurazioni, in persona dei suo legale rappresentante pro tempore, ogni altra domanda ed eccezione disattese, così provvede:

1 ) dichiara la contumacia del RRR Aaa;

2 ) rigetta la domanda;

3 ) compensa tra le parti le spese processuali, tranne quelle di C.T.U., che pone a carico del BBB Mmm;

4) condanna il BBB Mmm al pagamento, a favore della S.p.A. Assicurazioni, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, della somma di E 530,00. Così deciso in Ottaviano il 30 settembre 2011

Il Giudice di Pace

Avv. Anna Esposito

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass.9188/2018. Indennizzo diretto. Litisconsorzio necessario del responsabile civile

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale in caso di azione diretta del danneggiato, in un sinistro stradate, nei confronti della propria compagnia di assicurazione, ex art. 149 D. Lgs. 209/2005,...

» Cass. 21896/2017. Indennizzo diretto: sussiste litisconsorzio necessario nei confronti del danneggiante responsabile

In materia di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile per la circolazione dei veicoli, nella procedura di risarcimento diretto di cui all'art. 149 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, promossa dal danneggiato nei...

» Azione ex artt. 144 e 148 CdA. Intervento della compagnia dell'attore: inammissibilità (R.Iorio)

Azione ex artt. 144 e 148 del Codice delle Assicurazione. Si costituisce in giudizio, con atto di intervento volontario, la compagnia di assicurazione dell'attore. Con l'ordinanza che segue, il Giudice di Pace ha ritenuto la inammissibilità di tale...

» Cass. 9276/2017 - Art. 149 D.Lgs. 209/2005: ma il responsabile civile va citato in giudizio?

Nella ordinanza che segue, la Corte di Cassazione sfiora ma non tocca e, quindi, non risolve il problema relativo alla necessità  di evocare o meno in giudizio anche il responsabile del danno, nel caso di azione promossa dal danneggiato ai sensi...

» Cass. 5008/2017. Indennizzo diretto.Premio pagato in ritardo: la compagnia è tenuta al risarcimento del danno.

Il rilascio del contrassegno assicurativo da parte dell'assicuratore della responsabilità civile di autoveicoli vincola quest'ultimo a risarcire i danni causati dalla circolazione del veicolo, quand'anche il premio assicurativo non sia stato...

» Cass. 3146/2017. Quando l'indennizzo diretto è applicabile anche in caso di collisione tra più di due veicoli.

Con la ordinanza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che la procedura di indennizzo diretto prevista dall'art. 149 del codice delle assicurazioni private (decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209) è ammissibile anche in caso di...

» Cass. 26098/2016. Modello Cid a firma congiunta: riduce a 30 giorni il termine dilatorio per la proposizione dell'azione risarcitoria?

Nel sistema ex art. 149 Cod. Ass. del c.d. indennizzo diretto - in base al quale il danneggiato che, in conseguenza di un sinistro stradale  intenda proporre l'azione diretta nei confronti dell'assicuratore del veicolo  responsabile, ha l'onere...

» Indennizzo diretto: il responsabile civile non è parte processuale (R. Iorio)

L’uso della locuzione “azione diretta” nell’art. 149 co.6 cod.ass. è stata interpretata, dai fautori del necessario intervento del responsabile civile nell’indennizzo diretto, come un richiamo all’art. 144 che al comma 3, ...

» Cass. 20374/2015 Indennizzo diretto - Premio pagato dopo la scadenza del termine dei 15 giorni: danno risarcibile?

Nella sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che il principio secondo il quale  il terzo danneggiato non è tenuto ad effettuare accertamenti se sia stato pagato il premio assicurativo o rilasciato solo il certificato ed il ...

» Cass. 19354/2016. Contenuto della richiesta di risarcimento danni (artt.145 e 148 d.lgs. 209/2015)

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha precisato che il combinato disposto degli artt. 145 e 148 cod. ass. va interpretato alla luce del principio della validità degli atti comunque idonei al raggiungimento dello scopo e, pertanto, ...

» Cass. 4754/2016. Indennizzo diretto: la domanda è improponibile se la richiesta di risarcimento non contiene tutti i requisiti di cui all'art. 148 Cod.Ass.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che nel sistema del c.d. indennizzo diretto (art. 149 cod. ass.), l’azione proposta dal danneggiato nei confronti del proprio assicuratore è improponibile se non è stata preceduta...

» La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del D.Lgs. 209/2005

 La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del d.lgs.209/2005(avv. Maria Cuomo - Giudice di Pace di Nola)   

» Art. 148 CdA. Il rifiuto di sottoporsi a visita medica non determina la improponibilità della domanda. Azione del terzo trasportato (A. Esposito).

La sospensione dei termini di cui all'articolo 148 del decreto legislativo n. 209 del 2005, si riferisce esclusivamente alla procedura di liquidazione e non alla procedibilità dell'azione di cui all'articolo 145 della menzionata normativa,...

» Azione ex art. 148 CdA: Inammissibile l'intervento volontario della compagnia del veicolo danneggiato (M.Cuomo)

Azione di risarcimento danni ordinaria (artt. 144, 145 e 148 del D.Lgs. 209/2005) ed intervento in giudizio della compagnia assicuratrice del veicolo danneggiato.  Con la sentenza che segue il Giudice di Pace,  ha ritenuto che la ratio del...

» Indennizzo diretto: va citato anche il responsabile civile (A. Esposito).

Nella sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che una lettura costituzionalmente orientata dell' 149, 6° comma, impone di ritenere che, nel proporre l'azione diretta nei confronti della propria società assicuratrice, il danneggiato ...

» Indennizzo diretto: requisiti per l'applicabilità dell'art. 149 CdA (Luigi Scognamiglio)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che perchè  il danneggiato possa invocare il meccanismo del c.d. indennizzo diretto disciplinato dall'art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private è necessario che nella richiesta di...

» Indennizzo diretto: necessaria la presenza del responsabile civile solo se richiesto l'accertamento della responsabilità - Principio di non contestazione (M.Cuomo)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto che, nel caso di azione ex artt. 145 e 149 del D.Lgs.209/2005,  la presenza del responsabile civile è necessaria unicamente nel caso in cui  venga richiesto l'accertamento della sua...

» Improponibilità della domanda e decorso del termine di prescrizione - Art. 148 CdA (M. Cuomo)

Per il principio fissato dall'art. 2945, comma 2, c.c., ha ritenuto il Giudice di Pace nella sentenza che segue,  l'effetto interruttivo della prescrizione conseguente alla proposizione di una domanda giudiziale idonea ad istaurare un valido...

» La controparte nega l'evento: è necessario rispettare i termini di cui all'art.145 CdA? (M.Cuomo)

L'attore esibisce una comunicazione con la quale l'istituto assicuratore riferisce di non poter procedere al risarcimento dei danni in quanto "la controparte nega l'evento". Con la stessa missiva la società assicuratrice  richiede al danneggiato...

» Indennizzo diretto: il responsabile civile non va citato (M.Cuomo)

Con la sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che l'attore che intenda agire ex art. 149 D. Lgs. 209/2005  deve evocare in giudizio unicamente la propria compagnia di assicurazione e non anche il responsabile civile, diversamente dalla...

» Sinistro senza collisione: inapplicabilità indennizzo diretto (A. Esposito)

Mentre l'art. articolo 149 del D.Lgs. 209 del 7 settembre 2005, nel disciplinare la procedura di risarcimento diretto, si riferisce genericamente ai sinistri tra due veicoli, inducendo a ritenere che la suddetta procedura sia applicabile a...

» Errata indicazione della data del sinistro: improponibilità della domanda (A. Esposito)

La errata indicazione della data di sinistro, nella richiesta di risarcimento danni inviata alla compagnia di assicurazione, inficia la validità dell'atto di costituzione in mora atteso che l'errore verte su una circostanza essenziale determinante....

» Art. 148 CdA - Mancato invio del certificato di guarigione con o senza postumi: improponibilità della domanda (M. Cuomo)

La richiesta di risarcimento danni, ai sensi dell'art. 148 del D.Lgs.  209/2005, deve contenere, tra l'altro, il certificato di guarigione con o senza postumi. In mancanza  solo l'espletamento della visita medica eventualmente disposta dalla...

» Art. 148 CdA. Mancato invio della documentazione medica: improponibilità della domanda (M. Marchese)

Con la sentenza che segue il Giudice di Pace ha ritenuto la improponibilità sia della domanda proposta dal conducente, diretta ad ottenere il risarcimento per le lesioni subite, sia di quella proposta dal proprietario del veicolo danneggiato in...

» Tribunale di Torino. La mancata sottoposizione a visita medica non costituisce motivo di improponibilità della domanda

Con la sentenza in esame, il Tribunale di Torino, in sede di appello, ha riformato la sentenza emessa dal Giudice di Pace con la quale quest'ultimo aveva dichiarato la improponibilità della domanda per non essersi l'attore sottoposto, ai sensi...

» Tribunale Torino. Indennizzo diretto: l'azione va proposta nei soli confronti della propria compagnia di assicurazione.

Ai sensi dell'art. 149 del Digs. n. 209 del 2005, nel caso di procedura di risarcimento diretto il danneggiato deve rivolgere la richiesta di risarcimento all'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato. In...

» Indennizzo diretto. Foro del consumatore: applicabilità (M. Cuomo)

Nel caso di richiesta di risarcimento con le forme dell’indennizzo diretto, il rapporto che sorge tra l'assicurato e l'assicuratore non è un rapporto extracontrattuale bensì un rapporto contrattuale, tanto è vero che, gli adempimenti...

» Indennizzo diretto e successiva domanda riconvenzionale ex art. 148: improponibilità. Electa una via...(M.Cuomo).

In tema di indennizzo diretto, il brocardo "electa una via non datur recursus ad alteram" vale anche per il convenuto che propone domanda riconvenzionale. Nel giudizio conclusosi con la sentenza in esame l'attrice, al fine di ottenere il...

» Indennizzo diretto: electa una via non datur recursus ad alteram (F.Bravaccio)

Nella sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto che, l'aver scelto la procedura di cui all'art. 149 del D.Lgs.209/2005 (procedura di risarcimento diretto) con il regolare adempimento degli obblighi da essa previsti (invio lettere raccomandate...

» Art. 148 CdA: mancata sottoposizione a visita medica: improponibilità della domanda (M.Cuomo)

Conformemente a quanto dichiarato, successivamente, dalla Corte Costituzionale (), il Giudice di Pace, nella sentenza che segue ha ritenuto che la intenzione del legislatore - ai sensi degli artt. 145 e 148 del D.Lgs.209/2005 - è stata quella di...

» Corte Costituzionale 111/2012: Contenuto della raccomandata (art. 148 CdA)

La Corte Costituzionale  ha affermato che la richiesta di risarcimento, in caso di danni alla persona causati dalla circolazione dei veicoli e dei natanti, deve contenere tutti i requisiti previsti dall'art. 148 del D.Lgs.209/2005, con la...

» Scoppio pneumatico. Risarcimento danni - Indennizzo diretto: applicabilità (F. Bravaccio)

Nel caso conclusosi con la sentenza in esame, a seguito dello scoppio dello pneumatico destro dell'autocarro che la precedeva, l'autovettura dell'attrice veniva danneggiata da frammenti dello stesso. Il Giudice di Pace ha ritenuto l'applicabilità...

» Liquidazione coatta amministrativa e indennizzo diretto: applicabilità (M.Cuomo)

Nella sentenza che segue, il Giudice di Pace ha ribadito la applicabilità dell'indennizzo diretto, ex art. 149 D.Lgs. 209/2005, anche alla ipotesi in cui la compagnia del responsabile civile sia stata posta in liquidazione coatta amministrativa...

» Art.148 CdA. Mancato invio mod.CAI: improponibilità della domanda (M.Cuomo)

Nella sentenza in esame il Giudice di Pace ha ritenuto la improponibilità della domanda per violazione dell'art. 148 atteso che la richiesta di risarcimento danni non è stata corredata dalla denuncia di sinistro secondo il modulo di cui all'art....

» Indennizzo diretto: necessità di citare anche il responsabile civile (M.Marchese)

Indennizzo diretto: necessità di evocare in giudizio, oltre alla propria impresa di assicurazione, anche il responsabile del sinistro stradale, al fine di rendere opponibile anche a quest'ultimo l'accertamento della sua responsabilità in vista dei...

» Indennizzo diretto: Improponibilità della domanda (M.Cuomo)

Indennizzo diretto: 1) Improponibilità della domanda ex art. 149 D.Lgs.209/2005 se la richiesta di risarcimento danni è stata erroneamente inoltrata, per conoscenza, a società diversa da quella che garantiva il veicolo del responsabile civile; 2)...

» CdA: Proponibilità della domanda - Sinistro senza collisione (A.Ventimiglia)

Il Giudice di Pace, con la sentenza in esame ha rigettato la eccezione di improponibilità della domanda per violazione degli artt. 145 e 148 (richiesta incompleta) atteso che la compagnia convenuta non ha richiesto, ai sensi dei detti articoli le...

» Indennizzo diretto e macchine agricole

Si applica l'indennizzo diretto nel caso di scontro tra autovettura e macchina agricola? (Marco da San Vitaliano)Per le macchine agricole, così come definite dall'art. 57 del Codice della Strada, l’indennizzo diretto è applicabile, ma solo per i...

» Indennizzo Diretto (Anna Esposito)

PROCEDURA DI RISARCIMENTO DIRETTO - Avv. Anna Esposito - Giudice di Pace di OttavianoL’articolo 149 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre 2005, ribattezzato Codice delle Assicurazioni Private, ed il D.P.R. n. 254 del 18 luglio 2006 ...

» Che cos'è l'Indennizzo Diretto?

L'indennizzo diretto è la procedura introdotta dall'art.149 del D.Lgs.209/2005 (c.d. Codice Assicurazioni), secondo la  quale "in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal...

» Corte Cost. 19.06.2009 n. 180 - Indennizzo Diretto:facoltatività

Sentenza Corte Costituzionale 19.06.2009 n. 180"Sulla base proprio delle parole, secondo la loro connessione (art. 12 disp. attuazione), l'azione diretta contro il proprio assicuratore è configurabile come una facoltà, e quindi un'alternativa...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Giu 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Un brocardo al giorno...

Traditio corporis ante propter nuptias.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png