AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in AvvocatiOttaviano.it


Avvocati ex Mandamento di Ottaviano (Na)

(Terzigno - San Giuseppe Ves.no - Ottaviano)

 

Cass. 16437/2017.Le spese di giudizio possono essere compensate solo per gravi ed eccezionali motivi. Esempi proposti dalla Corte.

E-mail Stampa PDF

La compensazione delle spese di lite è permessa allorché concorrano "gravi ed eccezionali ragioni". Tale formulazione costituisce una norma elastica, quale clausola generale che il legislatore ha previsto per adeguarla ad un dato contesto storico-sociale o a speciali situazioni, non esattamente ed efficacemente determinabili a priori, ma da specificare in via interpretativa da parte del giudice del merito, con un giudizio censurabile in sede di legittimità, in quanto fondato su norme giuridiche. Ne consegue la necessità di una giustificazione che, per essere ricondotta al parametro normativo, deve essere fondata su di una motivazione specifica ed eziologicamente ricollegabile in modo effettivo e non astratto alla controversia in oggetto. In altri termini, le "gravi ed eccezionali ragioni", da indicarsi esplicitamente nella motivazione, che ne legittimano la compensazione totale o parziale, devono riguardare specifiche circostanze o aspetti della controversia decisa e non possono essere espresse con una formula generica, inidonea a consentire il necessario controllo (Caorte di Cassazione, III sez. Civile, Ordinanda del 05/07/2017, n. 16473).

Leggi tutto...
 

Il condomino ha diritto al rimborso delle spese sostenute per la conservazione della cosa comune solo se ne prova l'urgenza (M. Cuomo)

E-mail Stampa PDF

Il condomino per aver diritto al rimborso della spesa affrontata per conservare la cosa comune deve dimostrarne l'urgenza, ai sensi dell'articolo 1134 cod. civ., ossia la necessità di eseguirla senza ritardo, e quindi , senza poter avvertire tempestivamente l'amministratore o gli altri condomini. Si tratta di una deroga al disposto di cui all'art. 1134 cod. civ. per il quale , il condomino che ha sostenuto delle spese per le cose comuni senza autorizzazione dell’amministratore o dell’assemblea non ha diritto al rimborso. Ed invero, l’urgenza per giustificare l'esecuzione dei lavori, a prescindere dalle autorizzazioni dell'amministratore o dell'assemblea condominiale, deve essere tale da non consentire neppure quella minima dilazione necessaria per consentire al condominio di deliberarli o per ottenere l'autorizzazione dell'amministratore (Giudice di Pace di Nola - sentenza del 24.06.2017).

Leggi tutto...
 

Cass. 16477/2017. L'art. 141 CdA si applica anche se il veicolo antagonista è sconosciuto o scoperto di assicurazione.

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione ha ritenuto che, sulla base sia del dato testuale che delle finalità della norma, che sono quelle di tutelare il terzo trasportato, in caso di scontro, per fargli avere nel modo più semplice e veloce possibile il risarcimento al quale ha diritto, individuando il soggetto sul quale allocare il rischio assicurativo in quello per lui più facilmente individuabile, deve ritenersi che l’art. 141 cod. ass. si applichi a prescindere dall’esistenza di due veicoli entrambi dotati di regolare assicurazione privata. A ben guardare, continua la Corte, la formula normativa presuppone soltanto la sussistenza di un sinistro, e di un danno subito dal terzo trasportato, che non sia dovuto a caso fortuito, ma non esige affatto, per la integrazione della sua fattispecie, che lo stesso si sia verificato a seguito di uno scontro tra due o più automezzi. Data questa lettura, la necessità che esista un secondo veicolo assicurato scolora sullo sfondo (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza  del 5 luglio 2017, n. 16477).

Leggi tutto...
 

Indirizzo PEC tratto dall'elenco IPA: nullità della notifica (M.Cuomo)

E-mail Stampa PDF

Nella sentenza che segue, il Giudice di Pace ha ritenuto la nullità della notifica  all'indirizzo PEC tratto dall'elenco IPA. Invero, ha ritenuto il giudicante, il Registro IndicePA, istituito dall’art. 16, co. 8 del D.L. 185/2008,  reca gli indirizzi di posta elettronica della quasi totalità delle Pubbliche Aministrazioni italiane, tuttavia il D.L. 90/2014 ha espunto il riferimento a Indice PA dall’art. 16 ter del D.L. 179/2012 (convertito con modificazioni in L. 221/2012), il quale riporta l’elenco dei pubblici registri dai quali è possibile estrarre gli indirizzi di posta elettronica certificata ai fini della notifica in proprio a mezzo PEC. Pertanto IndicePA non può più essere utilizzato a tal fine, in quanto, sebbene pubblico elenco, non è ricompreso nell’elenco dei pubblici elenchi utilizzabili ai fini della notifica a mezzo PEC, dovendosi invece far riferimento al registro PP.AA., istituito dall’art. 16, co. 12 D.L. 179/2012 (Giudice di Pace di Nola, sentenza 27.05.2017).

Leggi tutto...
 

Cass. 12495/2017. Cane randagio: il Comune unico responsabile.

E-mail Stampa PDF

Nella sentenza in esame, la Corte di Cassazione, in tal senso confermando e puntualizzando i principi di diritto sostanzialmente già enunciati, ha affermato che la responsabilità per i danni causati dai cani randagi spetti esclusivamente al Comune, o all'ente, cui è attribuito dalla legge (ed in particolare dalle singole leggi regionali attuative della legge quadro nazionale n. 281/1991) il compito di prevenire il pericolo specifico per l’incolumità della popolazione connesso al randagismo, e cioè il compito della cattura e della custodia dei cani vaganti o randagi. L’attribuzione per legge ad uno o più determinati enti pubblici del compito della cattura e della custodia degli animali vaganti o randagi (e cioè liberi e privi di proprietario) può, infatti considerarsi il fondamento della responsabilità per i danni eventualmente arrecati alla popolazione dagli animali suddetti, anche sotto l’aspetto della responsabilità civile (Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza del 18 maggio 2017, n. 12495).

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 96
Totale Visite Sito : 12468818


Giudice di Pace di Nola

Eventi Formativi

<<  Lug 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Un brocardo al giorno...

Ratio decidendi.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png