AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in AvvocatiOttaviano.it


Cass. 19058/2016, Il danneggiato accetta un risarcimento ridotto: è legittimo l'aumento di premio?

E-mail Stampa PDF

Per l'avanzamento od il declassamento nella scala delle classi di merito rileva non la condotta dell'assicurato, ma quella dell'assicuratore. La formula tariffaria del bonus/malus infatti si fonda sul principio che quanto più l'assicurato è imprudente e provoca sinistri stradali, tanto più aumenteranno i costi che lui causa al suo assicuratore, e quindi il premio da lui dovuto. Ne consegue che in tanto l'assicurato può essere declassato, in quanto il suo assicuratore sia stato costretto ad indennizzare integralmente un terzo dei danni causati dall'assicurato: vuoi in via diretta, ai sensi dell'art. 144 cod. ass., vuoi in stanza di compensazione, ai sensi dell'art. 150 cod. ass. Pertanto è necessario verificare se l'assicurato effettivamente ha causato danni a terzi, che il suo assicuratore abbia dovuto indennizzare a nulla rilevando che che l'assicurato ha incassato dapprima un indennizzo parziale e, poi, un indennizzo totale (Cassazione Civile, VI sez., ordinanza del 28.09.2016 n. 19058).

Leggi tutto...
 

Cass. 14706/2016. Insidia stradale: è sufficiente la testimonianza di unico teste, familiare dell'attore?

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione, ha ribadito il principio secondo il quale non sussiste, con riguardo alle deposizioni rese dai parenti o dal coniuge di una delle parti, alcun principio di necessaria inattendibilità connessa al vincolo di parentela o coniugale, siccome privo di riscontri nell'attuale ordinamento, considerato che, venuto meno il divieto di testimoniare previsto dall'art. 247 c.p.c. per effetto della sentenza della Corte Cost. n. 248 del 1974, l'attendibilità del teste legato da uno dei predetti vincoli non può essere esclusa aprioristicamente, in difetto di ulteriori elementi in base ai quali il giudice del merito reputi inficiarne la credibilità, per la sola circostanza dell'esistenza dei detti vincoli con le parti; e d'altronde la prova testimoniale, anche nel caso in cui si tratti di un unico teste, mai necessita, per espletare la sua valenza, riscontri esterni a suo supporto, tranne nell'ipotesi in cui si tratti di testimonianza de relato (Cass, sez. III sentenza del 19.07.2016, n.14706).

Leggi tutto...
 

Cass. 7214/2017. Notifica nulla e notifica inesistente

E-mail Stampa PDF

La notifica eseguita in luogo o a soggetti diversi da quelli dovuti comporta l’inesistenza della notifica stessa solo in difetto di alcuna attinenza o riferimento o collegamento di quel luogo o soggetto con il destinatario, altrimenti la notifica è affetta da semplice nullità. Nella fattispecie, la notificazione dell’atto  è stata indirizzata al  nuovo difensore costituitosi nel giudizio di primo grado per gli attori, ma eseguita presso lo studio dei precedenti difensori di questi ultimi. Il collegamento tra il luogo di notifica dell’atto e la parte appellata è dunque di tutta evidenza, di guisa che la notificazione stessa è da qualificarsi nulla e non già inesistente. Con l’ulteriore conseguenza che l’avvenuta costituzione nel giudizio d’appello della parte appellata ha sanato, ai sensi dell’art. 156, 3 comma c.p.c., detta nullità con efficacia retroattiva (Corte di Cassazione, Sez. VI Civile – 2, ordinanza n. del 21 marzo 2017, n. 7214).

Leggi tutto...
 

Cass. 7949/2017. Distanza tra autovelox e relativa segnalazione

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha sancito che i segnali stradali e i dispositivi di segnalazione luminosi devono essere installati "con adeguato anticipo" rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale predominante. La distanza tra i segnali o i dispositivi e la postazione di rilevamento della velocità deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi; in particolare, è necessario che non vi sia tra il segnale e il luogo di effettivo rilevamento una distanza superiore a quattro km, mentre non è stabilita una distanza minima, né assume rilevo la mancata ripetizione della segnalazione di divieto dopo ciascuna intersezione per gli automobilisti che proseguano lungo la medesima strada  (Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza del 28 marzo 2017, n. 7949).

Leggi tutto...
 

Scardinamento Ruolo dott. Scognamiglio

E-mail Stampa PDF

Giudice di Pace di Nola

Scardinamento ruolo dott. Luigi Scognamiglio

(Completo - vedi elenco)

 


 

Cass. 5532/2017. Autovelox: puo' essere installato solo sulle strade urbane di scorrimento.

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha ritenuto che il provvedimento prefettizio di individuazione delle strade lungo le quali è possibile installare apparecchiature automatiche per il rilevamento della velocità, senza obbligo di fermo immediato del conducente può includere soltanto le strade del tipo imposto dalla legge mediante rinvio alla classificazione di cui all’art. 2, commi 2 e 3, cod. strada, e non altre; è, pertanto, illegittimo - e può essere disapplicato nel giudizio di opposizione a sanzione amministrativa - il provvedimento prefettizio che abbia autorizzato l’installazione delle suddette apparecchiature in una strada urbana che non abbia le caratteristiche "minime" della "strada urbana di scorrimento (Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza  6 marzo 2017, n. 5532).

Leggi tutto...
 


Pagina 4 di 97
Totale Visite Sito : 13986205


Giudice di Pace di Nola

Eventi Formativi

<<  Nov 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Un brocardo al giorno...

Finito officio, cessant onera officii.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png