AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Sinistro causato dal solo vettore senza coinvolgimento di altro veicolo: inapplicabilità dell'art. 141 CdA (A.Ventimiglia)

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza in esame, il Giudice di Pace ha ritenuto che, alla luce del costante riferimento alla necessaria compresenza di almeno due istituti assicuratori, l'art. 141 del D.Lgs. 209/2005 non è applicabile alle ipotesi di sinistro verificatosi senza il coinvolgimento di altro veicolo, oltre quello del vettore, nè alle ipotesi di sinistri verificatisi tra un veicolo assicurato ed altro non assicurato o non identificato (Giudice di Pace di Ottaviano - sentenza 30.09.2011).

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL GIUDICE DI PACE DI OTTAVIANO

In persona della dott.ssa. Assunta Ventimiglia ha pronunciato la seguente

Sentenza

nella causa civile, iscritta al n° 4828 del Ruolo Generale degli affari civili dell’anno 2010, riservata a sentenza all’udienza del 30.09.2011, avente ad oggetto: risarcimento danni derivanti dalla circolazione di autoveicoli

Tra

CCC LLL, nata il <...> a e residente in <...> alla via  ( C.F. CCC LLL 00A00 L000V), in proprio ed in qualità di genitore esercente la potestà genitoriale sulla minore VVV AAA, nata il 00.00.000 a <...> ( C.F. VVV AAA 00B00 F000U) ed EEE GGG, nata il 00.00.000 a ed ivi residente alla Via <...> ( C.F. EEE GGG 00R00 L000H), elettivamente domiciliate in alla Via <...>, 89 nello studio dell’Avv. Aaa Lll, che le rappresenta e difende in virtù di procura a margine dell’atto di citazione;

Attrici

E

Assicurazioni S.p.A. – quale società incorporante la  Assicurazioni S.p.A., in persona del suo legale rappresentante p.t., con sede in alla , 45, elettivamente domiciliata in <...> alla Via Ppp Mmm, 53 nello studio dell’Avv. Aaa Ppp, che la rappresenta e difende in virtù di procura a margine della comparsa di risposta;

Convenuta

Nonché

VVV CCC, residente in Terzigno alla Via <...>;

Convenuta Contumace

Conclusioni

Come da verbale di udienza del 30.09.20011.

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

Preliminarmente si osserva che non si è proceduto alla redazione dello svolgimento del processo in ossequio al nuovo art. 132 c.p.c. come novellato ex lege n. 69/09, entrata in vigore il 04.07.2009, tenuto conto dell’art. 58 della stessa legge 69/09 che ha espressamente previsto l’immediata applicazione del nuovo art. 132 c.p.c. anche ai procedimenti pendenti in primo grado.

Passando ad esaminare le ragioni di diritto della decisone rileva osservare che va dichiarata la contumacia di VVV CCC.

Ancora in via preliminare va dichiarata l’inammissibilità della domanda.

Invero, le attrici hanno dichiarato che il giorno 18.12.2009, alle ore 00.30 circa, in Torre del Greco alla Via Viuli, il conducente dell’autovettura Ford Ka tg. XX000XX, a bordo della quale erano trasportate, ( testuale nell’atto di citazione ).

Rileva osservare che il risarcimento del terzo trasportato è disciplinato dall’articolo 141 del decreto legislativo numero 205 del 7 settembre 2005, il quale prende il posto dell’abrogato articolo 1 della legge numero 990 del 1969 e consente al trasportato di instaurare l’azione diretta nei confronti dell’impresa di assicurazione del veicolo sul quale era a bordo al momento del sinistro. In base al citato articolo 141 il terzo trasportato ha azione, per il risarcimento dei danni subiti a causa di un sinistro stradale, nei confronti dell’impresa di assicurazione del veicolo a bordo del quale si trovava al momento del sinistro, la quale risarcisce il danno .

Dalla lettura del primo comma del citato articolo si evince che il danno del terzo trasportato è risarcito dall’assicuratore del veicolo del vettore , subito avvertendosi che per costante giurisprudenza e secondo accreditata dottrina nella nozione di caso fortuito rientra anche il fatto del terzo, cioè l’ipotesi della colpa esclusiva del conducente di un altro veicolo. È stato, infatti, affermato che per caso fortuito deve intendersi un evento interruttivo del nesso causale e cioè un fatto esterno alla sfera di controllo del soggetto cui si imputa il danno, fatto imprevedibile ed inevitabile.

Orbene, si riscontra nel citato articolo 141 una contraddizione tra l’affermare che l’assicuratore risponde e l’aggiungere che tale responsabilità sussiste .

Occorre, pertanto, procedere alla interpretazione della norma, subito avvertendosi che si profilano due diverse opzioni interpretative.

Secondo una prima interpretazione l’assicuratore del vettore risponde nei confronti del trasportato quando vi è una colpa almeno concorrente, ancorché presunta, del proprio assicurato, mentre ove, per contro, l’assicuratore dimostra che il sinistro è dovuto interamente a responsabilità di altro conducente, non sarà tenuto al risarcimento. Secondo l’altra interpretazione, che a parere di questo giudice è da preferire, la precisazione non si pone in contraddizione con la parte della regola per cui è fatta , ma va al contrario coordinata con quest’ultima ed è cioè finalizzata ad escludere che il fatto del terzo, consistente nella colpa esclusiva di un altro conducente, possa rilevare ai sensi del comma 1 dell’articolo 141; in base a questa impostazione la compagnia assicuratrice è comunque tenuta a risarcire il danno subito dal terzo trasportato dall’eventuale responsabilità esclusiva di altro conducente.

A parere di questo giudice la tesi preferibile è la seconda perché più aderente allo scopo che il legislatore si era prefisso con l’elaborazione di una norma diretta ad agevolare il terzo passeggero.

Tale orientamento trova conferma nella ordinanza numero 205 del 13 giugno 2008 della Corte Costituzionale, la quale ha dichiarato la manifesta inammissibilità delle questioni di legittimità costituzionale dell’articolo 141 e di altri articoli del citato decreto legislativo numero 209 . La Corte Costituzionale, nell’or citata ordinanza, nel motivare la decisione adottata, ha addebitato ai giudici rimettenti di non aver adempiuto aggiungendo che ( testuale nella menzionata ordinanza ).

Muovendo proprio dal contenuto della suddetta ordinanza, che richiama l’attenzione degli operatori del diritto sulla imprescindibile necessità di una interpretazione costituzionalmente orientata delle norme, si può affermare che il legislatore, con il citato articolo 141, ha rafforzato la posizione del terzo trasportato, sottraendolo all’onere probatorio in ordine alla responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro, essendo, lo stesso trasportato, tenuto solo a provare la propria posizione di trasportato e l’entità dei danni patiti.

Dispone il citato articolo 141, al terzo comma, che l’impresa di assicurazione del responsabile civile può intervenire nel giudizio e può estromettere l’impresa di assicurazione del veicolo riconoscendo la responsabilità del proprio assicurato ed aggiunge, al quarto comma, che l’impresa di assicurazione che ha effettuato il pagamento ha diritto di rivalsa nei confronti dell’impresa di assicurazione del responsabile civile nei limiti ed alle condizioni previste dall’articolo 150.

Alla luce del dato letterale e del costante riferimento alla necessaria compresenza di due enti assicuratori, l’articolo 141 sembra potersi applicare, pur in assenza di precise indicazioni al riguardo, ai soli casi di sinistri tra due veicoli regolarmente assicurati per la r.c.a., avvertendosi che la convenzione CARD prevede espressamente all’articolo 34 la possibilità dell’applicazione dell’articolo 141 anche in ipotesi di sinistri multipli nei quali sono stati coinvolti più di due veicoli.

L’articolo 141 non si applica alle ipotesi di sinistri verificatisi senza il coinvolgimento di altri veicoli diversi da quello del vettore, né alle ipotesi di sinistri verificatisi tra un veicolo assicurato ed un veicolo non assicurato o non identificato.

Nel caso in esame non vi è il coinvolgimento di altro veicolo diverso da quello del vettore, conseguendone l’inapplicabilità della normativa dettata dal citato articolo 141.

Per i superiori rilievi la domanda va dichiarata inammissibile.

La particolarità della materia oggetto della causa e l’esistenza di contrasti interpretativi, inducono a compensare tra le parti le spese di lite.

P. Q. M.

Il Giudice di Pace di Ottaviano definitivamente pronunciando sulla domanda proposta da CCC LLL, in proprio ed in qualità di genitore esercente la potestà genitoriale sulla minore VVV AAA, e da EEE GGG nei confronti di VVV CCC e della S.p.A. UGF Assicurazioni, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, ogni altra domanda ed eccezione disattese, così provvede:

1 ) dichiara l’inammissibilità della domanda;

2) compensa tra le parti le spese del giudizio.

Così deciso in Ottaviano il 30.09.2011

Il Giudice di Pace

dott.ssa Assunta Ventimiglia

Commenti

Registrarsi per inviare commenti all'articolo o repliche a commenti
 
Articoli collegati :

» Cass. 16477/2017. L'art. 141 CdA si applica anche se il veicolo antagonista è sconosciuto o scoperto di assicurazione.

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che, sulla base sia del dato testuale che delle finalità della norma, che sono quelle di tutelare il terzo trasportato, in caso di scontro, per fargli avere nel modo più semplice e...

» Cass. 20654/2016 - Art. 141 d.lgs.209/2005: il trasportato deve provare non solo il danno, ma anche l'effettivo accadimento del sinistro ed il nesso di causalità tra incidente e danni da risarcire.

Il Tribunale, confermando la sentenza del Giudice di Pace, rigetta l'appello esprimendo un giudizio di inattendibilità del teste e ritenendo, conseguentemente, che l'incidente non sia stato provato. La Corte di Cassazione, nella sentenza in...

» Cass. 19986/2016. Coniuge comproprietario-trasportato del veicolo: ha diritto al risarcimento danni.

Alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea (sentenza 1 dicembre 2011, Churchill Insurance/Wilkinson), giusta il principio solidaristico vulneratus ante omnia reficiendus,  il proprietario trasportato ha diritto,...

» Corte Appello di L'Aquila. Art. 141 CdA: si applica anche senza coinvolgimento di altri veicoli

La Corte d'Appello di L'Aquila, con la sentenza che segue, ha ritenuto che,  ai fini della invocabilità della previsione ex art. 141 d.lgs. 209/2005 non sono previste preclusioni a seconda che il sinistro sia avvenuto o meno a seguito della...

» La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del D.Lgs. 209/2005

 La tutela del danneggiato: artt. 141 e 149 del d.lgs.209/2005(avv. Maria Cuomo - Giudice di Pace di Nola)   

» Cass. 25345/2015. Scontro tra veicolo e motorino. Corresponsabilità dei conducenti. Trasportata illegittimamente sul motorino esente da responsabilità.

Se la presenza illegittima di due persone sul ciclomotore non ha avuto alcuna effi­cienza causale nella produzione del sinistro, allora nessuna responsabilità puó essere attribuita al trasportato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la...

» Cass. 16181/2015. Il trasportato non deve provare le modalità del sinistro. Il caso del trasportato proprietario del veicolo

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha affermato che il terzo trasportato per essere risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo del quale era a bordo al momento del sinistro deve fornire la prova di aver subito un danno a...

» Cass. 7704/2015. Trasportato proprietario del veicolo: quale azione per ottenere il risarcimento integrale?

"Il diritto del trasportato all'integrale risarcimento del danno costituisce una pacifica acquisizione della giurisprudenza di questa Corte,  a condizione che questi non sia anche proprietario del mezzo. È necessario, però, che tale risarcimento...

» Tribunale di Siena. Trasportato: il conducente del veicolo non è litisconsorte necessario

Anche il Tribunale di Siena ha ritenuto che se il trasportato invoca l'art. 141 del D.Lgs.209/2005 deve convenire in giudizio unicamente la compagnia di assicurazione del veicolo del quale viaggava a bordo, non sussistendo, nella fattispecie, una...

» Cass. 5795/14. E' onere del danneggiante provare che il trasportato non indossava la cintura di sicurezza.

Il conducente del veicolo, in prossimità di una curva, perde il controllo della propria auto la quale, finita fuori dalla sede stradale, si ribalta in una scarpata. A seguito di tale caduta, il trasportato è sbalzato fuori dalla vettura,...

» Art. 141 CdA: inapplicabile se uno dei veicoli coinvolti nel sinistro non è assicurato (A. Esposito)

Gli attori hanno agito, in via principale, ai sensi dell'art. 141 del D. Lgs. 209/2005, nei confronti della S.p.A. UGF Assicurazioni, assuntrice del rischio derivante dalla circolazione del motociclo Honda a bordo del quale era trasportato il...

» Cass. 26239/2013. Trasporto illegittimo di passeggero su ciclomotore: esclusa la responsabilità del conducente se non vi è collegamento con l'evento dannoso.

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale l'inosservanza di una norma di circolazione stradale, pur comportando responsabilità sotto altro titolo per l'infrazione commessa, non è di per sè...

» Cass. 19963/2013. Il trasportato anche se proprietario del veicolo e contraente ha diritto al risarcimento

La vittima trasportata ha sempre e comunque diritto al risarcimento integrale del danno, quale che ne sia la veste e la qualità. Tale principio, che, nel caso sottoposto al vaglio della Corte Regolatrice, è stato dichiarato operante anche per il...

» Art. 141 CdA. Trasportato: legittimata passiva è la sola compagnia di assicurazione del vettore (A. Ventimiglia)

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace ha ritenuto che, in caso di lesioni subite dal terzo trasportato, legittimato passivo è unicamente l'istituto assicuratore del veicolo del vettore. Infatti, ha ritenuto il giudicante, in base all'art....

» Art. 141 del D. Lgs. 209/2005. Il terzo trasportato: applicabilità della norma e legittimazione passiva (Margherita e Francesco Annunziata)

 Art. 141 del D. Lgs. 209/2005. Il terzo trasportato: applicabilità della norma e legittimazione passiva (Margherita e Francesco Annunziata) 

» Tribunale di Nola. Art. 141 CdA: l'azione va proposta nei confronti del solo assicuratore del vettore (C.Costabile)

Il terzo trasportato può scegliere se citare in giudizio il solo responsabile del danno, se esercitare l'azione diretta ex art. 144 d.lg. n. 209 del 2005, coinvolgendo anche la compagnia assicuratrice di quest'ultimo, ovvero invocare l'art. 141...

» Trasportato. Mancanza di scontro con altro veicolo: inapplicabilità dell'art. 141 CdA (M. Cuomo).

Nel  caso conclusosi con la sentenza in esame (domanda proposta dal trasportato per le lesioni subite a seguito di sinistro senza coinvolgimento di altro veicolo) il Giudice di Pace ha ritenuto la inapplicabilità dell'art. 141 del D. Lgs. 209/2005...

» Quattro sul ciclomotore: responsabilità esclusiva del conducente veicolo antagonista e corresponsabilità genitori ex art. 1227 c.c.(M. Cuomo)

Il Giudice di Pace, in questa sentenza, ha ritenuto che il trasporto irregolare (4 persone sul ciclomotore: genitori e due minori), di per sè, non può escludere o limitare la responsabilità del conducente il veicolo antagonista se dalla...

» Cass. 25218/2011: Due sul ciclomotore: responsabilità dei genitori.

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha ritenuto che costituisce massima d'esperienza comune la circostanza che l'impianto frenante di un ciclomotore, progettato per una sola persona, abbia un'efficacia ben minore, quando il mezzo...

» Quattro sul ciclomotore: responsabilità esclusiva del conducente il veicolo antagonista (A.Fuscellaro)

Il Giudice di Pace, in questa sentenza, ha ritenuto che il trasporto irregolare (4 persone sul ciclomotore: genitori e due minori), di per sè, non può escludere o limitare la responsabilità del conducente il veicolo antagonista se dalla...

» Cass. 10526/2011: Tre su ciclomotore: concorso di colpa del trasportato.

Quando la circolazione di un ciclomotore con a bordo tre persone (di cui uno minore) è ricollegabile all’azione o omissione sia del conducente che del trasportato, emerge una fattispecie caratterizzata dal reciproco consenso dei medesimi alla...

» Azione ex art. 141 C.d.A. e modalità richiesta di risarcimento (A.Ferrara)

Il Giudice di Pace con la sentenza che segue ha dichiarato la improponibilità della domanda proposta ex art. 141 D. Lgs. 209/2005 in quanto l'attore, disattendendo il dettato della legge, ha provveduto all'invio della richiesta di risarcimento...

» La tutela del trasportato (Anna Esposito)

IL RISARCIMENTO DEL DANNO SUBITO DAL TERZO TRASPORTATO ( Avv. Anna Esposito - Giudice di Pace di Ottaviano)Il risarcimento del danno subito dal terzo trasportato è disciplinato dall’articolo 141 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre...

» Corte Cost. 205/2008 - Ordinanza - Trasportato

"I giudici rimettenti non hanno adempiuto l'obbligo di ricercare un'interpretazione costituzionalmente orientata delle norme impugnate, nel senso cioè che esse si limitino a rafforzare la posizione del trasportato, considerato soggetto debole,...

Giudice di Pace di Nola

Articoli correlati

Eventi Formativi

<<  Ott 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Un brocardo al giorno...

Testis idoneus pater filio, aut filius patri, non est.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png