AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in AvvocatiOttaviano.it


Azione ex artt. 144 e 148 CdA. Intervento della compagnia dell'attore: inammissibilità (R.Iorio)

E-mail Stampa PDF

Azione ex artt. 144 e 148 del Codice delle Assicurazione. Si costituisce in giudizio, con atto di intervento volontario, la compagnia di assicurazione dell'attore. Con l'ordinanza che segue, il Giudice di Pace ha ritenuto la inammissibilità di tale intervento atteso che la posizione processuale assunta dall'assicuratore interveniente non è inquadrabile in alcuna delle ipotesi di intervento volontario. Difatti è evidente che l'interveniente non ha alcun diritto proprio da far valere nei confronti dell'una e/o dell'altra parte, non vi sono domande nei confronti di alcuno e certamente l'assicuratore del danneggiato non può avere interesse alla vittoria della controparte del proprio assicurato che anzi, in ipotesi di responsabilità contestata, sarebbe facultizzato (C.Cost 180/2009) ad agire direttamente nei confronti della stessa interveniente. In buona sostanza l'interveniente non ha alcun interesse ad agire attuale e concreto ex art. 100 c.p.c. (Giudice di Pace di Nola - ordinanza del 30.06.2017).

Leggi tutto...
 

Danno Biologico di lieve entità: aggiornamento 2017

E-mail Stampa PDF

Il Ministero dello Sviluppo Economico con decreto del 17/07/2017 pubblicato sulla G.U. n. 196 del 29 agosto 2017 ha aggiornato l' importo del primo punto di invalidità - ai fini del calcolo del danno biologico di lieve entità ex art. 139 del D.Lgs.209/2005 - ad euro 803,79 (790,35) mentre l'importo relativo alla ITT è pari ad euro 46,88 (46,10) (Vedi Tabella)

 

Legge 4 Agosto 2017, n. 124: modifiche al Codice delle Assicurazioni

E-mail Stampa PDF

LEGGE 4 agosto 2017, n. 124 (estratto)

Legge annuale per il mercato e la concorrenza.

(Gazzetta Ufficiale n.189 del 14-08-2017)

(Entrata in vigore  29/08/2017)

 

Leggi tutto...
 

Decreto Legislativo n. 116 del 31 luglio 2017: Riforma della magistratura onoraria

E-mail Stampa PDF

La riforma della magistratura onoraria

Il decreto legislativo n. 116 del 13 luglio 2017, pubblicato sulla G.U. n. 117, contiene la riforma della magistratura onoraria e, in particolare, dei giudici di pace, dei giudici onorari dei tribunali e dei vice procuratori onorari. Le disposizioni contenute nel decreto saranno vigenti dal 15 agosto 2017 (Leggi testo decreto legislativo)

 

Cass. 16437/2017.Le spese di giudizio possono essere compensate solo per gravi ed eccezionali motivi. Esempi proposti dalla Corte.

E-mail Stampa PDF

La compensazione delle spese di lite è permessa allorché concorrano "gravi ed eccezionali ragioni". Tale formulazione costituisce una norma elastica, quale clausola generale che il legislatore ha previsto per adeguarla ad un dato contesto storico-sociale o a speciali situazioni, non esattamente ed efficacemente determinabili a priori, ma da specificare in via interpretativa da parte del giudice del merito, con un giudizio censurabile in sede di legittimità, in quanto fondato su norme giuridiche. Ne consegue la necessità di una giustificazione che, per essere ricondotta al parametro normativo, deve essere fondata su di una motivazione specifica ed eziologicamente ricollegabile in modo effettivo e non astratto alla controversia in oggetto. In altri termini, le "gravi ed eccezionali ragioni", da indicarsi esplicitamente nella motivazione, che ne legittimano la compensazione totale o parziale, devono riguardare specifiche circostanze o aspetti della controversia decisa e non possono essere espresse con una formula generica, inidonea a consentire il necessario controllo (Corte di Cassazione, III sez. Civile, Ordinanza del 05/07/2017, n. 16473).

Leggi tutto...
 

Il condomino ha diritto al rimborso delle spese sostenute per la conservazione della cosa comune solo se ne prova l'urgenza (M. Cuomo)

E-mail Stampa PDF

Il condomino per aver diritto al rimborso della spesa affrontata per conservare la cosa comune deve dimostrarne l'urgenza, ai sensi dell'articolo 1134 cod. civ., ossia la necessità di eseguirla senza ritardo, e quindi , senza poter avvertire tempestivamente l'amministratore o gli altri condomini. Si tratta di una deroga al disposto di cui all'art. 1134 cod. civ. per il quale , il condomino che ha sostenuto delle spese per le cose comuni senza autorizzazione dell’amministratore o dell’assemblea non ha diritto al rimborso. Ed invero, l’urgenza per giustificare l'esecuzione dei lavori, a prescindere dalle autorizzazioni dell'amministratore o dell'assemblea condominiale, deve essere tale da non consentire neppure quella minima dilazione necessaria per consentire al condominio di deliberarli o per ottenere l'autorizzazione dell'amministratore (Giudice di Pace di Nola - sentenza del 24.06.2017).

Leggi tutto...
 


Pagina 2 di 97
Totale Visite Sito : 13986210


Giudice di Pace di Nola

Eventi Formativi

<<  Nov 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Un brocardo al giorno...

Perpetuatio obligationis.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png